IAA 2015: Kia Optima sfila sulla passerella di Francoforte

0
1060

Al prossimo salone di Francoforte Kia presenta la nuova Optima,  versione dedicata ai mercati europei.

La quarta generazione della berline “globale” Kia sarà commercializzata in Europa a partire dall’ultimo trimestre di quest’anno, accrescendo la competitività del marchio Kia nel settore delle berline medie europee e, per la prima volta, arriverà sul mercato italiano nel corso del 2016.

Il nuovo modello vanta una linea moderna ed elegante, un abitacolo più spazioso, innovazioni tecniche e un’ampia scelta di motorizzazioni ad alta efficienza. Estetica, nuove tecnologie e caratteristiche dinamiche rafforzano ulteriormente l’immagine sportiva e raffinata che hanno reso la Optima una delle Kia di maggior successo nel mondo.

 

A Kia Optima è affidato un ruolo importante nella strategia di Kia Motors Europe alla ricerca di nuovi spazi nel settore delle berline del segmento D.

 

In proposito Michael Cole, Chief Operating Officer di Kia Motors Europe, ha dichiarato: “Da quando l’attuale Kia Optima è arrivata sul mercato globale nel 2010 si è dimostrata un

 

catalizzatore di interesse per l’evoluzione dell’immagine Kia. La sua perfetta combinazione di estetica, tecnologia ed equipaggiamenti d’avanguardia ha contribuito molto a migliorare la percezione del nostro Marchio”.

“Il nuovo modello mantiene la spiccata personalità del precedente ma è migliorata sotto tutti i punti di vista e rappresenta un’offerta ancora più interessante, qualcosa di innovativo in un segmento generalmente considerato conservativo.”

 

L’evoluzione stilistica

 

Per il team di designer Kia lo sviluppo della nuova Optima è stato un gioco di equilibrio fra spinta verso l’innovazione e mantenimento dell’identità originale.

 

Lo stile è stato concepito sotto l’occhio attento di Peter Schreyer, oggi Presidente e Chief Design Officer di Kia Motors con l’obiettivo di ottenere una straordinaria presenza su strada, segnata da superfici tese e da un profilo affilato che innovano l’architettura tradizionale.

 

Funzionale e allo stesso tempo sportiveggiante, la nuova Optima è leggermente più lunga, più alta e più larga: Il passo è cresciuto di 10 mm fino a 2.805 mm e la lunghezza altrettanto arrivando a 4.855 mm, mentre la larghezza è aumentata di 25 mm fino a 1.860 mm e l’altezza di 10 mm fino a 1.465 mm. Di conseguenza l’abitacolo guadagna in comodità: più spazio in altezza, più larghezza alle spalle e più spazio per le gambe nei posti posteriori. Anche la capacità del bagagliaio ha beneficiato dell’aumento delle dimensioni esterne.

Dal punto di vista estetico le nuove dimensioni hanno permesso di conferire un look ancora più dinamico.

 

Coerente con il family feeling Kia, il frontale di Optima mantiene la caratteristica mascherina “tiger nose” mentre i gruppi ottici sono inclinati all’indietro e si prolungano lungo i parafanghi. Lo scudo paraurti si avvolge attorno ai proiettori supplementari dando volume alla parte bassa e accentuando la sensazione di stabilità e aderenza alla strada.

 

Lateralmente la vetratura, racchiusa fra i due montanti inclinati, definisce il profilo da berlina sportiva, sottolineato nella vista di tre quarti dalle “spalle” prominenti fino all’altezza del

 

 

cofano posteriore. La linea di cintura si sviluppa dai gruppi ottici anteriori e collega perfettamente il frontale con la coda.

La superficie scolpita delle portiere si raccorda con i brancardi e a sua volta contribuisce a dare la sensazione di volume nella parte bassa della carrozzeria, mentre le luci posteriori a LED sono avvolgenti e conferiscono una moderna caratterizzazione luminosa.

Lo stile atletico della carrozzeria trova conferma nella linea del cofano posteriore profilato a spoiler e nello scudo paraurti che ospita il terminale di scarico ovale e nella parte inferiore il diffusore aerodinamico.

 

La linea attraente sposa un’eccellente profilatura aerodinamica che raggiunge il coefficiente Cx di 0,29. La gamma della nuova Kia Optima sarà arricchita in futuro anche da un’altra versione con carrozzeria ispirata al concept SPORTSPACE esposto a Salone di Ginevra di quest’anno.

 

 

Alta qualità e design raffinato per i nuovi interni

 

Gli interni della nuova Optima, prendono ispirazione dall’evoluzione dello stile Kia ma costituiscono un ulteriore passo avanti con stile e soluzioni più avanzati e raffinati rispetto al resto della gamma, a un livello di classe superiore.

L’abitacolo è stato progettato con ossessiva attenzione per i dettagli per ottenere una sensazione mai raggiunta di qualità e funzionalità.

 

La plancia ha un’impostazione lineare che accentua ulteriormente la sensazione di larghezza e spaziosità.

La qualità dei materiali è di livello superiore, con largo uso di superfici soft-touch, tessuti e pelli in tinte naturali e cuciture a vista lungo la plancia e i pannelli porta. Le modanature in metallo arricchiscono l’ambiente e la più efficiente insonorizzazione porta la silenziosità a un livello superiore.

 

La plancia è idealmente suddivisa in due zone: una superiore con funzione “display” e quella inferiore con funzione “control”, in modo da presentare tutte le informazioni utili nella posizione più facilmente raggiungibile dagli occhi del pilota.

 

La parte centrale è orientata di 8,5 gradi verso il posto guida e ospita il display touchscreen da 7 pollici del sistema di infotainement; sotto si trovano i comandi, in numero inferiore rispetto a prima, dato che alcuni sono ora integrati nel touchscreeen.

 

La console centrale è rifinita in nero lucido con un una linea cromata che percorre l’intera larghezza e separa le due aree.

 

Più spaziosa e accogliente

 

L’abitacolo risulta più spazioso rispetto alla generazione precedente grazie all’allungamento del passo di 10 mm e ai sedili ridisegnati che offrono 25 mm di spazio in più per i passeggeri posteriori. Lo spazio per le spalle è cresciuto di 20 mm anteriormente e 17 mm posteriormente e l’altezza sopra la testa è aumentata di 5 mm anteriormente e 15 mm posteriormente.

 

Nel ridisegnare i sedili si è prestata grande attenzione al miglioramento del confort. La struttura più robusta riduce le vibrazioni, aumenta la resistenza in caso d’urto e allo stesso tempo ha ridotto il peso compressivo di ogni sedile di 2,6 kg; le nuove imbottiture da parte loro migliorano le doti di sostegno e di contenimento e nella seduta anteriore sono inseriti supporti laterali ad alta densità.
I passeggeri posteriori beneficiano di sistema di climatizzazione indipendente dotato di ionizzatore. Il volume di carico è cresciuto da 505 a 510 litri (VDA) con un vano supplementare inferiore e il cofano ha un’apertura più ampia.

 

 

Scocca il 50% più robusta

 

La nuova Optima vanta una scocca progettata con le soluzioni più moderne e con l’utilizzo molto esteso di materiali ad alta resistenza a beneficio della robustezza e della sicurezza in caso d’urto. Il progresso riguarda sia la sicurezza passiva sia quella attiva con l’adozione di soluzioni e dispositivi che permetteranno di ottenere la classificazione a 5 stelle nei test

Euro NCAP.

 

Nella scocca della nuova Optima il 50% delle lamiere è di acciaio ad altissima resistenza (UHTS) con un incremento del 150 % rispetto alla versione precedente. In questo modo la rigidità torsionale è cresciuta del 50% benché il peso della struttura sia inferiore di 8,6 kg,

 

Gli acciai speciali sono utilizzati in particolare per inforzare i montanti, i longheroni laterali, il tetto, il pavimento, i passaruota anteriori e la paratia posteriore, aumentando così la resistenza strutturale complessiva.

 

Per migliorare la sicurezza passiva il numero di airbag è salito a 7 e la Optima dispone di serie di airbag anteriori, per le ginocchia del guidatore, laterali e a tendina,

 

La nuova Optima si propone come una delle vetture più sicure del suo segmento grazie a una serie di accorgimenti e di dotazioni destinate a evitare o ridurre le conseguenze di un incidente.

 

Il VSM (Vehicle Stability Management) è di serie e garantisce la stabilità in frenata e in curva intervenendo sia sull’ESP sia sul servosterzo elettrico in caso di perdita di aderenza.

Non mancano il LKAS (Lane Keeping Assist System), per il mantenimento della marcia in corsia e la segnalazione di passaggio delle linee senza attivare gli indicatori di direzione e lo Speed Limit Information Function, che indica i limiti di velocità in vigore lungo il percorso

 

Impegno totale per la riduzione delle rumorosità

 

Il miglioramento del comfort di bordo della nuova Optima passa attraverso un complesso lavoro in profondità per la riduzione di tutti gli elementi di disturbo (NVH, Noise, Vibration and Harshness).

 

Fra le innovazioni più importanti l’adozione di una più ampia copertura del pavimento e migliori guarnizioni dei cristalli, che riducono il fruscio del 2% e migliorano l’aerodinamica complessiva, con ulteriori vantaggi sul consumo di carburante.

Il migliore isolamento della plancia, assieme agli interventi migliorativi sui motori, ha abbassato il livello di rumorosità nell’abitacolo del 4%.

 

 

Interventi sugli elementi delle sospensioni e sui supporti elastici hanno ulteriormente ridotto la trasmissione di rumori e vibrazioni attraverso il pavimento e lo sterzo.

 

La nuova struttura della scocca, con uso esteso di acciaio ad alta resistenza, ha un ruolo fondamentale nel miglioramento delle caratteristiche acustiche; la maggiore rigidezza rende l’abitacolo più silenzioso e anche i cerchi in lega più rigidi dell’83% riducono la trasmissione di vibrazioni nella marcia sui fondi irregolari.

La scocca più rigida ha inoltre permesso di intervenire sulle sospensioni per migliorare l’isolamento senza interferire sulle caratteristiche dinamiche.

 

Più agile e silenziosa, anche con sospensioni a controllo elettronico

 

Il miglioramento delle caratteristiche di guida è stata una delle priorità dei tecnici Kia, con l’obiettivo di porsi ai vertici della categoria per comfort e stabilità, unendo l’agilità e la tenuta di strada che i clienti si aspettano da una berlina sportiva.

 

Le sospensioni a quattro ruote indipendenti sono disposte ai vertici del nuovo pianale per il miglior comportamento sulle irregolarità. L’avantreno è montato su quattro supporti anziché due e i cuscinetti sono stati maggiorati per aumentare la rigidezza laterale. Fra le conseguenze anche la migliore risposta dello sterzo, una superiore trazione e il comportamento ottimale della sospensione sui sobbalzi.

 

Al retrotreno lo schema a quadrilateri utilizza bracci doppi (nella generazione precedente erano singoli) con supporti elastici maggiorati per isolare maggiormente la scocca da rumorosità e vibrazioni.

 

Il servosterzo elettrico R-MDPS ha il motore montato direttamente sulla cremagliera che garantisce una risposta più precisa e lineare e un miglior feeling al volante particolarmente nella marcia in rettilineo.

Tutti gli interventi contribuiscono a dare alla nuova Optima un comportamento su strada ai vertici della categoria.

 

 

 

La nuova Optima offre anche la possibilità di montare a richiesta le sospensioni a controllo elettronico ECS che utilizzano valvole regolabili all’interno di tutti gli ammortizzatori.

Le valvole ECS sono collegate a un accelerometro integrato nella centralina di controllo e due accelerometri in corrispondenza delle ruote anteriori. Elaborando i dati provenienti dai sensori, dalla scatola guida e dal pedale dell’acceleratore la centralina modifica conseguentemente la taratura di ciascuna sospensione. Il pilota ha la possibilità di scegliere due soluzioni base: una “sport” e una “normale”

 

Fra le innovazioni il Kia Connected Services e la ricarica wireless

 

Sulla nuova Optima debuttano anche una serie di innovazioni tecnologiche che le rendono una delle vetture più innovative del segmento. L’ultima evoluzione del Kia Navigation System si presenta con un’estetica moderna al centro della plancia e dispone di uno schermo touchscreen da 7 con l’integrazione del sistema radio digitale DAB.

 

Al cuore del sistema si trova il Kia Connected Services, che rende disponibili una serie di importanti informazioni fornite attraverso il circuito TomTom, comprese informazioni aggiornate sul traffico, previsioni meteo e indicazioni della presenza di controlli di velocità.

Per il mercato europeo il Kia Connected Services (disponbile anche per la nuova cee’d) sarà fornito gratuitamente ai possessori di Optima per la durata di sette anni.

 

Una motorizzazione diesel, in attesa della versione ibrida

 

Il rinnovato diesel 1700 CRDi (omologato Euro6) vanta eccezionali prestazioni con consumi ridotti.

La potenza è ora di 141 CV con una coppia massima di 340 Nm e sono migliorate la risposta e ridotta la rumorosità; le emissioni di CO2 sono state ridotte del 14% fino a 110 gr/km.

Il turbocompressore a geometria variabile dispone di un attuatore a gestione elettronica che migliora la prontezza ai comandi dell’acceleratore e la coppia a basso regime; il valore massimo è ora disponibile da 1750 a 2500 giri/min per una migliore guidabilità.

 

 

 

 

Fra le innovazioni il rivestimento antiattrito dei pistoni e il nuovo meccanismo di distribuzione che riduce la rumorosità. Ulteriori motorizzazioni sono attualmente in fasi di sviluppo e si aggiungeranno alla gamma in futuro; fra di esse la soluzioni ibrida plug-in ad alta efficienza con batterie ricaricabili, la cui produzione verrà avviata il prossimo anno.

 

Automatico DCT a sette marce per consumi ridotti

 

La versione automatica della nuova Optima dispone del modernissimo cambio a doppia frizione (DCT) a sette rapporti, già adottato nella gamma cee’d e in questo caso abbinato alla motorizzazione diesel 1700 CRDi.

 

Il nuovo cambio Kia DCT è stato sviluppato per gestire la coppia elevata del turbodiesel e messo a punto in modo da offrire un feeling sportivo quando utilizzato in modalità manuale-sequenziale e la massima fluidità in modalità totalmente automatica.

 

Grazie alle caratteristiche del DCT i cambi marcia sono molto più rapidi rispetto alle tradizionali trasmissioni automatiche e migliora l’efficienza; la nuova Optima con il motore 1700 CRDi e cambio DCT ha emissioni di CO2 di soli 116 gr/km, 40 gr/km meno della precedente versione con cambio automatico a 6 rapporti.

Un miglioramento del 25% che pone la nuova Optima al vertice fra le vetture diesel automatiche della categoria.

 

Il motore diesel 1.7 CRDi può essere abbinato anche al classico cambio manuale a sei marce.

 

In Italia debutto fissato per il 2016

 

Per la prima volta nella carriera della Optima, la nuova versione sarà disponibile anche sul mercato italiano.

Il lancio nel nostro Paese avverrà nel corso del 2016 e permetterà al marchio Kia di estendere la sua competitività al settore delle berline di classe medio-alta, proponendosi, grazie al suo stile, agli equipaggiamenti di avanguardia e all’esclusiva garanzia estesa Kia 7anni/150.000 km, in un settore dominato dalle marche premium.

 

New Kia Optima - exterior #2 New Kia Optima - interior #1-2