L’AUTO DEL FUTURO? CONNESSA, CONDIVISA E SI GUIDERA’ DA SOLA

0
805

Il mercato delle “connected car” varrà oltre 40 miliardi di euro entro il 2018 e crescerà ogni anno mediamente del 20 per cento. I sistemi di “guida assistita” porteranno nei prossimi 20 anni grandi cambiamenti, destinati a incidere ben oltre la mobilità individuale. La propulsione elettrica è oggi un mercato di nicchia (solo lo 0,1 per cento del parco circolante mondiale, circa 700mila veicoli), ma è destinato a consolidarsi nei prossimi anni. Intanto, la crescita del car-sharing a livello mondiale negli ultimi otto anni è stata significativa: il numero complessivo di iscritti al servizio è passato dai 400mila del 2006 ai 4,9 milioni del 2014 (crescita annua media del 39 per cento). Il numero dei veicoli in flotta è passato dagli 11.200 ai 92.200. Questi i principali trend che emergono dall’analisi condotta a livello mondiale dalla società globale di consulenza aziendale AlixPartners dal titolo “Connected, Autonomous, Shared, Electricfied: verso l’auto del futuro”, i cui risultati sono stati illustrati nel corso di un incontro promosso da #ForumAutoMotive.

La ricerca evidenzia come l’industria automobilistica sia oggi chiamata ad affrontare enormi e costose sfide tecnologiche, destinate a stravolgere nei prossimi 20 anni le attuali forme di mobilità e trasporto. Nel 2015 più del 20 per cento dei veicoli venduti in tutto il mondo dispone di soluzioni di connettività integrate e più del 50 per cento può essere connesso attraverso tecnologia integrata, o via hotspot e smartphone. Dal 2018 ogni automobile venduta in Europa sarà provvista di un’infrastruttura di connettività. Entro quell’anno il mercato delle “connected car” varrà oltre 40 miliardi di euro. In particolare, una quota maggioritaria (25 miliardi rispetto agli 11 del 2013) del totale riguarderà l’equipaggiamento delle vetture con servizi di informazioni sul traffico, supporto dei call center e intrattenimento; 5 miliardi, ben 3 in più del 2013, sarà il valore dei servizi telematici, quale il customer relationship management; 4 miliardi concerneranno la fornitura di connettività (erano 1,1 miliardi nel 2013) e 7 miliardi di euro (erano 2 miliardi nel 2013) dalla vendita di hardware. Già dal 2017 la Cina sarà leader per numero di installazioni.

L’automobile che si guida totalmente da sola, che negli ultimi anni ha mosso i primi passi con i sistemi di parcheggio automatico, l’adaptive cruise control e i sistemi di mantenimento della corsia di marcia, sarà tecnologicamente possibile sulle autostrade solo tra cinque o dieci anni; eppure, secondo lo studio, le questioni legate alla responsabilità e alle restrizioni di guida limiteranno l’effettivo uso dei veicoli autonomi a particolari impieghi e ad ambienti specifici.

Se l’auto condivisa e connessa è già oggi una realtà, le vetture elettriche, nonostante un aumento delle vendite del 60 per cento nel 2014 supportato dalle legislazioni favorevoli di alcuni Paesi, rimangono un mercato di nicchia, con un’incidenza globale pari allo 0,4 per cento delle vendite totali. L’elettrificazione dei sistemi di propulsione è un fenomeno destinato a consolidarsi nei prossimi anni e le case automobilistiche hanno mostrato di crederci, raddoppiando negli ultimi 5 anni i modelli elettrici (oggi più di 50) e si prevedono fino al 2025 tassi di crescita annui compresi tra il 24 e il 31 per cento.