Italian F4 Championship powered by Abarth – A Imola nel secondo weekend di gare tre diversi vincitori: Philip Ugran (ROM), Jonny Edgar (UK) e Andrea Rosso (ITA)

0
161
Mini Gabriele, Tatuus F.4 T014 Abarth #46, Prema Powerteam

Spettacolo e adrenalina nel secondo weekend del Campionato Italiano F4 sul Circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola: 3 gare e 3 diversi vincitori. In scena le monoposto Tatuus spinte dal motore Abarth T-Jet da 160 CV, alla guida i giovanissimi piloti dell’Italian F4 Championship powered by Abarth.

In Gara1 è stato il rumeno Ugran a portarsi al comando al 5° giro, sopravanzando lo svedese Dino Beganovic e l’inglese Jonny Edgar, partiti dalla prima fila, mantenendo il comando fino alla fine, con un arrivo in volata davanti a Edgar e allo statunitense Jonny Crawford.

Gara2 si è disputata sotto la pioggia con partenza dietro la safety car, che entra in pista altre due volte a causa di uscite di pista. Sul fondo scivoloso è l’inglese Edgar ad imporsi, precedendo nell’ordine lo statunitense Crawford e l’italiano Andrea Rosso.

Quest’ultimo è stato il grande protagonista dell’ultima gara. Nelle prime fasi riesce a superare Carwford ed Edgar, per portarsi al comando. Dalle retrovie risale anche Pizzi, che riesce a concludere secondo, davanti a Edgar.

Grazie a questo risultato Pizzi (Van Amersfoort Racing) riesce a conservare il primo posto nella classifica generale dell’Italian F4 Championship powered by Abarth con 2 punti di vantaggio su Gabriele Minì (Prema Powerteam) che in questo appuntamento non è riuscito a salire sul podio, ma ha raccolto punti in tutte e tre le gare: 7° in Gara1, 5° in Gara2 e 4° in Gara3. Il terzo posto è occupato dal romeno Ugran, staccato di 7 punti dal leader.

Sul tracciato di Imola 24 piloti, tra i quali alcuni piloti del campionato tedesco, il FIA ADAC F4 Championship powered by Abarth, che hanno deciso di accumulare ulteriore esperienza prendendo il via anche ad alcune prove della serie italiana sui circuiti più tecnici e impegnativi, come quello di Imola che ospita quest’anno anche un Gran Premio di Formula 1.

Una delle prerogative dei campionati di Formula 4, ben supportati dall’affidabilità dei motori Abarth, è quella di permettere ai giovani piloti di correre sulle piste più tecniche, difficili e selettive per prepararsi al prosieguo della loro carriera agonistica nella categorie superiori. Anche il prossimo appuntamento, in programma dall’11 al 13 settembre, si svolge su un circuito nato per la Formula 1: il Red Bull Ring, in Austria.