Allo chef Roberto Stefani il premio speciale cameo Più dolce di qualsiasi cosa dolce della prima Garda Cooking Cup 2016

0
670

Con “Uramaki”, un dolce di vaniglia e crema con copertura di granella e caviale di trota che utilizza i prodotti cameo torta soffice margherita, crema pasticciera e granella di nocciole, lo chef Roberto Stefani (del ristorante La Lepre di Desenzano del Garda) si è aggiudicato il premio speciale cameo Più dolce di qualsiasi cosa dolce nella prima Garda Cooking Cup che si è tenuta nella splendida cornice del golfo di Salò il 24 e 25 settembre. L’imbarcazione dello skipper Corbucci ha vinto la regata e, con lo chef Moro, si sono aggiudicati la vittoria finale nella classifica che riuniva il punteggio totalizzato dalla regata, il piatto salato e il dolce cucinati a bordo.

cameo, azienda alimentare specializzata nei preparati per dolci, nelle pizze surgelate e nei dessert freschi con sede a Desenzano del Garda (BS), non poteva mancare all’appuntamento con la Garda Cooking Cup, un format che unisce in un unico progetto la vela amatoriale, la cucina di qualità e le eccellenze del territorio. Nella kermesse, i 12 equipaggi, con cucina e forno a bordo, si sono sfidati sul campo di regata, mentre i cuochi (10 professionisti e 2 dilettanti) si sono cimentati nella preparazione di un piatto e di un dessert, da sottoporre alla valutazione della giuria.

Testimonial dell’evento lo chef Davide Oldani (presidente di Giuria per la parte culinaria) e la gardesana, campionessa di vela, Federica “Chicca” Salvà.

Una speciale giuria selezionata da cameo (composta da Vatinee Suvimol, avvocato di professione, autrice del blog “A thai pianist” e co-fondatrice del network iFood; Gennaro Vicino, mastro pasticciere cameo; Laura Gioia, food blogger e vincitrice del premio fotografico legato al contest Il Garda in Padella), ha premiato lo chef Roberto Stefani per la qualità del dessert tra tutti quelli preparati dalle imbarcazioni partecipanti alla regata. Il nome del premio, Più dolce di qualsiasi cosa dolce, è una citazione tratta da un madrigale che Gabriele D’Annunzio inviò come ringraziamento ad un pasticciere pescarese che gli aveva omaggiato un dolce. I dessert preparati dagli equipaggi sono stati composizioni originali utilizzando prodotti cameo e consegnati al briefing dei cuochi. La Giuria speciale cameo ha valutato la presentazione e l’estetica dei dolci, e assegnato dei punti aggiuntivi (da 1 a 8) che hanno contribuito alla classifica complessiva della manifestazione.

Nel corso della manifestazione, cameo ha sostenuto la cameo Food Factory, un’iniziativa realizzata da “Stop Hunger Now” onlus, una gara di solidarietà nel corso della quale sono stati confezionati in poco più di un’ora 7.500 pasti per i Paesi in via di sviluppo (destinazione Zimbawe). Non poteva mancare, prima della presentazione ufficiale degli equipaggi uno show cooking per la decorazione dei dolci sul palco attrezzato con cucina, dove il Mastro Pasticciere cameo, Gennaro Vicino, ha mostrato al pubblico presente come creare dolci meravigliosi aggiungendo un pizzico di fantasia e creatività.