DS Automobiles lancia l’edizione limitata 1955

0
2833

Per un’intera settimana Parigi, capitale della moda, del lusso, del lifestyle, della cucina e del buon vino, si è fermata per festeggiare i 60 anni della DS, iconica vettura che ha fatto sognare (e innamorare) intere generazioni. Ai piedi della torre Eiffel, quindi, la DS ingrana la marcia e riparte per scrivere un’altra storia importante, destinata a diventare ancora una volta un best seller del “romanticismo contemporaneo”. Durante la DS week il famoso giardino delle Tuileries è diventato il palcoscenico ideale per annunciare al mondo intero che DS è diventata definitivamente (e a tutti gli effetti) un brand automobilistico unico e indipendente. La prima parte della DS week è dedicata ai rappresentanti della rete e alla stampa di tutto il mondo ma sabato 23 e domenica 24 aprirà anche al grande pubblico tanto che, nei quasi 4.000 mq, i visitatori potranno immergersi nell’universo DS per un viaggio nel tempo: passato, presente e futuro

Da sabato, gli oltre 600 modelli di DS si trasferiranno sul circuito storico di Linas- Montlhéry (regione parigina) al raduno internazionale mentre domenica 24 maggio sfileranno sugli Champs- Elysées sotto gli occhi del mondo intero. Spettacolo, cultura, design, esposizioni, gallerie fotografiche, techno Lab, Officina, Boutique, show room e… non solo! Per festeggiare il grande evento DS Automobiles lancia l’edizione limitata 1955, il meglio per raffinatezza e tecnologia, disponibile nelle Concessionarie a partire da giugno.

Si tratta di un’edizione limitata trasversale sull’intera gamma DS (DS 3, DS 3 Cabrio, DS 4 e Nuova DS 5) che, come sottolineato da Yves Bonnefont, Direttore Generale del Marchio DS, si ispira ad una vettura leggendaria: “Per costruire il Marchio DS di oggi, ci ispiriamo a questa eredità eccezionale, quella di un’auto leggendaria che racchiude i nostri valori di innovazione, eccellenza e avanguardia. Le attuali DS abbinano design eccezionale e tecnologia, confort e dinamismo, materiali nobili e raffinatezza”.
Noi che abbiamo avuto il piacere di partecipare alla DS Week parigina possiamo confermare che siamo di fronte ad un’edizione limitata in cui raffinatezza fa rima con attenzione al dettaglio. I modelli ‘1955’ si distinguono per la tinta della carrozzeria Blu Zaffiro metallizzato (con tetto bicolore nero su DS 3 e DS 4); il cliente potrà scegliere anche la carrozzeria Grigio Shark metallizzato o Bianco Perla perlato.
Le ‘1955’ sono personalizzate con cerchi in lega con i coprimozzi Gold Mat, un logo DS dello stesso colore sul cofano (omaggio alla DS storica), conchiglie dei retrovisori esterni nere con trama DS incisa a laser e gli sticker dorati ‘DS 60 1955′ su porte anteriori e portellone. Eleganza anche per gli interni, con sedili in pelle pieno fiore ed elementi di personalizzazione con logo ‘DS 60 1955’ (tappetini, poggiatesta specifici, badge con il numero dell’esemplare, orologio analogico specifico…).
In questa edizione 1955, poi, c’è tanto rispetto per l’ambiente grazie ai motori ad alte prestazioni ed efficienti: il cliente, infatti, potrà scegliere tra gli ultimi motori benzina e diesel del Gruppo PSA, molto efficienti, dotati di tecnologia Stop & Start e conformi alla norma Euro 6. Senza dimenticare la motorizzazione Hybrid 4×4 per Nuova DS 5.
In particolare, DS 3 1955 “edizione limitata 60 anni DS” è proposta con motore PureTech 110 S&S a 22.850 euro, mentre la versione cabrio è equipaggiata con lo stesso motore a 26.350 euro. Il nuovo BlueHDi 120 S&S con il nuovo cambio automatico EAT6 è stato scelto per DS 4 1955 “edizione limitata 60 anni DS” a partire da 31.000 euro.
DS 5 1955 “edizione limitata 60 anni DS” offre la scelta tra il BlueHDi 180 S&S EAT6 proposta a 41.750 euro e la Hybrid 4×4 da 47.250 euro. In qualunque caso è pur sempre una Citroen. Pardon… una DS!

 

14BB16 JPG 14BB17 JPG 14BB18 JPG 15AA10 JPG 15AA14 15BB28 8964_cl_70_008_001 CL 13.088.007 CL 13.136.003 JPG CL 14.145.002 CL 14.147.012 CL 14.147.033 CL 14.148.004 CL 15.017.003 CL 69.012.001 DS 21 - CL_72_24_16 - copyright A. MARTIN -.jpg