Il BMW Group migliora la performance economica con guadagni significativamente più elevati

0
133

Il BMW Group ha continuato a dimostrare il proprio alto livello di redditività nel periodo da luglio a settembre 2021, con ricavi, utili al lordo delle imposte e utili netti a livelli record per un terzo trimestre. La solida performance del Gruppo durante questo periodo è stata guidata in particolare da un mix produttivo favorevole e da effetti positivi sui prezzi dei veicoli nuovi, nonché dai prezzi di vendita stabili dei veicoli usati.

Il BMW Group ha inoltre registrato nuove cifre record per le consegne ai clienti, i ricavi e l’utile al lordo delle imposte per i nove mesi e, alla luce di questa brillante performance, ha confermato le prospettive per l’intero anno durante la conferenza stampa trimestrale. L’outlook per l’anno in corso era stato aumentato in un annuncio ad hoc del 30 settembre, dimostrando chiaramente la redditività di fondo del Gruppo. In parallelo, il Gruppo sta portando avanti senza interruzioni il processo per diventare un produttore di automobili premium neutrale dal punto di vista climatico.

“Il BMW Group mostra come redditività e trasformazione vadano di pari passo. Vediamo il cambiamento tecnologico come una grande opportunità per rafforzare il nostro business model in ottica sostenibile. Con un focus sulla mobilità neutrale dal punto di vista climatico, stiamo facendo avanzare sistematicamente l’azienda per renderla a prova di futuro”, ha dichiarato Oliver Zipse, Presidente del Consiglio di Amministrazione di BMW AG, mercoledì a Monaco.

L’attenzione costante del BMW Group sulla sostenibilità, che porta in ultima analisi ad un’economia circolare, è stata sottolineata con la presentazione del concept vehicle BMW i Vision Circular durante lo IAA di Monaco di Baviera a settembre. Questo primo vision vehicle completamente riciclato e riciclabile creato dal BMW Group offre uno sguardo sulla mobilità premium sostenibile per il 2040.

“Quando si parla di protezione del clima, la domanda rilevante è: quanto è impattante l’impronta ecologica di un veicolo nel suo intero ciclo di vita, compreso l’impatto riguardante le materie prime, la produzione industriale, l’uso attivo del veicolo e il riciclo? Questa è quello che conta alla fine conta ed è ciò con cui saranno misurate le nostre prestazioni”, ha sottolineato Zipse. “Ecco perché la nostra comprensione della sostenibilità va ben oltre lo sviluppo di sistemi di guida elettrici. Puntiamo a sfruttare i principi dell’economia circolare per ottenere il massimo della protezione del clima – a partire dalla selezione sostenibile delle singole materie prime per la produzione e considerando il ciclo di vita dei nostri veicoli nel suo complesso”.


L’espansione della mobilità elettrica accelera – raggiunti alti tassi di crescita

Il BMW Group sta espandendo rapidamente e sistematicamente la sua gamma di modelli elettrificati. Grazie alla domanda di veicoli elettrificati in aumento, ha venduto 231.575 veicoli completamente elettrici e ibridi plug-in durante i primi nove mesi del 2021, il doppio rispetto all’anno precedente (2020: 116.400 unità; +98,9%). Le vendite di veicoli completamente elettrici sono cresciute in modo particolarmente dinamico, aumentando del 121,4% con 59.688 unità (2020: 26.957 unità).

Durante il terzo trimestre, il BMW Group ha raccolto molteplici apprezzamenti da esperti di settore internazionali e giornalisti per i nuovi veicoli completamente elettrici BMW iX e BMW i4. L’afflusso di ordini in tutto il mondo è elevato per entrambi i modelli, con le consegne ai clienti che inizieranno a partire da questo mese. “Con la BMW i4 e la BMW iX, stiamo portando la mobilità elettrica ad un nuovo livello. La BMW iX è l’ammiraglia tecnologica che conferisce ai prossimi modelli BMW nuove capacità che includono la tecnologia 5G, l’ultima generazione di software e la guida elettrica più avanzata che il BMW Group abbia mai sviluppato. La BMW i4 viene direttamente dal cuore del marchio BMW e offre ai clienti una dimensione completamente nuova del piacere di guidare. La nostra affermazione non potrebbe essere più chiara: se un veicolo ha impresso il marchio BMW, allora è un autentico modello BMW – indipendentemente dal tipo di propulsione”, ha dichiarato Zipse.

La strategia di mobilità elettrica del BMW Group si sta muovendo inesorabilmente verso una fase di forte espansione. Già nel 2023, il gruppo conterà 25 modelli elettrificati su strada – 13 dei quali completamente elettrici. Nel periodo fino al 2025, il BMW Group prevede di incrementare le vendite di veicoli completamente elettrici di una media di oltre il 50% all’anno, consegnando ai clienti circa due milioni di veicoli completamente elettrici entro la metà del decennio.

 

Crescita dei ricavi e dei profitti al lordo delle imposte

Il BMW Group ha registrato una crescita significativa dei volumi di vendita nei primi nove mesi dell’anno in corso, con consegne in aumento del 18% raggiungendo 1.932.224 unità (2020: 1.638.167 unità). Nel terzo trimestre, i volumi di produzione ridotti del BMW Group a causa delle forniture hanno influito sulle consegne. Durante il periodo da luglio a settembre, un totale di 593.177 veicoli dei marchi BMW, MINI e Rolls-Royce è stato consegnato ai clienti (2020: 675.592 unità; -12,2%).

La prosecuzione degli effetti positivi dei prezzi per i veicoli nuovi e usati e un mix di prodotti favorevole hanno più che compensato il volume inferiore delle vendite, portando i ricavi del terzo trimestre a €27.471 milioni (2020: €26.283 milioni; +4,5%; corretto per fattori valutari: +3,5%). La crescita dei ricavi per il periodo di nove mesi è stata ancora più pronunciata, aumentando significativamente a € 82.831 milioni (2020: € 69.508 milioni; +19,2%; corretto per fattori valutari: +20,5%).

Il miglioramento della penetrazione dei prezzi per i veicoli nuovi e usati è dovuto principalmente all’attraente gamma di prodotti del BMW Group, alla forte domanda dei clienti e alla generale minore disponibilità di veicoli a causa della carenza di semiconduttori.

“La performance economica durante l’anno finanziario in corso fino ad oggi ha beneficiato sostanzialmente della favorevole situazione di stabilità del mercato e della continua e rapida domanda”, ha dichiarato Nicolas Peter, membro del Consiglio di Amministrazione di BMW AG, Finance. “Le ultime cifre registrate sottolineano la forza operativa del BMW Group e dimostrano l’eccezionale impegno della nostra forza lavoro”. Riguardo i prossimi cambiamenti nel business model del BMW Group, ha aggiunto: “La nostra capacità di generare profitti è il prerequisito per trasformare il nostro modello di business. La nostra politica dichiarata è quella di finanziare gli investimenti necessari con le operazioni in corso. Con una combinazione di cauta pianificazione, buona gestione e una forte attenzione all’efficienza e alla redditività, siamo ottimamente posizionati per farlo”.

Gli investimenti orientati al futuro rimangono di alto livello

Le attività di ricerca e sviluppo nel periodo in esame si sono concentrate su nuovi modelli nonché sull’elettrificazione e la digitalizzazione della flotta veicoli e sulla guida automatizzata, in altre parole su temi chiave per guidare il processo di trasformazione e rafforzare la redditività futura dell’azienda. Gli investimenti di R&S contabilizzati nel conto economico sono stati pari a €1.600 milioni nel terzo trimestre, il 13,8% in più rispetto all’anno precedente, portando il totale dei nove mesi a € 4.337 milioni (2020: € 4.140 milioni; +4,8%). Il totale delle spese di R&S ammonta a € 4.369 milioni,leggermente inferiore a un anno prima (2020: €4.397 milioni; -0,6%).

A causa della crescita dei ricavi, il rapporto R&S per i nove mesi è sceso leggermente dal 6,3% al 5,3% (nel terzo trimestre: 6,5%; 2020: 5,9%).

L’utile di gruppo al lordo del risultato finanziario (EBIT) è salito a €10.913 milioni (2020: €2.633 milioni) per i nove mesi e a €2.883 milioni (2020: €1.924 milioni) per il terzo trimestre. Oltre al miglioramento dei prezzi dei veicoli nuovi e usati, come descritto in precedenza, l’EBIT ha anche beneficiato dell’invariato basso livello di accantonamenti da riconoscere per i rischi di credito. Anche il parziale annullamento dell’accantonamento per la procedura antitrust UE registrato nel secondo trimestre ha avuto un impatto positivo sul risultato dei nove mesi.

Il risultato finanziario dei nove mesi è stato positivo per € 2.240 milioni (2020: €329 milioni; nel terzo trimestre: €534 milioni; 2020: €540 milioni). Il risultato degli investimenti ha beneficiato in particolare della quota del Gruppo dell’utile riportato dalla joint venture cinese BMW Brilliance Automotive Ltd., Shenyang, che è aumentato a €1.475 milioni per i nove mesi (2020: € 959 milioni; +53,8%).

Gli altri risultati finanziari sono saliti a un importo netto positivo di € 940 milioni (2020: negativo per € 282 milioni; nel terzo trimestre: positivo per €173 milioni; 2020: positivo per € 200 milioni), dove il miglioramento è stato principalmente attribuito al continuo sviluppo favorevole del fair value delle coperture dei tassi di interesse derivanti dall’aumento delle curve di rendimento negli Stati Uniti. Inoltre, la rimisurazione degli investimenti detenuti dal fondo BMW i Ventures e l’investimento in SGL Carbon hanno avuto un impatto positivo.

 

L’utile del Gruppo al lordo delle imposte (EBT) è stato di €13.153 milioni (2020: € 2.962 milioni; nel terzo trimestre: € 3.417 milioni; 2020: € 2.464 milioni).

Il rendimento ante imposte sulle vendite (margine EBT) si è attestato al 15,9% per i nove mesi (2020: 4,3%) e al 12,4% per il terzo trimestre (2020: 9,4%).

 


Consegne sui nove mesi in netto aumento rispetto all’anno precedente

Le vendite del segmento Automotive nel terzo trimestre del 2021 sono state influenzate dai problemi di fornitura di semiconduttori. Le consegne ai clienti in Europa e Asia sono diminuite, mentre le vendite nella regione delle Americhe sono aumentate rispetto all’anno precedente. Nel corso dei nove mesi, tuttavia, è stata registrata una crescita delle vendite in tutte le principali regioni del mondo, compresa un’eccellente performance sui mercati europei, dove le consegne di veicoli a marchio BMW, MINI e Rolls-Royce sono aumentate dell’11,9% raggiungendo le 725.721 unità (2020: 648.494 unità).

La limitata disponibilità di semiconduttori ha causato un calo delle consegne nel terzo trimestre in Asia raggiungendo 254.739 unità (2020: 288.907 unità; -11,8%). Tuttavia, la cifra è in netto contrasto con la performance del Gruppo nel periodo dei nove mesi, durante il quale sono state consegnate ai clienti 835.090 unità (2020: 705.789 unità; +18,3%).

Le vendite del terzo trimestre in Cina sono scese a 203.008 unità (2020: 230.920 unità; -12,1%). Anche qui, le cifre sono in netto aumento nel periodo di nove mesi, con 670.964 veicoli dei marchi BMW, MINI e Rolls-Royce consegnati ai clienti dall’inizio del 2021, il 19,7% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (2020: 560.367 unità).

 Nel complesso, il BMW Group ha continuato a rafforzare la posizione competitiva in tutte le regioni chiave. Rispecchiando questa tendenza positiva, anche la crescita del volume delle vendite a livello di marchio ha oscillato tra “solido” e “significativo” per il periodo di nove mesi. A livello mondiale, le vendite del marchio BMW sono aumentate del 19,3% (2021: 1.703.068 unità; 2020: 1.427.392 unità). Le consegne del marchio MINI sono aumentate a 224.838 unità (2020: 208.124; +8,0%), dove la crescita del 106,6% delle vendite di modelli elettrificati – in particolare la MINI SE* completamente elettrica – ha contribuito notevolmente alla crescita complessiva registrata. Il marchio extralusso Rolls-Royce ha consegnato ai clienti 4.318 unità tra gennaio e settembre, stabilendo un nuovo record per il periodo con un aumento del 62,9% (2020: 2.651 unità).

I ricavi del segmento Automotive sono aumentati significativamente a €70.373 milioni nei primi nove mesi dell’esercizio in corso (2020: € 54.829 milioni; +28,3%), di cui € 22.628 milioni registrati nel terzo trimestre (2020: €21.962 milioni; +3,0%).

 

L’utile al netto del risultato finanziario (EBIT) è balzato a € 7.945 milioni (2020: € 152 milioni; nel terzo trimestre: € 1.756 milioni; 2020: € 1.477 milioni; +18,9%), dando un margine EBIT dell’11,3% (2020: 0,3%) per i nove mesi e del 7,8% (2020: 6,7%) per il periodo di tre mesi da luglio a settembre 2021. Come previsto, il terzo trimestre è stato influenzato in misura maggiore dall’aumento dei prezzi delle materie prime e dei costi fissi (in particolare le spese di R&S), nonché dal minor volume delle vendite.

Il risultato finanziario dei nove mesi registrato dal segmento Automotive ammonta a € 1.711 milioni (2020: € 615 milioni, nel terzo trimestre: € 374 milioni, 2020: € 383 milioni). Come descritto in precedenza, i principali fattori trainanti sono stati il miglioramento del risultato della joint venture cinese contabilizzata al patrimonio netto BMW Brilliance Automotive Ltd. (BBA). (BBA) e gli effetti positivi di valutazione sono stati registrati negli altri risultati finanziari derivanti dagli investimenti detenuti dal fondo BMW i Ventures e dall’investimento in SGL Carbon.


L’utile di segmento al lordo delle imposte (EBT)
è stato di € 9.656 milioni (2020: €767 milioni) per il periodo di nove mesi e di € 2.130 milioni (2020: €1.860 milioni; +14,5%) per il terzo trimestre.

Il Free cash flow generato dal segmento Automotive è stato di € 1.397 milioni per il terzo trimestre e di € 6.299 milioni per il periodo di nove mesi. L’aumento dei flussi di cassa da attività operative riflette principalmente l’aumento degli utili al lordo delle imposte e lo sviluppo favorevole del capitale circolante. Il free cash flow del segmento Automotive per l’intero anno dovrebbe aggirarsi intorno ai € 6,5 miliardi.

 

Il segmento delle motociclette riporta ricavi e guadagni più alti

BMW Motorrad ha consegnato 156.609 moto e maxiscooter (2020: 129.599 unità; +20,8%) ai clienti nei primi nove mesi del 2021. Con 48.999 unità registrate durante il terzo trimestre, le consegne sono diminuite rispetto all’anno precedente a causa dei cambiamenti di modello e dei problemi di fornitura (2020: 52.892 unità; -7,4%). I ricavi sono aumentati significativamente a € 2.262 milioni (2020: €1.716 milioni; +31,8%) per il periodo di nove mesi, di cui €641 milioni registrati nel terzo trimestre (2020: €637 milioni; +0,6%). L’EBIT di segmento si è sviluppato di conseguenza, aumentando significativamente a €323 milioni per il periodo di nove mesi (2020: €110 milioni), ma rimanendo al di sotto dell’anno precedente a € 39 milioni per il terzo trimestre (2020: €45 milioni; -13,3%). Il margine EBIT del segmento si è attestato al 14,3% (2020: 6,4%) per i nove mesi e al 6,1% (2020: 7,1%) per il terzo trimestre.

 

Il segmento Financial Services registra una forte crescita

Il segmento Financial Services ha registrato una crescita significativa dei nuovi rapporti commerciali con la clientela retail nel periodo da gennaio a settembre con 1.509.195 nuovi contratti di finanziamento e leasing sottoscritti, in aumento del 12,4% rispetto all’anno precedente (2020: 1.342.803 contratti). Anche i nuovi affari conclusi con i clienti retail nel corso dei nove mesi sono aumentati fortemente del 16,2% a € 48.000 milioni (2020: € 41.311 milioni), con il mercato cinese in particolare che ha contribuito alla crescita registrata. Nel terzo trimestre, tuttavia, la riduzione delle consegne legata alle forniture ha comportato un numero inferiore di nuovi contratti (2021: 479.850 nuovi contratti; 2020: 538.351 nuovi contratti; -10,9%).

Nel corso dei nove mesi, il 50,7% dei nuovi veicoli del BMW Group è stato preso in leasing o finanziato dal segmento Financial Services (2020: 50,5%; +0,2 punti percentuali).

I guadagni del segmento si sono sviluppati in maniera estremamente positiva sia nei tre mesi che nei nove mesi. L’utile di segmento al lordo delle imposte (EBT) ha raggiunto un nuovo livello record con € 2.924 milioni (2020: € 1.039 milioni, nel terzo trimestre: € 988 milioni; 2020: € 458 milioni). I maggiori ricavi generati dal remarketing dei resi dei leasing, in particolare negli Stati Uniti e nel Regno Unito, hanno spinto i guadagni. Inoltre, il profitto del segmento ha beneficiato della situazione di rischio favorevole e dei margini stabili derivanti dai nuovi affari.

 

Il BMW Group conferma l’outlook corretto per l’intero anno

Il 30 settembre, il BMW Group ha incrementato il suo outlook per l’intero anno. Con il suo attraente portfolio di prodotti, prevede di continuare a beneficiare di un mix di prodotti favorevole e di effetti positivi sui prezzi per i veicoli nuovi e usati.

Il BMW Group conferma le stime di un utile del Gruppo al lordo delle imposte significativamente più alto rispetto all’anno precedente.

Si prevede che il segmento Automotive registri un solido aumento anno su anno del numero di veicoli a marchio BMW, MINI e Rolls-Royce consegnati ai clienti e si prevede che il RoCE migliori significativamente.

Il margine EBIT per il segmento Automotive per l’intero anno dovrebbe concludersi in un intervallo compreso tra il 9,5% e il 10,5% (previsione prima dell’annuncio ad-hoc del 30 settembre: dal 7% al 9%).

Si prevede che il segmento Financial Services raggiunga un Return on Equity (RoE) per l’intero anno in un intervallo compreso tra il 20 e il 23% (previsione prima dell’annuncio ad hoc: 17%-20%) grazie al miglioramento della situazione dei rischi.

Il segmento delle motociclette dovrebbe registrare un aumento significativo delle consegne sulla base di un andamento positivo del mercato. Il margine EBIT è destinato a terminare entro una gamma target dell’8-10%, portando ad un livello considerevolmente più alto di RoCE rispetto ad un anno prima.

Il BMW Group riafferma anche le sue previsioni per gli indicatori di performance non finanziari. Di conseguenza, si prevede che la percentuale di donne nelle funzioni dirigenziali aumenti leggermente. Allo stesso tempo, il BMW Group punta ad un’ulteriore significativa riduzione delle emissioni di anidride carbonica generate dalla sua flotta di veicoli nuovi dell’UE. Secondo le attuali aspettative, le emissioni per veicolo prodotto dovrebbero diminuire moderatamente.

 

Gli obiettivi del Gruppo per l’anno in corso verranno raggiunti con una forza lavoro leggermente inferiore. Le previsioni per l’anno in corso si basano sul presupposto che le condizioni economiche e politiche mondiali non cambieranno in modo significativo. Tuttavia, qualsiasi deterioramento di questi fattori potrebbe avere un impatto negativo sulle prospettive del BMW Group. “Siamo fermamente sulla buona strada per soddisfare le nostre previsioni per l’intero anno e guardiamo avanti con fiducia”, ha dichiarato Nicolas Peter. “Prevediamo che la fornitura di semiconduttori rimanga un problema oltre il 2021”.

 

 

***

 

 

BMW Group – Panoramica

Gennaio/Settembre 2021

Gennaio/Settembre 2020

Variazione    in %

Consegne ai clienti1

 

 

 

 

Automobili 

unità

1.932.224

1.638.167

18,0

Di cui: BMW2

unità

1.703.068

1.427.392

19,3

 MINI

unità

224.838

208.124

8,0

 Rolls-Royce

unità

4.318

2.651

62,9

Motocicli

unità

156.609

129.599

20,8

 

 

 

 

 

Margine EBIT segmento Automotive

%

11,3

0,3

Margine EBIT segmento Motocicli

%

14,3

6,4

Margine EBT BMW Group3

%

15,9

4,3

 

 

 

 

 

Ricavi

milioni di €

82.831

69.508

19,2

Di cui: Automotive

milioni di €

70.373

54.829

28,3

Motocicli

milioni di €

2.262

1.716

31,8

Financial Services

milioni di €

24.179

22.055

9,6

Altro

milioni di €

3

1

Eliminazioni

milioni di €

-13.986

-9.093

53,8

 

 

 

 

 

Utile / perdita al lordo del risultato finanziario (EBIT)

milioni di €

10.913

2.633

Di cui: Automotive

milioni di €

7.945

152

Motocicli

milioni di €

323

110

Financial Services

milioni di €

2.869

1.057

Altro

milioni di €

-3

43

Eliminazioni

milioni di €

-221

1.271

 

 

 

 

 

Utile / perdita al lordo delle imposte (EBT)

milioni di €

13.153

2.962

Di cui: Automotive

milioni di €

9.656

767

Motocicli

milioni di €

324

108

Financial Services

milioni di €

2.924

1.039

Altro

milioni di €

378

-290

Eliminazioni

milioni di €

-129

1.338

Imposte sul reddito del gruppo

milioni di €

-2.946

-785

Utile netto di gruppo

milioni di €

10.207

2.177

Utile per azione (common/preferred share) 4

 €

15,38/15,39

15,38/15,39

15,38/15,39

 

1 Nell’ambito di una revisione delle sue pratiche di vendita e delle relative pratiche di reporting, il BMW Group ha rivisto i dati di consegna dei veicoli dei periodi precedenti ed ha accertato che alcune consegne di veicoli non erano riportate nei periodi corretti. Il BMW Group ha rivisto i dati sulle consegne di veicoli per gli anni precedenti retrospettivamente. Ulteriori informazioni su questo argomento sono fornite nel BMW Group Report 2020 da pagina 128. Poiché il BMW Group continua a migliorare le sue politiche e procedure relative ai dati di consegna dei veicoli al dettaglio, potrebbe non essere sempre possibile rettificare i dati dei periodi precedenti (e qualsiasi rettifica di questo tipo sarebbe di natura de minimis senza alcun impatto materiale sulla comparabilità dei periodi).

2 Comprese le consegne ai clienti della joint venture BMW Brilliance Automotive Ltd., Shenyang.

3 Utile del Gruppo al lordo delle imposte come percentuale delle entrate del Gruppo.

4 Common / preferred stock. Nel calcolo degli utili per azione delle azioni privilegiate, gli utili per coprire il dividendo aggiuntivo di € 0,02 per azione delle azioni privilegiate sono distribuiti sui quattro trimestri dell’anno finanziario corrispondente.

 

 

BMW Group – Panoramica

3° trimestre
2021

3° trimestre 2020

Variazione       in %

Consegne ai clienti1

 

 

 

 

Automobili 

unità

593.177

675.592

-12,2

Di cui: BMW2

unità

524.858

585.239

-10,3

 MINI

unità

66.990

89.262

-25,0

 Rolls-Royce

unità

1.329

1.091

21,8

Motocicli

unità

48.999

52.892

-7,4

 

 

 

 

 

Margine EBIT segmento Automotive

%

7,8

6,7

16,4

Margine EBIT segmento Motocicli

%

6,1

7,1

-14,1

Margine EBT BMW Group3

%

12,4

9,4

31,9

 

 

 

 

 

Ricavi

milioni di €

27.471

26.283

4,5

Di cui: Automotive

milioni di €

22.628

21.962

3,0

Motocicli

milioni di €

641

637

0,6

Financial Services

milioni di €

8.073

7.799

3,5

Altro

milioni di €

1

0

Eliminazioni3

milioni di €

-3.872

-4.115

-5,9

 

 

 

 

 

Utile / perdita al lordo del risultato finanziario (EBIT)

milioni di €

2.883

1.924

49,8

Di cui: Automotive

milioni di €

1.756

1.477

18,9

Motocicli

milioni di €

39

45

-13,3

Financial Services

milioni di €

974

438

Altro

milioni di €

2

18

-88,9

Eliminazioni

milioni di €

112

-54

 

 

 

 

 

Utile / perdita al lordo delle imposte (EBT)

milioni di €

3.417

2.464

38,7

Di cui: Automotive

milioni di €

2.130

1.860

14,5

Motocicli

milioni di €

40

44

-9,1

Financial Services

milioni di €

988

458

Altro

milioni di €

113

118

-4,2

Eliminazioni

milioni di €

146

-16

 

 

 

 

 

Imposte sul reddito del gruppo

milioni di €

-833

-649

28,4

Utile netto di gruppo

milioni di €

2,584

1,815

42,4

Utile per azione (common/preferred share) 4

 €

3,89/3,89

2,71/2,71

43,5/43,5

1 Nell’ambito di una revisione delle sue pratiche di vendita e delle relative pratiche di reporting, il BMW Group ha rivisto i dati di consegna dei veicoli dei periodi precedenti ed ha accertato che alcune consegne di veicoli non erano riportate nei periodi corretti. Il BMW Group ha rivisto i dati sulle consegne di veicoli per gli anni precedenti retrospettivamente. Ulteriori informazioni su questo argomento sono fornite nel BMW Group Report 2020 da pagina 128. Poiché il BMW Group continua a migliorare le sue politiche e procedure relative ai dati di consegna dei veicoli al dettaglio, potrebbe non essere sempre possibile rettificare i dati dei periodi precedenti (e qualsiasi rettifica di questo tipo sarebbe di natura de minimis senza alcun impatto materiale sulla comparabilità dei periodi).

2 Comprese le consegne ai clienti della joint venture BMW Brilliance Automotive Ltd., Shenyang.

3 Utile del Gruppo al lordo delle imposte come percentuale delle entrate del Gruppo.

4 Common / preferred stock. Nel calcolo degli utili per azione delle azioni privilegiate, gli utili per coprire il dividendo aggiuntivo di € 0,02 per azione delle azioni privilegiate sono distribuiti sui quattro trimestri dell’anno finanziario corrispondente.