Formula E Parigi, Gara: primo podio in Formula E per López, Bird fa segnare il giro veloce

0
577

Un sabato 20 maggio da incorniciare per l’alfiere argentino in forza al team DS Virgin Racing. José María López, al suo esordio in Formula E nel Campionato 2016/2017 dopo aver scritto la storia recente del Mondiale Turismo con Citroën Racing, ha ottenuto nella gara di casa degli uomini di DS Automobiles, l’ePrix di Parigi, il suo primo podio nella categoria dedicata alle monoposto full-electric promossa da Alejandro Agag e patrocinata dalla FIA. “Pechito”, come l’hanno ribattezzato i suoi tifosi, ha saputo capitalizzare l’esperienza maturata al volante della DSV-02 nei primi cinque appuntamenti stagionali della Formula E e il lavoro di sviluppo al simulatore DS Performance di Vélizy nell’arco di tutta la giornata di gara: dalle prime prove libere del mattino (FP1 e FP2), pur lamentando un deficit di grip all’anteriore in fase di frenata che l’ha costretto a un contatto con le barriere alla Curva 1, López si è sempre trovato a ridosso delle prime posizioni, accedendo alla Super Pole con il quarto miglior tempo in qualifica e riuscendo a guadagnare la terza casella della griglia di partenza nel round conclusivo di quindici minuti. Sul ‘Circuit des Invalides’, tracciato cittadino allestito nel cuore di Parigi, il pilota di Río Tercero ha saputo difendere la terza casella dello schieramento dagli attacchi dell’esperto Nick Heidfeld, mettendo a segno una serie di parziali record nel terzo settore tali da permettergli di insidiare più volte da vicino il pilota di casa Jean-Éric Vergne in seconda posizione. Abilissimo nel controllare la perdita di aderenza dell’asse posteriore della sua monoposto nel corso della dodicesima tornata, López è dapprima rimasto in pista a seguito del contatto tra Lucas Di Grassi e António Félix da Costa, poi ha sfruttato il regime di FCW per compiere la sosta ai box e il relativo cambio di vettura. Completate le operazioni di pit-stop nel corso del ventisettesimo giro, l’argentino ha riguadagnato la terza posizione alle spalle rispettivamente di Buemi e Vergne, prima di sopravanzare il francese sfruttando un guasto tecnico della sua Techeetah sfociato in un contatto con le barriere che ha richiesto l’intervento della safety car. Alla ripartenza, con il 55% di energia disponibile e ancora un quarto di gara davanti a sé, López ha saputo battagliare alla pari con l’elvetico Campione in carica della categoria elettrica, assestandosi sullo stesso passo gara di Sébastien Buemi senza pregiudicare la durata delle batterie. Fronteggiato il riavvicinarsi di Heidfeld a sei giri dalla fine, la seconda posizione e prima volta sul podio della Formula E è arrivata per “Pechito” in regime di safety car a seguito dell’errore di Di Grassi alla Curva 8. Una piazza d’onore che vale una vittoria, considerata la poca esperienza dell’argentino nella serie full-electric e l’altissimo livello di competitività della stessa, e che permette ai tecnici del team DS Virgin Racing di guardare al prossimo ePrix di Berlino con rinnovata fiducia nei propri mezzi. Nota conclusiva per l’altro portacolori DS Performance in Formula E, il britannico Sam Bird. L’esperto pilota di Roehampton, autore nel 2016 del giro più veloce tra i cordoli parigini a conclusione di una gara sfortunata, ha riproposto suo malgrado il copione dell’anno scorso – suo anche nel 2017 il giro più veloce in gara (1:02.422 nel corso della quarantacinquesima tornata) e il relativo punto in palio, che richiama quello conquistato sulle strade del Principato di Monaco.