FORMULA 1, svelata l’Alfa Romeo C38

0
777

La presenza di Peter Sauber nel box ha fatto capire tutto. Anche se il suo cognome per la prima volta dal 1993 non apparirà più accanto a quello della squadra da lui fondata, nella sostanza è tutto rimasto uguale. L’Alfa Romeo che si è mostrata questo lunedì nella pit lane del Circuit de Catalunya è essenzialmente la vecchia Sauber rinvigorita da un supporto italiano.

Per sottolineare ancora di più la natura della collaborazione tra i due marchi, i piloti della scuderia svizzera  Kimi Raikkonene Antonio Giovinazzi scenderanno  in pista ognuno con una monoposto che oltre alla sigla C38, che di fatto sancisce la continuità con quella che è stata la storia dell’equipe di Hinwil, saranno identificate con il nome di altrettante vetture del Biscione, Stelvio per quanto riguarda il finnico, e Giulia per il pugliese.

Siamo orgogliosi di presentare l’Alfa Romeo Racing C38, una vettura che è il risultato del grande lavoro svolto da ogni membro del nostro team, sia in Svizzera  sia in circuito. La nuova livrea esalta le caratteristiche dello scorso anno in maniera più decisa e audace. Siamo orgogliosi di esporre su queste vetture i loghi dei partner che si sono uniti a noi nell’ambito dell’espansione delle nostre attività commerciali. Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno lavorato alla realizzazione di questa vettura per il costante entusiasmo per la mission della squadra e il nostro sport. Ci attendono grandi progressi e miriamo a ottenere importanti risultati nel prossimo campionato“, il commento del boss Frédéric Vasseur.

Da quando sono entrato a far parte del team, lo scorso anno, ho constato una crescita continua su tutti i fronti e sono davvero felice di vedere il risultato del duro lavoro svolto questo inverno”, ha dichiarato il direttore tecnico Simone Testa. “Tutti i reparti hanno marciato nella stessa direzione. Ci siamo prefissati obiettivi ambiziosi per questa stagione, che vede un cambiamento significativo dei regolamenti, soprattutto per quanto riguarda l’aerodinamica. Abbiamo un’ottima coppia di driver e siamo curiosi di ricevere il loro feedback nelle prossime due settimane di test, in preparazione del primo GP di Melbourne“.

 

La macchina ha un look straordinario, il design  è fantastico”, le parole del #7davanti al vestito bianco e rosso scuro della sua nuova compagna di viaggio. “Molti partner hanno unito le forze per questo team. E’  un fatto positivo e li ringraziamo per aver creduto in noi. Non vedo l’ora di scendere in pista per le prossime due settimane di test e di conoscere meglio la macchina”.

Penso che sia un’auto meravigliosa”, il riscontro del #99. “Le linee sono molto pulite e i colori mi piacciono molto. È la mia prima auto in F1 e, per me, è davvero speciale. Tanti grandi partner ci sostengono e siamo molto grati per la fiducia che ci hanno accordato. Sono impaziente di mettermi al volante”.