Rally del Messico, Giorno 2 – Il duo Citroen Ogier – Ingrassia sono al comando della gara

0
6168

In una seconda tappa del Rally Messico che si è dimostrata piuttosto complicata per i mezzi meccanici a conquistare la testa del gruppo è statoSébastien Ogier. Il campione di Citroen Racing, ha spaventato la concorrenza tenendo un passo molto sostenuto malgrado una foratura nel corso della PS 7 e alla fine è tornato in albergo con quattro scratch e la prima posizione.

Decisamente meno esaltante la giornata dell’altro pilota del Double Chevron Esapekka Lappi, quinto provvisorio. Il finnico, a suo agio sulla C3 “al 60%” secondo le sue parole, è stato protagonista di diverse sbavature, tra cui una frenata anticipata con colpetto ad un albero nella PS6.

In piazza d’onore, invece, staccato di 13”3 dal 6 volte iridato di Gap, Elfyn Evans su Ford Fiesta.   Il gallese è stato finora autore di una gara costante e senza grandi errori, così come Kris Meeke, terzo a 19”9. Il nordirlandese della Toyota, tuttavia, è stato rallentato da un handicap non indifferente, la polvere nell’abitacolo che lo ha disturbato sin dal mattino.

Quarto posto per un altro uomo Yaris, il capoclassifica generale Ott Tänak. L’estone ha lasciato il segno nelle PS 7 e nella PS9, affermandosi come unico potenziale rivale di Ogier.

Sesto l’unico superstite della Hyundai, Thierry Neuville. Il belga si è messo nei guai subito nella PS2  quando, a seguito di un contatto con un sasso dopo una decina di chilometri dallo start, ha subito una foratura, e da lì non è stato più in grado di prendere confidenza con la sua i20 tanto da definirsi “fuori dalla lotta che conta”.

Per quanto riguarda i suoi compagni di marco, Dani Sordo è rimasto fermo durante la PS 7 per una panne elettrica, mentre Andreas Mikkelsen, in gran forma in avvio di tappa e al top della graduatoria fino alla PS4, in quella successiva è stato bloccato da motivi tecnici.

Ko per noie elettriche per la Toyota di Jari-Matti Latvala, incapace di prendere il via della penultima brevissima speciale da 2,33 km e comunque protagonista fino ad allora di una prova mediocre. Ritiro per incidente nella PS2 per la Ford Fiesta di Teemu Suninen.

A chiudere il gruppo dei 10 le Skoda Fabia R5 di Marco Bulacia, primo tra le WRC2 Pro, e Benito Guerra. Nona la Fiesta R5 di Alberto Heller, quindi la Fabia R5 di Roberto Trivino.

 

Classifica Rally del Messico dopo la PS9:

1       Ogier S./ Ingrassia J.  Citroën C3 WRC

2       Evans Elfyn/ Martin Scott  Ford Fiesta WRC        +00:13.3

3       Meeke Kris/ Marshall S.  Toyota Yaris WRC        +00:19.9

4       Tänak Ott/ Järveoja M.  Toyota Yaris WRC+00:37.3

5       Lappi Esapekka/ Ferm Janne  Citroën C3 WRC    +00:38.0

6       Neuville Thierry/ Gilsoul Nicolas  Hyundai i20 Coupe WRC   +01:00.9

7       Bulacia Marco/ Cretu Fabian  Škoda Fabia R5      +05:09.7

8       Guerra Benito/ Zapata Jaime  Škoda Fabia R5       +05:20.1

9       Heller Alberto/ Diaz Jose Ford Fiesta R5     +06:23.7

10     Triviño R./ Martí Marc  Škoda Fabia R5     +09:00.4

RM Media