ACI lancia #GUARDALASTRADA

0
675

Diminuiscono (-2,9%) gli incidenti stradali, ma aumentano (+1%) quelli mortali.
I dati forniti dall’Ing. Enrico Pagliari – responsabile ACI per la sicurezza stradale – indicano che nel primo semestre del 2015, nel nostro Paese, gli incidenti stradali con lesioni gravi a persone (oltre i 30 giorni di prognosi) sono stati poco meno di 85mila. 1.596 i morti entro il trentesimo giorno; 119.599 i feriti.
Rispetto ai dati consolidati dello stesso periodo del 2014, le stime evidenziano una riduzione del 2,9% degli incidenti con lesioni a persone e del 3,8% nel numero di feriti, mentre il dato delle vittime è drammaticamente in controtendenza, aumentano dell’1,0%.
Per la prima volta in 15 anni si registra un’inversione del calo della mortalità.

3 incidenti su 4 dovuti a distrazione. Smartphone tra le prime cause di distrazione
Nel 75% dei casi gli incidenti sono dovuti a distrazione.
Studi e ricerche evidenziano che una delle prime cause di distrazione è l’uso dello smartphone per inviare messaggi, chattare, scattare selfie e guardare foto.

ACI lancia #GUARDALASTRADA. Testimonial Francesco Mandelli
Per questa ragione l’ACI – Automobile Club d’Italia – lancia “#GUARDALASTRADA” e “#MOLLASTOTELEFONO”, una campagna di sensibilizzazione contro le distrazioni alla guida legate all’uso dello smartphone, rivolta in particolare ai giovani tra i 18 e i 29 anni.
Testimonial d’eccezione Francesco Mandelli, attore e conduttore televisivo, volto particolarmente noto e amato dai giovani.
Mandelli è il protagonista di un video che parte da una situazione paradossale nell’uso del telefono alla guida e si conclude con un incidente gravissimo. Il filmato chiude con Mandelli – nella veste di se stesso e non più di attore – che spegne il telefono.

“Quando guidate a cento all’ora chiudete gli occhi per alcuni secondi? Non credo proprio! – ha dichiarato il Presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani – Eppure è quello che accade quando prendiamo il telefono mentre siamo al volante. Per decine, centinaia di metri l’auto è senza vero controllo e questo comportamento è diventato una delle prime causa di incidentalità, troppo spesso mortale.
L’ACI fa della sicurezza stradale la sua mission principale e ha realizzato una campagna dal titolo #guardalastrada, rivolta soprattutto ai giovani, che più di chiunque altro vivono in simbiosi col telefono e con le sue app. Il nostro obiettivo è renderli consapevoli del grave pericolo che tutti corriamo quando siamo alla guida distratti, ad esempio per rispondere a un banale messaggio. Meglio non rispondere e farlo quanto siamo arrivati a destinazione o ci siamo fermati.”

Sulla campagna Ludovico Fois, Consigliere per le relazioni esterne e gli affari istituzionali ACI, ha spiegato che si tratta di: “una campagna completamente innovativa, per linguaggio, originalità e modalità di diffusione. Una campagna tutta rivolta a catturare l’attenzione in particolare della generazione 2.0 e pertanto strategicamente focalizzata a questo pubblico. Non abbiamo puntato su un “bella” campagna ma sulla sua efficacia, affinché si riescano a raggiungere direttamente circa 3.000.000 di giovani: per questo un hashtag che per la prima volta in Italia usa gli emoticon, per questo la scelta di un testimonial così amato dai ragazzi, per questo l’uso esclusivo dei media digitali.”
Con la campagna #guardalastrada Aci intende anche contribuire al grande obiettivo europeo di riduzione degli incidenti mortali del 50% entro il 2020.

#GUARDALASTRADA: prima campagna di una P.A. con uso esclusivo dei Social Network
#GUARDALASTRADA è la prima campagna di una Pubblica Amministrazione che vede l’uso esclusivo dei Social Network, che saranno il principale canale di diffusione, con pianificazione sui media digitali attraverso le modalità del Precision Marketing, ovvero implementando una iper-targhettizzazione dei giovani tra i 18 e i 29 anni, i quali riceveranno post, twitter, video contro le distrazioni alla guida legate all’uso dello smartphone.
La campagna ha da subito coinvolto diverse personalità di Governo e pubbliche, a iniziare dai Ministri Stefania Giannini, Beatrice Lorenzin e Maurizio Martina e dai Sottosegretari Gioacchino Alfano, Dorina Bianchi, Federica Chiavaroli, Vito De Filippo, Simona Vicari, insieme per dare il loro sostegno posteranno e condivideranno sui propri profili social una foto con la maglietta simbolo dell’iniziativa.

“Quando mi è stato chiesto di sostenere la campagna di sicurezza stradale di ACI rivolta ai giovani, ho accetto di slancio – conclude Francesco Mandelli – perché da vero appassionato d’auto quale sono credo che guidare possa essere anche una grande emozione ma a condizione di farlo con consapevolezza e attenzione.
Francesco Mandelli ha poi proseguito – Abbiamo metabolizzato che alcuni comportamenti in auto sono sbagliati ma l’uso del telefonino non è ancora vissuto come pericoloso, mentre lo è tanto quanto non allacciare le cinture, guidare dopo aver bevuto, viaggiare a velocità elevate. Non dobbiamo usare il telefono alla guida e dobbiamo impedire che lo facciano gli altri.”

Da oggi il video sui Social e le Piattaforme principali
Il video – prodotto da Tapeless, diretto dai registi Marco Bellone e Giovanni Consonni, e girato presso le strutture del CSI (centro di certificazione e testing del gruppo IMQ) – ha impegnato, oltre a Francesco Mandelli e 2 attori, 30 addetti.
Il video sarà diffuso sui principali Social Network e Piattaforme, grazie alla strategia e alla pianificazione curati da HUB09.

Il video della campagna sarà disponibile sul sito dell’ACI http://www.aci.it/guardalastrada.html, sulla pagina Facebook di Aci Social Club https://www.facebook.com/acisocialclub/ e l’account twitter @ACI_Italia