Gran Premio d’Ungheria 2015: Caldo estremo, oggi prevista pioggia

0
1088

Le temperature dell’asfalto all’Hungaroring sono state le più calde degli ultimi due anni in F1. Oggi, durante le prove libere, ha fatto un po’ più fresco ma nel pomeriggio l’asfalto ha comunque raggiunto i 54° mentre la temperatura dell’aria è arrivata a 34°.

Il caldo estremo ha favorito ieri un acquazzone che ha interessano la zona del circuito e per domani pomeriggio sono previsti temporali che potrebbero influire sulle qualifiche.

Oggi i piloti Mercedes sono stati i più veloci, con l’attuale leader del campionato Lewis Hamilton costantemente più veloce: al mattino con le gomme medie e al pomeriggio con le soft.

Finora, il divario di prestazioni tra le due mescole portate si aggira tra i 1,8 e i 2,0 secondi, sebbene questo margine vari da squadra a squadra e sia anche influenzato dalla temperatura dell’asfalto. Il degrado termico sarà il protagonista di questo fine settimana e, come sempre, i team hanno utilizzato le sessioni di prove libere per comprendere l’usura e il degrado con differenti carichi di benzina. Ma le bandiere rosse che hanno interrotto la maggior parte dei long run durante entrambe le sessioni rendono difficile avere dei dati significativi.

I dati saranno comunque utilizzati per calcolare la strategia di gara ottimale: particolarmente importante all’Hungaroring, dove i sorpassi sono tradizionalmente molto difficili. Con due bandiere rosse durante l’FP1 e una durante l’FP2, le squadre hanno perso un po’ di tempo. Di conseguenza, l’FP3 di domani mattina sarà estremamente importante per ultimare i preparativi per le qualifiche.

Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli: “Il caldo qui è stato incredibile e sembra destinato a continuare per tutto il fine settimana, anche se potrebbe piovere, come è accaduto ieri sera. Di fronte a queste condizioni particolarmente impegnative, gli pneumatici si stanno comportando molto bene. Analizzeremo i dati di tutti i long run effettuati con le mescole morbide questa sera, per ora possiamo dire che la strategia vincente probabilmente sarà di due soste, con un divario di prestazioni fino a due secondi tra le due mescole. Tuttavia, le bandiere rosse che hanno interrotto le sequenze di long run hanno reso alcuni dati non significativi”.

Schermata 2015-07-25 alle 05.26.16

Fatto del giorno Pirelli:
A poco più di 1.000 km da Budapest, in Belgio, si sta correndo la 24 Ore di Spa, la più grande operazione logistica dell’anno per Pirelli. L’azienda italiana fornisce 9.000 pneumatici per 57 vetture, con una squadra di 55 fitters in grado di montare uno pneumatico in 15 secondi, se necessario, per tutta la notte.