Fiat Tipo Station Wagon: primo contatto

0
1198

La Fiat Tipo Station Wagon è pronta al debutto. In occasione dell’imminente arrivo nelle concessionarie, abbiamo testato l’auto nell’hinterland torinese. Sulla Wagon trovano comodamente posto cinque passeggeri, anche di notevole statura: viaggiano comode davanti persone di oltre 1,87 m e contemporaneamente dietro persone alte oltre 1,80 m. Il segreto, è la conformazione della parte posteriore, particolarmente regolare e con un padiglione dall’andamento orizzontale e con uno specifico profilo: questa scelta regala centimetri all’abitacolo.

Non manca poi lo spazio per le gambe: tra il punto di seduta e il tallone del passeggero è di 1 metro e 7 centimetri all’anteriore mentre al posteriore è di 934 mm: quest’ultimo valore è proprio vetture di segmento superiore. Non ultimo, il posto centrale posteriore è stato pensato come un sedile vero e proprio, con uno spazio per i piedi tale da rendere piacevole qualunque viaggio anche nel caso di un occupante adulto. Anche la capacità di carico è ai vertici della categoria: 550 litri.

La Wagon adotta inoltre soluzioni che aumentano la praticità e la fruibilità del vano, come il “Magic-Cargo space”. Anzitutto, la soglia di carico è bassa e non presenta scalini: l’ideale per caricare senza difficoltà anche colli particolarmente ingombranti. Il piano è riconfigurabile: può essere abbassato per massimizzare la volumetria e bloccato a 40° per permettere il carico nella parte sottostante.

Ai lati dal vano bagagli sono presenti due paratie laterali rimovibili, per contenere piccoli oggetti o all’occorrenza aumentare ulteriormente la larghezza del bagagliaio. La rollotendina che copre il carico si può rimuovere facilmente e può essere riposta sotto il piano. Due luci, due ganci appendiborse e quattro ganci fermacarichi posizionati sul piano conferiscono ulteriore praticità all’insieme. Infine, qualora i 550 litri non fossero sufficienti, è possibile abbattere il sedile posteriore, che è frazionato 60/40 e di tipo “flip and fold” in modo da garantire un piano di carico omogeneo e piatto che arriva a oltre 1 metro e 80 cm di lunghezza.

L’abitacolo è dotato di numerosi scomparti, diversi per forma e capienza – per un totale di 12 litri -, che soddisfano qualunque esigenza. Concorrono al massimo comfort anche l’eccellente ergonomia del posto di guida che insieme all’impostazione della plancia assicura grande visibilità. In particolare, la posizione di guida è uno dei punti di forza della Fiat Tipo.

La posizione angolare del volante trasmette al conducente una sensazione di sicurezza e controllo così come la perfetta dislocazione dei comandi (climatizzatore, radio e pannello di controllo) sono facilmente raggiungibili senza che il conducente distolga lo sguardo dalla guida né sposti la spalla dallo schienale. Anche gli altri passeggeri godono del massimo comfort come dimostrano i sedili posteriori – studiati nella forma e nella densità delle schiume per ospitare comodamente tre persone adulte.

Durante il nostro primo, breve, contatto con il modello 1.6 litri diesel siamo rimasti stupiti dall’alto livello di manovrabilità e agilità offerte. A queste qualità si affiancano anche un elevato livello di comodità, spaziosità e silenziosità. La vettura sarà disponibile in una motorizzazione benzina (1.4 litri da 95 CV) una bi-fuel (1.4 T-Jet GPL da 120 CV) e due diesel (1.3 Multijet da 95 CV o 1.6 Multijet II da 120 CV). Due le trasmissioni offerte: manuale – a cinque rapporti per il 1.3 Multijet II e a sei per gli altri motori – e automatico a doppia frizione per il 1.6 Multijet II.

 

160502_Fiat_Tipo-station-wagon_06 160908_Fiat_Tipo_02 160502_Fiat_Tipo-station-wagon_02 160502_Fiat_Tipo-station-wagon_05