Extreme E : i piloti si preparano all’azione dopo lo shakedown in Arabia Saudita

0
133

Gli shakedown sono terminati e la scena è pronta per l’evento inaugurale Extreme E in Arabia Saudita questo fine settimana (3-4 aprile), il Desert X Prix nei libri e gli autisti entusiasti di seguire il corso per vedere chi può rivendicare i primi diritti di vantarsi.

Alejandro Agag, fondatore e CEO di Extreme E, ha dichiarato:  “Questo è un giorno molto speciale. Extreme E era un’idea così fuori dagli schemi che molte persone non pensavano che sarebbe mai successo, anche io non sapevo se saremmo arrivati ​​a questo giorno. In questi tempi COVID, sarebbe stato impossibile organizzare questo evento senza l’incredibile supporto dei nostri ospiti e dei nostri team, e devo ringraziare l’Arabia Saudita per averci accolto. Ci stiamo preparando per qualcosa di straordinario questo fine settimana.

“Definisco Extreme E il più grande esperimento mai visto nel motorsport, e questo fine settimana è come un test e una gara allo stesso tempo. Abbiamo una formazione straordinaria: se si sommano tutti i campionati del mondo in griglia tra piloti e proprietari di team, ce ne sono più di 40 in totale. Poi abbiamo l’aspetto dell’uguaglianza di genere e la grande innovazione del Command Center, che ci vede riunire tutti questi rivali nella stessa stanza. È incredibile e questi SUV elettrici daranno vita a un grande spettacolo. Siamo pronti a correre! “

Sua Altezza Reale il Principe Khalid bin Sultan Al Faisal, Presidente della Saudi Automobile & Motor Federation, ha aggiunto: “Il Motorsport è molto importante per noi. Abbiamo una grande popolazione che ama il motorsport e l’intrattenimento e lavoriamo con Alejandro dal 2017 sulla Formula E, che ha segnato il nostro primo grande evento automobilistico internazionale. Siamo molto onorati di lavorare di nuovo con Alejandro e il suo team su un nuovo progetto così ambizioso. Veniamo dal deserto e abbiamo il posto migliore per i rally, quindi combinare la tecnologia elettrica con i rally significa che Extreme E si adatta davvero bene ai nostri piani per la sostenibilità e il futuro in Arabia Saudita.

“Siamo fortunati ad avere diversi tipi di scenari e paesaggi in Arabia Saudita, e questa è una delle zone più spettacolari. Volevamo condividere ciò che abbiamo, specialmente qui ad AlUla e anche svolgere il nostro ruolo nel rendere l’ambiente e il mondo più sicuri. Siamo in missione per salvaguardare il nostro pianeta e preservarlo per le generazioni future, e questo si allinea molto bene con Vision 2030 e mostra alle persone di tutto il mondo sia il nostro patrimonio che dove stiamo andando “.

Tutti i 18 concorrenti hanno avuto l’opportunità di provare il percorso di 18 km – incentrato su tre canyon nel vasto deserto che circonda AlUla – al volante dell’ODYSSEY 21, dando loro il primo assaggio di ciò che il fine settimana avrà in serbo. Tra le due sessioni, alcuni di loro hanno partecipato a una conferenza stampa in diretta streaming per offrire i loro pensieri sulla serie e sull’azione futura.

Jenson Button, pilota JBXE, ha dichiarato: “È emozionante essere qui, con così tanti grandi team e piloti da tutto il mondo. È molto speciale farne parte. È stato fantastico condividere lo sporco con quei ragazzi, anche se il mio campionato del mondo ovviamente è arrivato su asfalto, quindi è stato un po ‘uno shock! Ho già fatto un po ‘di fuoristrada su un’auto da rally, ma niente di simile sulla sabbia e l’ODYSSEY 21 è un veicolo molto diverso – non ho mai guidato in precedenza a quattro ruote motrici. È certamente estremo. Stai giocando con il volante tutto il tempo e il corso è folle!

“Mi piace l’idea delle qualifiche individuali, perché possiamo davvero spingere la macchina al limite e avere un’idea di cosa può fare. La mia squadra sta facendo un lavoro fantastico e non vedo l’ora di vedere come progredirà in questa stagione. Sicuramente non sono ancora pronto – ci vorrà un po ‘di tempo e impariamo costantemente, che è quello che voglio fare – ma è una grande esperienza e mi sto davvero divertendo. Mi dà una grande scarica di eccitazione. “

Sara Price, pilota di Segi TV Chip Ganassi Racing, ha dichiarato: “Sono così onorata di essere qui – nel mondo delle corse fuoristrada, non hai idea di quanto sia grande. È piuttosto incredibile che tutta la nostra industria ci osservi, e quando stamattina qualcuno mi ha detto che stavo facendo la storia come primo pilota a prendere parte al corso, è semplicemente pazzesco e fantastico. È già stato un viaggio e un’avventura del genere. Sono molto grato e felice di far parte di qualcosa che significa così tanto.

“Sono stato molto fortunato nella mia carriera ad avere molte opportunità di salire su alcune macchine incredibili, ma non ho mai avuto un albero dei soldi nel mio cortile, quindi non potrei mai permettermi di fare molti test. Penso che questo mi abbia reso molto bravo ad adattarmi rapidamente a diversi veicoli, che è esattamente quello che stiamo facendo qui in Extreme E: si tratta di avere un tempo minimo, saltare e capirlo il più velocemente possibile. Penso che il mio background off-road sia decisamente positivo, ma sarà una sfida per tutti “.

Stéphane Sarrazin, pilota della Veloce Racing, ha dichiarato: “È incredibile partecipare al primo evento Extreme E in una cornice così straordinaria. Questa è una grande opportunità per far parte di qualcosa che plasma il futuro, perché non c’è dubbio per me che l’elettrico sia il futuro del motorsport.

“Tutti i piloti qui hanno un’esperienza straordinaria – sono tutti i migliori piloti. Forse ho un piccolo vantaggio sul lato elettrico dalla Formula E, quindi devo assicurarmi di sfruttarlo al meglio. Il mio compagno di squadra Jamie [Chadwick] è molto veloce e abbiamo passato un po ‘di tempo insieme nella mia scuola di rally in Francia, dove è migliorata molto sulla ghiaia. Il suo background è ovviamente nelle corse su circuito, ma è molto aperta e desiderosa di imparare e abbiamo un ottimo rapporto “.

Timmy Hansen, pilota dell’Andretti United, ha dichiarato: “Sia a livello professionale che personalmente, questa è una grande avventura. Si tratta di qualcosa di più grande di noi, la macchina da corsa è fantastica e il percorso è divertente. Ovviamente è molto diverso dai test che abbiamo fatto l’anno scorso, ma la macchina si sente benissimo e sembra adattarsi molto bene alla pista. Andare a correre senza molto tempo di allenamento è proprio il tipo di sfida che amo. Il livello di adrenalina è molto alto.

“È stato davvero bravo lavorare con la mia compagna di squadra Catie [Munnings]. È ancora giovane e sta facendo un enorme passo avanti verso la trazione integrale, ma ha molto talento e una grande attitudine. Sono anche orgoglioso e molto fortunato di rappresentare due grandi nomi del motorsport come Andretti e United. È una squadra incredibile e farò di tutto per non deluderli. Abbiamo cercato tutti di prepararci al meglio ed è qui che conta, il che è molto emozionante. Ok, non ho partecipato a 15 Dakar o qualunque cosa sia [Carlos] Sainz, ma sicuramente farò del mio meglio … “

Mattias Ekström, pilota ABT CUPRA XE, ha detto: ” Ho molte ragioni per esserlo felice di essere qui. Più invecchi, più saggio diventi e la mia priorità principale è godermi tutto e divertirmi. Extreme E è incentrato su azioni brevi e veloci, rendendolo perfetto per Cupra come un marchio così interessante, e ovviamente ABT come organizzazione sa come vincere.

“Dopo aver guidato la pista questa mattina, penso sia giusto dire che il secondo settore è quello difficile, con linee diverse e creste cieche. Penso che la differenza più grande sarà fatta lì. L’emozione arriverà quando dovrai spremere il limite dei giri in qualifica e nelle gare. Sarà fondamentale concentrarti davvero, inchiodare la tua preparazione e poi uscire e distruggerla, perché se non lo fai, non raggiungerai la finale “.

Laia Sanz, ACCIONA | Il pilota del team Sainz XE, ha dichiarato: “Ho una tale miscela di emozioni. Sono sempre stato un fan di Carlos [Sainz – compagno di squadra] sin da quando ero molto giovane, quindi puoi immaginare quanto fossi eccitato quando mi ha chiamato. È molto professionale e super competitivo, quindi sono sicuro di avere il miglior insegnante possibile e di poter imparare molto da lui.

“Non sarà facile affrontare tutti questi campioni e gli altri piloti hanno tutti molta più esperienza di me sulle quattro ruote, il che aggiunge un po ‘di pressione. Venendo dalle moto, ho pochissima esperienza precedente al volante e nessuna esperienza di tecnologia elettrica, ma ho provato con Carlos che mi ha aiutato a sentirmi un po ‘più fiducioso. Mi sento un po ‘a casa qui dalla mia esperienza alla Dakar sulla sabbia, ma ho altre due ruote con cui fare i conti, quindi ho decisamente bisogno di tempo. Questa è un’enorme curva di apprendimento per me e devo adattarmi molto rapidamente “.

Johan Kristoffersson, pilota della Rosberg X Racing, ha dichiarato: “Abbiamo fatto una ricognizione della pista ieri; All’epoca sembrava spettacolare e impegnativo, e quando sono uscito con la macchina da corsa oggi, è stato all’altezza di tutte quelle aspettative. Sarà molto competitivo con molte squadre esperte, ma Nico [Rosberg] ha assemblato una squadra con un gruppo di vincitori e i ragazzi hanno fatto un lavoro fantastico con la macchina – tutto era perfetto, il che mi ha lasciato uscire. e fare le mie cose in pista.

“La guida in sé è molto diversa da quella a cui ero abituato in generale. Alcuni elementi posso prendere dal rallycross, alcuni dal rally e alcuni dalle corse su circuito, quindi penso di poter utilizzare frammenti di ciò che ho fatto in passato. C’è così tanto di nuovo per tutti nel paddock, quindi dobbiamo provare ad adattarci, e questa sarà la chiave del campionato quest’anno. Penso che la squadra e i piloti che si adattano al più veloce avranno buone possibilità. Vediamo cosa possiamo fare domani quando finalmente andremo a correre. “

Nico Rosberg, Il fondatore e CEO di Rosberg X Racing, ha dichiarato:  “Da quando la mia carriera in F1 è finita, mi sono concentrato sulla sostenibilità e quando Alejandro Agag mi ha chiamato e mi ha parlato di Extreme E, per me è stata la partita perfetta. Unire la mia passione per le corse e la sostenibilità nello stesso progetto è fantastico. Questa settimana siamo stati fuori ad aiutare le tartarughe e rimuovere la plastica dalla spiaggia, e ovviamente non è un grande impatto di per sé, ma quello che vogliamo fare è aumentare la consapevolezza dei problemi che il mondo sta affrontando e mostrare che ci teniamo.

“Siamo qui per competere per vincere e sono davvero felice di avere Johan [Kristoffersson] e Molly [Taylor] a bordo. Adoro il modo in cui lavorano insieme e vedere quella collaborazione di squadra. Nella mia carriera, il mio compagno di squadra è sempre stato il mio più grande nemico al mondo, mentre qui si tratta di aiutarsi a vicenda. Questa è una nuova dinamica nel team e porta molta positività, che entrambi i piloti apprezzano davvero.

“Ad un certo punto proverò la macchina da solo, ma voglio mostrare il mio rispetto e non voglio che Johan sembri troppo lento, haha! Anche se ieri, quando ho visto quel calo nel corso, ho pensato di essere abbastanza felice di essere nel ruolo di capo squadra piuttosto che in macchina! “

Carlos Sainz, ACCIONA | Il pilota del team Sainz XE, ha dichiarato: “Sono felice di essere qui e provare questo nuovo modo di fare sport motoristico. È una grande opportunità e voglio affrontarla in modo un po ‘più rilassato. È stato davvero interessante trascorrere del tempo con gli scienziati sulla nave, aiutandoci a capire meglio cosa sta succedendo nel mondo con il riscaldamento globale, la CO2 e le barriere coralline. Quando qualcuno te lo spiega con la chiarezza che hanno fatto, è chiaro che dobbiamo fare qualcosa e il messaggio che esce da questo campionato deve essere forte.

“Dal punto di vista delle corse, è stata una giornata difficile per me con poco tempo per scoprire la macchina [a seguito di un guasto alla pompa del servosterzo], quindi non abbiamo potuto imparare molto. Ciò significa che domani andrò direttamente alle qualifiche e sono sicuro che incontrerò delle sorprese alla mia prima manche, ma spingerò più che posso. Alla fine della giornata, non sono solo io, è una combinazione di entrambi i piloti. Laia [Sanz – compagno di squadra] ha fatto davvero bene sulle due ruote e ha un ottimo approccio. La sua esperienza di guida di un’auto è minima, ma penso che abbia un grande potenziale e possa imparare rapidamente. La sosterrò e cercherò di insegnarle il più possibile “.

Sébastien Loeb, pilota della X44, ha dichiarato: “Extreme E è un universo completamente nuovo per me in ogni aspetto, dal lato elettrico alla collaborazione con un pilota donna. È una nuova era per il motorsport e sono felice di farne parte sin dall’inizio. Sono orgoglioso che il miglior pilota di F1 al mondo oggi mi abbia preso come pilota per la sua squadra e farò del mio meglio per divertirmi e lottare per il podio e le vittorie.

“Oggi si trattava di provare a prendere confidenza con la macchina e la pista e in generale di acquisire esperienza. L’auto ha funzionato bene senza grossi problemi. È molto diverso qui dal test al MotorLand Arágon dello scorso anno, che è stato molto più tortuoso; qui abbiamo tratti e creste veloci e non è facile tenere la macchina dritta, ma finora sta andando tutto bene “.

L’azione competitiva prende il via domani (sabato 3 aprile), con quattro turni di qualificazione a cronometro dalle 9 locali. La domenica (4 aprile) è quindi riservata alle semifinali e alla finale, che culmineranno nel canto del primo vincitore dell’X Prix di Extreme E.