KIA SOUL ECO-ELECTRIC, IL BELLO DI VIAGGIARE NEL SILENZIO

0
1474

Al debutto italiano in versione elettrica, Kia Soul si propone con design specifico, uno stile innovativo che esalta la personalità di un modello unico. Provata in un giro per Milano e fuori porta verso Monza, grazie agli oltre 210 km di autonomia consentiti dalle batterie, Kia Soul è figlia della evoluta piattaforma del produttore coreano: materiali di qualità, baricentro basso che aiuta piacere di guida e stabilità, nuovo sistema di climatizzazione ad alta efficienza e basso consumo di energia. Quanto al portafogli, è la prima vettura elettrica con la garanzia Kia 7 anni/150.000 km.
La versione elettrica si distingue dal resto della gamma per alcuni dettagli estetici come cerchi in lega aerodinamici, luci posteriori a Led e badge “ECO-electric” alla base del montante parabrezza. La griglia frontale è stata ridisegnata al fine di integrare lo sportello di ricarica nella linea della vettura. Inoltre, sia il paraurti anteriore che quello posteriore sono stati modificati per aumentarne aerodinamicità e efficienza. Soul ECO-electric si distingue ulteriormente per la verniciatura bi-colore Pure Soul bianca e turchese ripresa anche nello schema cromatico bicolore degli interni. Gli interni sono costruiti utilizzando materiali a basso impatto ambientale come cellulosa e canna da zucchero. Soul ECO-electric è la prima Kia a utilizzare l’innovativo cruscotto elettronico OLED (Organic LED) e la plancia realizzata con un processo di doppia iniezione che migliora sensazione di qualità e soft touch della superficie.
Sfidiamo chiunque si metta al volante di una vettura elettrica a non avere “l’ansia da autonomia”. Noi l’abbiamo ma il sistema AVN (Audio-Visual Navigation), ripreso da quello della versione termica con l’aggiunta delle funzioni dedicate alla versione elettrica, prevede climatizzazione programmabile, controllo della ricarica e tutta una serie di accorgimenti come controllo dei consumi energetici, ricerca automatica dei punti di ricarica e calcolo in tempo reale dell’autonomia residua.
Sulla SS 36 spingiamo la vettura fino a 145 km/h; da fermi, acceleriamo a 100 km/h in meno di 12 secondi. Possiamo scegliere due differenti modalità di guida, “Drive” e “Brakes”, delle quali la seconda è impostata per avere maggiore decelerazione in rilascio. Ciascuna modalità viene ottimizzata, se lo riteniamo opportuno, con il programma “Eco-mode” per il massimo di efficienza e di autonomia possibili: il sistema regola automaticamente tutte le funzioni, dal motore alla climatizzazione. Uno speciale circuito di riscaldamento controlla la temperatura di esercizio delle batterie e migliora l’efficienza della ricarica anche a bassissime temperature.
Quanto alla ricarica, possiamo effettuarla nel box di casa con la normale presa di corrente o a una stazione di ricarica attraverso due connessioni che corrispondono alle standardizzazioni SAE J1772 oppure CHAdeMo per la ricarica rapida a corrente continua a 480V. Utilizzando il cavo di ricarica di bordo a 6,6 kW il tempo di ricarica varia da 24 ore per un impianto a 120 volt a meno di cinque ore per un impianto a 240 volt. Con un sistema di ricarica rapida a corrente continua da 100 kW sono sufficienti 25 minuti per ricaricare le batterie all’80 per cento. Possiamo inoltre programmare l’attivazione della climatizzazione 30 minuti prima dell’ora prevista di partenza, mentre la vettura è ancora collegata al sistema di ricarica; così si sale a bordo con il clima desiderato e senza influire sull’autonomia residua.