La filiale italiana del BMW Group sostiene le attività culturali di Fondazione Prada.

0
98

BMW Group Italia ha siglato una partnership con Fondazione Prada nell’ambito del proprio impegno nella valorizzazione delle iniziative culturali, che ha portato a promuovere attività tra le più rilevanti del nostro Paese, come avviene a livello internazionale, dove il BMW Group in 50 anni ha partecipato a oltre100 iniziative di riferimento per la cultura internazionale in tutto il mondo.

Massimiliano Di Silvestre, Presidente e AD di BMW Italia ha dichiarato: “Abbiamo lavorato con passione e impegno per arrivare all’unione di queste due eccellenze, perché sono moltissimi i temi che ci accomunano in ambito di promozione culturale. Condividiamo con Fondazione Prada la convinzione che la cultura sia profondamente utile e necessaria, oltre che coinvolgente e attrattiva. Deve arricchire la nostra vita quotidiana, aiutarci a capire i cambiamenti che avvengono in noi e nel mondo. Da qui è nata l’idea di collaborare”.

A livello internazionale, in 50 anni il BMW Group si è distinto per le attività sviluppate e sostenute in vari campi: arte moderna e contemporanea, musica jazz e classica, architettura e design. Artisti come Andy Warhol, Jeff Koons, Daniel Barenboim, Jonas Kaufmann e l’architetto Zaha Hadid hanno collaborato con BMW. Nel 2016 e nel 2017, gli artisti Cao Fei, cinese, e John Baldessari, americano, hanno creato due veicoli per la BMW Art Car Collection, una raccolta di 19 opere d’arte basate su veicoli da corsa e di serie a partire dal 1975, quando il pilota francese Hervé Poulain incaricò l’artista Alexander Calder di dipingere la prima BMW Art Car, che Poulain stesso portò in gara nell’edizione di quell’anno della 24 ore di Le Mans. Da allora altri artisti hanno partecipato al progetto BMW Art Cars, tra cui David Hockney, Jenny Holzer, Roy Lichtenstein, Robert Rauschenberg, Frank Stella, Jeff Koons e Andy Warhol. Oltre alle co-iniziative, come il BMW Tate Live, il BMW Art Journey e i concerti “Opera for All” a Berlino, Monaco, Mosca e Londra, l’azienda collabora anche con importanti musei e fiere d’arte, nonché con orchestre e teatri d’opera in tutto il mondo.

A riconoscimento di questo impegno, nell’ambito delle celebrazioni dell’Anno Europeo dei Beni Culturali nel 2018, presso il Parlamento europeo a Bruxelles il BMW Group Cultural Engagement è stato premiato con il prestigioso Corporate Art Award® per il suo “impegno a lungo termine in centinaia di iniziative culturali in tutto il mondo”.

In Italia la promozione di attività culturali da parte del BMW Group è ricca di esempi di eccellenza. Le collaborazioni con il Teatro alla Scala e il festival La Milanesiana a Milano, o con il Teatro dell’Opera e il MAXXI a Roma testimoniano, tra gli altri, i valori e l’impegno dell’azienda nel tessuto del Paese.