Dakar 2015 -PEUGEOT 2008 DK ultimi attacchi in Argentina

0
242


La Dakar ritorna in Argentina, e si muove in direzione del traguardo, a Buenos Aires, previsto tra tre giorni. Durante una speciale insidiosa, iniziata a 3600 m di altitudine, Stéphane Peterhansel è ritornato nella Top 10 dei concorrenti più veloci della giornata. Nonostante una posizione di partenza penalizzante, ha realizzato una prestazione ineccepibile che gli ha permesso di arrivare 9° nella speciale. Anche Cyril Despres ha concluso questa lunga giornata e si è visto accreditato del 22° miglior tempo, che gli fa guadagnare altre posizioni in classifica generale.
La natura tecnica della speciale di oggi rappresentava una nuova sfida sia dal punto di vista della navigazione che della guida pura. I concorrenti hanno dovuto trovare la strada a partire dal roadbook nonostante una visibilità limitatissima. Se si esclude un piccolo tratto di sabbia all’inizio, la tappa del giorno si svolgeva prevalentemente su piste strette e accidentate, che lasciavano poco spazio all’errore, soprattutto per i veicoli a due ruote motrici. A una simile altitudine, i motori fanno fatica ad erogare tutta la loro potenza, tenuto conto del basso tasso di ossigeno. Alla stessa stregua, l’organismo umano è messo a dura prova in questa speciale che è certamente una delle più difficili del rally.
Tenuto conto della sua posizione di ieri in classifica, Stéphane Peterhansel ha dovuto affrontare le peggiori condizioni stradali. Nonostante ciò, è riuscito ad inserirsi nella Top 10 della giornata, il che significa che domani partirà da una posizione più favorevole. Stasera rimane al 14° posto della classifica generale e punterà a conquistare una posizione tra i primi 10 nella Dakar.
Cyril Despres ha fatto segnare il 22° tempo, dopo il 9° tempo di ieri, suo miglior piazzamento. In tal modo dimostra le sue capacità di adattamento dopo avere guidato in condizioni che non gli erano davvero molto familiari. Dopo una giornata senza problemi per le PEUGEOT 2008 DKR, la squadra spera che l’ex motociclista riesca a portare la sua vettura al traguardo.

Stéphane Peterhansel (n°302) : « E’ stata una speciale bella e difficile: il percorso sembrava semplice in superficie, ma nascondeva molte trappole. Mi ha ricordato un po’ una speciale del campionato del mondo rally, tanto la pista era stretta. Il problema principale è stata la mia posizione: è stato difficilissimo rimontare dalla mia posizione di partenza, senza correre inutili rischi. La buona notizia è che abbiamo finito nella Top 10: avremo dunque condizioni migliori nella SS11, o in tutti i casi meno peggio di quelle odierne! Un altro punto positivo è che oggi non abbiamo avuto grossi problemi con la vettura. Le regolazioni non erano forse quelle ideali, ma nell’insieme andavano bene».
Cyril Despres (n°322) : « Ho trovato la speciale molto veloce e sinuosa : proprio le condizioni a cui non sono abituato! So che ho ancora molto da imparare su questi percorsi specifici e ho apprezzato molto, ancora una volta, di avere Gilles al mio fianco. Mi ha dato molti consigli. La speciale mi è piaciuta molto: dovrei trasferirmi qui solo per il piacere di guidare e imparare a conoscere queste piste… Oggi per me la priorità era non avere problemi. C’erano molte rocce lungo la pista e non volevo commettere il minimo errore. Dunque oggi mi sono divertito molto, malgrado una lieve punta di apprensione».
Bruno Famin, Direttore di Peugeot Sport : « La cosa più importante di tutte è avere portato le due vetture al traguardo di tutte le speciali più estenuanti. Tenuto conto di queste condizioni difficili per i piloti, le nostre regolazioni non erano ottimali, ma non abbiamo avuto nessun problema tecnico da denunciare, il che dimostra il livello di affidabilità che siamo riusciti a raggiungere. Adesso ci restano da affrontare tre tappe e non possiamo permetterci di abbassare la guardia fino a un secondo prima di raggiungere il traguardo, che rimane il nostro principale obiettivo».

Risultati della SS10
1. Nasser Al-Attiyah (QAT)/Matthieu Baumel (FRA) Qatar Rally Team 3h 49m 59s 2. Orlando Terranova (ARG)/Bernardo Graue (ARG) Mini +00:01:35
3. Yazeed Al-Rahji (SAU)/Timo Gottschalk (DEU) Toyota +00:03:39
4. Leeroy Poulter (RSA)/Robert Howie (RSA) Toyota +00:04:06
5. Giniel de Villiers (RSA)/Dirk von Zitzewitz (DEU) Toyota All Speed +00:04:24
9. Stéphane Peterhansel (FRA)/J-P Cottret (FRA) Team Peugeot-Total +00:07:23
22. Cyril Despres (FRA)/Gilles Picard (FRA) Team Peugeot-Total +00:18:35
Classifica generale dopo la SS10
1. Nasser Al-Attiyah (QAT)/Matthieu Baumel (FRA) Qatar Rally Team 35h 19m 37s 2. Giniel de Villiers (RSA)/Dirk von Zitzewitz (DEU) Toyota All Speed +00:28:22
3. Yazeed Al-Rahji (SAU)/Timo Gottschalk (DEU) Toyota +00:43:08
4. Krzysztof Holowczyc (POL)/Xavier Panseri (FRA) Mini +01:23:42
5. Erik van Loon (NLD)/Wouter Roesegar (NLD) Mini +02:51:13
6. Christian Lavieille (FRA)/Pascal Maimon (FRA) Toyota +03:01:41
7. Vladimir Vasilyev (RUS)/Konstantin Zhiltsov (RUS) +03:12:10
8. Bernhard Ten Brinke (NLD)/Tom Colsoul (BEL) Toyota +03:39:28
9. Carlos Sousa (PRT)/Paulo Fiuza (PRT) Mitsubishi +02:53:35
8. Vladimir Vasilyev (RUS)/Konstantin Zhiltsov (RUS) +03:02:41 

9. Bernhard Ten Brinke (NLD)/Tom Colsoul (BEL) Toyota +03:41:53
10. Aidyn Rakhimbayev (KAZ)/Anton Nikolaev (RUS) +03:59:17
14. Stéphane Peterhansel (FRA)/J-P Cottret (FRA) Team Peugeot-Total +05:14:05 36. Cyril Despres (FRA)/Gilles Picard (FRA) Team Peugeot-Total +15:16:13

SS11 (Salta-Termas Rio Hondo), alle 7.30 ora locale. 520 km, di cui 194 di speciale.