La nuova Peugeot 208 in passerella a Ginevra 2015

0
865

Manca qualche giorno ormai all’85esima edizione del Salone di Ginevra e sale la febbre delle novità, soprattutto per vedere da vicino quali saranno le macchine che guideremo nei prossimi mesi. All’interno del segmento B che, con il 30% circa delle immatricolazioni è il secondo in termini di volumi del mercato europeo, ce n’è una che, dopo tre anni di successi, si rinnova completamente per la gioia dei suoi fun. Stiamo parlando della Peugeot 208, quella che da noi ha “reso famosa” la voce di un certo Stefano Accorsi (e scusate se è poco!).


Con uno stile più sportivo ed elegante, esaltato dai nuovi fari ad artigli 3D a LED di serie, da colori della carrozzeria inedita (da tener presente la tonalità Orange Power), dalle nuove versioni GT Line e GTi by Peugeot Sport e dai nuovi sistemi tecnologici come, per esempio l’Active City Brake , il Mirrori Screen, la retrocamera e il Park Assist, sarà commercializzata a partire dal prossimo mese di giugno. Particolarmente originale il frontale dove spiccano il nuovo paraurti, la calandra ridisegnata con il fendinebbia posizionato verso l’esterno e, ovviamente, i gruppi ottici “felini”. Mantiene la propria personalità la vista laterale mentre nel posteriore spiccano soprattutto i gruppi ottici a forma di artigli tridimensionali a LED. E all’interno? Ancor più migliorato il Peugeot i-Cockpit, vero e proprio valore aggiunto non solo della 208 ma anche di altri modelli della Casa del Leone.

Nel 2012, Peugeot 208, infatti, inaugurò questo concetto totalmente inedito, alla base di una Driving Experience stimolante, incisiva e sicura, ripreso in seguito su Peugeot 2008 e308. Peugeot i-Cockpit si compone di un volante ridotto, di un quadro strumenti in posizione rialzata e di un grande touchscreen da 7”. Altra novità che accompagnerà la 208 è la possibilità di personalizzazione attraverso vari pack come, per esempio, il Menthol White che propone un ambiente dinamico ed elegante, la calandra “Equalizer” con inserti colorati con effetto 3D, il profilo della calandra nero lucido; le modanature dei fendinebbia nero lucido con bordino colorato, il logo Peugeot anteriore e posteriore colorato; i retrovisori colore Nero Perla e fondo indicatori di direzione colorati.

Al pari delle sorelle 308, 508 e RCZ, nuova Peugeot 208 porta avanti la politica di crescita all’interno della gamma con l’arrivo del livello di allestimento GT Line, già disponibile in Italia su 308 e 508 SW.
Quest’approccio trasversale della gamma Peugeot permette di proporre ai clienti una personalità forte, dinamica e sportiva abbinata a motorizzazioni importanti. Così, per nuova Peugeot 208, il livello di allestimento GT Line adotta alcune caratteristiche estetiche proprie della versione sportiva GTi. Disponibile nelle versioni 3 e 5 porte abbinate alle motorizzazioni benzina 1.2 PureTech Turbo 110 CV S&S e 1.6 Diesel BlueHDi 100 e 120 CV, l’allestimento GT Line si basa su un veicolo di livello 3 (Allure).

Una vettura del genere non poteva non essere connessa con la realtà così, fra le innumerevoli proposte, ecco la funzione Mirror Screen, che permette all’utente di trasferire lo schermo del proprio smartphone compatibile con la tecnologia Mirrorlink® o Carplay® sul touchscreen del veicolo, per sfruttarne al massimo le applicazioni. Questa soluzione moltiplica i vantaggi, salvaguardando la visibilità e l’ergonomia delle applicazioni mobili in tutta sicurezza e permettendo di beneficiare della dimensione del touchscreen di PEUGEOT 208. L’accesso alle applicazioni viene gestito in modo diverso, in funzione dello stato del veicolo. Quando è in movimento, il guidatore può utilizzare le applicazioni utili alla guida, ad esempio la navigazione, oppure le applicazioni di infotainment, come la webradio. E sotto il cofano? Fin dal lancio verranno messe a disposizione nuove motorizzazioni benzina e diesel, tutte Euro 6, e con valori di CO2 che partono da 79 g/km mentre, in un secondo tempo, arriverà anche l’intramontabile THP 1.6 da 208 CV destinato alle versioni GTi e GTi by Peugeot Sport. E allora sì che ci sarà d adivertirsi…