UMBERTO SCANDOLA E GUIDO D’AMORE SKODA FABIA R5, CHIUDONO AL COMANDO LA PRIMA GIORNATA DEL 23.RALLY ADRIATICO

0
817

Cingoli (Macerata), 28 maggio 2016 – Pronostici rispettati, almeno per quanto riguarda la prima giornata, al 23. Rally Adriatico gara organizzata dalla Prs Group, quarta prova del Campionato Italiano Rally e seconda del Trofeo Rally Terra. A terminare al comando e quindi a prendersi i punti pesanti in palio per questa prima tappa sono stati Umberto Scandola e Guido D’Amore. Il veronese e il ligure sono stati al comando, con la loro Skoda Fabia R5, dal primo all’ultimo chilometro dimostrando le qualità tecniche della loro vettura in particolare in particolare sulla terra. Scandola ha preceduto Simone Campedelli e Danilo Fappani, bravi e veloci al debutto con la Ford Fiesta alimentata a gpl della Brc. Al terzo posto hanno concluso Paolo Andreucci con Anna Andreussi, che hanno pagato durante la giornata sicuramente il fatto di essere partiti per primi e di avere quindi dovuto spazzare dal brecciolino le traiettorie migliori. Il toscano ha conquistato la terza posizione proprio nell’ultimo tratto cronometrato ai danni di Basso. Il veneto della Brc infatti proprio nella speciale spettacolo di Cingoli si è girato anche per un problema ad un pneumatico della Ford Fiesta R5. I valori tecnici sembrano però consolidati in attesa comunque delle seconda tappa che domani sarà chiamata subito a confermarli o a sovvertirli. Tra i protagonisti della giornata sulla terra un ottimo quinto posto per il sammarinese Denis Colombini con la Skoda Fabia R5.

Per quanto riguarda il Campionato Italiano 2 Ruote motrici la lotta tutta tra Luca Panzani e Ivan Ferrarotti ha visto imporsi al termine della giornata il lucchese, qui con la Citroen DS3 R5 davanti al reggiano su Renault Clio R3C con soli cinque decimi di secondo di distacco. Il rally marchigiano è valido anche per il Campionato Italiano R1 nel quale ad emergere sono stati in primis Jacopo Lucarelli, Claudio Vallino e Lorenzo Coppe, tutti a bordo delle Suzuki Swift in versione R1B, in corsa anche per il trofeo della casa giapponese. Tra i protagonisti dei terraioli in corsa per Trofeo Rally Terra ottima prestazione per lo svizzero Federico Della Casa a bordo della Ford Fiesta S2000, a motore turbo 1600, seguito dalla Skoda Fabia S2000 di Daniele Ceccoli e la Peugeot 207 S2000 di Nicolò Marchioro. Nel Trofeo Renault Twingo R2 Terra protagonisti assoluti sono stati in questa prima frazione di gara Jacopo Trevisani e Giacomo Matteuzzi. Tra i ritiri più clamorosi della giornata da segnalare quello del veneto Mauro Trentin con la Peugeot 208 T16 R5 che ripartirà domani.

Domani, la sfida proseguirà con la seconda parte di gara che comincerà da Cingoli alle 07.31, con 6 prove speciali, tre giri sulle prove di “Panicali”, 9.99 km, e “Avenale”, 9,39 km prima dell’arrivo previsto alle 15.30. Anche per la seconda giornata di gara, sono in programma due live streaming ACI Sport, alle 9.40 dal riordino in Viale Valentini a Cingoli e, alle 15.20 dall’ arrivo finale del rally nel cuore di Cingoli.

CLASSIFICA 23. RALLY ADRIATICO – TAPPA 1: 1. Scandola – D’Amore (Skoda Fabia R5) in 41’29.4; 2.Campedelli-Fappani (Ford Fiesta R5 gpl)a 11.3 ;3. Andreucci-Andreussi (Peugeot 208 T16 R5) a 22.5;4. Basso-­‐Granai (Ford Fiesta R5)a 30.2 ;5.Colombini-Zanella (Skoda Fabia R5) a 35.6 ;6. Dedo-Chiarcossi (Skoda Fabia R5) a 1’20.7; 7.Della Casa-Pozzi (Ford Fiesta S2000)a 1’29.3 ;8.Tempestini-­‐Bernacchini (Ford Fiesta R5) a 1’45.2 ;9.Ceccoli-Capolongo(Skoda Fabia S2000)a 1’48.6; 10.Marchiro-Marchetti (Peugeot 207 S2000)a 1’52.5.

CLASSIFICA PILOTI CIR TAPPA 1: Andreucci 50,50 pt; Scandola 37,50 ; Basso 35,75; Perico 19; Tempestini 15; Campedelli 13,50; Baccega 10,25 ; Michelini 8,5; Ciava 5 Rusce 3,5.
CLASSIFICA PILOTI CIR JUNIOR TAPPA 1: Pollara 47,75 pt; Testa 46,25; 21, 5. Casella 28; Bernardi 27. CLASSIFICA COSTRUTTORI CIR TAPPA 1: Peugeot 54 pt; Ford 48,75; Skoda 37,5.
CLASSIFICA PILOTI CIR 2RM TAPPA 1:Ferrarotti 49,50 pt; Panzani 35,75; Testa 31,50;Gilardoni; Bernardi 21.