Il BMW Group continua a guidare l’elettromobilità: concluso un contratto di fornitura a lungo termine con Northvolt per le batterie dall’Europa.

0
124

Il BMW Group sta guidando l’espansione dell’elettromobilità e ha firmato un contratto di fornitura a lungo termine del valore di 2 miliardi di euro per batterie con la società svedese Northvolt. Le batterie saranno prodotte in Europa presso la gigafactory Northvolt attualmente in costruzione a Skellefteå, nel nord della Svezia (impianto di serie Northvolt Ett) dal 2024.

Un aspetto decisivo per il BMW Group: Northvolt otterrà il 100 percento dell’energia necessaria per produrre le batterie nella Svezia settentrionale esclusivamente da energia eolica e idroelettrica. Oliver Zipse, Chairman del Board of Management di BMW AG, ha dichiarato: “Per dare un contributo efficace alla protezione del clima, miriamo a migliorare l’equilibrio ambientale globale dei nostri prodotti, dalle risorse al riciclo. Ciò vale in particolare per la produzione ad alta intensità energetica di batterie ad alta tensione per veicoli elettrici. Questo è il motivo per cui ora abbiamo un accordo contrattuale con i nostri produttori di celle che useranno esclusivamente energia green per produrre le nostre batterie di quinta generazione.”

Andreas Wendt, membro del Board of Management di BMW AG responsabile per Purchasing and Supplier Network, ha aggiunto: “Northvolt è il terzo fornitore di batterie con cui abbiamo collaborato, insieme ai nostri partner esistenti, CATL e Samsung SDI. La firma di questo contratto è un altro passo verso il soddisfacimento della nostra crescente necessità di batterie a lungo termine. Stiamo guidando sistematicamente l’elettrificazione della nostra flotta di veicoli. Entro il 2023, miriamo ad avere 25 modelli elettrificati sulle strade, più della metà completamente elettrici.” Il BMW Group approvvigionerà anche celle prodotte in Europa dal produttore cinese CATL, dallo stabilimento attualmente in costruzione a Erfurt, in Germania. Ogni generazione di celle del BMW Group viene assegnata in competizione globale al produttore leader dal punto di vista sia tecnologico che commerciale. Wendt: “Questo ci assicura di avere sempre accesso alla migliore tecnologia delle celle possibile”.

La sostenibilità svolge un ruolo chiave nell’espansione dell’elettromobilità

Il BMW Group e Northvolt si approvvigioneranno insieme del cobalto e del litio necessari come materie prime chiave per la produzione di celle da miniere che soddisfano gli elevati standard di sostenibilità di entrambe le società. Ciò garantisce la piena trasparenza dell’origine delle materie prime in qualsiasi momento. Il rispetto delle norme ambientali, il rispetto dei diritti umani e la riduzione delle emissioni sono le massime priorità. “La sostenibilità è un aspetto importante della nostra strategia aziendale e svolge un ruolo chiave nell’espansione dell’elettromobilità”, ha sottolineato Wendt. Inoltre, dal 2021 il BMW Group non utilizzerà più terre rare nei suoi propulsori elettrici di quinta generazione.

Il BMW Group e Northvolt stanno perseguendo il loro obiettivo di una catena del valore sostenibile per le batterie in Europa attraverso un consorzio tecnologico congiunto. Il design delle celle riciclabili è un obiettivo costante durante lo sviluppo delle batterie. Di fronte alla domanda in rapida crescita di batterie, il riciclaggio dei componenti alla fine del ciclo di vita e un ampio riutilizzo delle materie prime saranno fondamentali per chiudere il ciclo dei materiali nel miglior modo possibile.

Produzione di batterie: una leva importante ed efficace per ridurre la CO2, che rappresenta fino al 40% delle emissioni di anidride carbonica

Man mano che la mobilità elettrica guadagna sempre più slancio, l’attenzione della riduzione di CO2 si sposta sul valore aggiunto a monte – e, in particolare, sulla produzione ad alta intensità energetica di batterie ad alta tensione, perché fino al 40 percento delle emissioni di un veicolo completamente elettrico proviene dalla sola produzione delle batterie. Questa è una leva importante e molto efficace per ridurre le emissioni di CO2, quindi è proprio lì che il BMW Group sta concentrando i suoi sforzi. In qualità di leader nella sostenibilità, l’azienda ha quindi raggiunto un accordo contrattuale con CATL, Samsung SDI e Northvolt secondo cui useranno esclusivamente energia green per produrre batterie di quinta generazione per il BMW Group. “Con l’aumentare dei volumi, l’uso di energia sostenibile farà risparmiare circa dieci milioni di tonnellate di CO2 nel prossimo decennio. Per fare un confronto, questa è all’incirca la quantità di CO2 che una città di oltre un milione di abitanti, come Monaco, emette ogni anno”, secondo Zipse.

Potenziale Northvolt riconosciuto tempestivamente

Il BMW Group ha riconosciuto ben presto il potenziale e la competenza di Northvolt: a metà del 2018, il BMW Group ha avviato una collaborazione per lo sviluppo di batterie con la società formata nel 2016. Ciò è stato sostenuto dalla partecipazione finanziaria del BMW Group nella società. Entrambe le parti traggono vantaggio dalla partnership: il BMW Group contribuisce con l’esperienza sulle batterie che ha acquisito in oltre 15 anni, mentre Northvolt si è attrezzata per la produzione di massa con la sua gigafactory nella Svezia settentrionale.

Vasta competenza interna nell’intera catena del valore delle batterie

Il BMW Group gestisce il suo Battery Cell Competence Centre di Monaco. L’obiettivo del centro di competenza è far progredire la tecnologia delle batterie e introdurla nei processi di produzione. La produzione di prototipi di batterie consente di analizzare e comprendere appieno i processi di creazione del valore della cella. Il BMW Group produce batterie internamente presso i suoi stabilimenti di Dingolfing (Germania), Spartanburg (USA) e nello stabilimento BBA di Shenyang (Cina). Il BMW Group ha anche localizzato la produzione di batterie in Thailandia, dove collabora con il gruppo Dräxlmaier.

BMW Group pioniere della mobilità elettrica – 25 modelli elettrificati entro il 2023

L’azienda avrà 25 modelli elettrificati in gamma entro il 2023. Architetture flessibili per veicoli completamente elettrici, ibridi plug-in e modelli con motori a combustione consentono all’azienda di rispondere rapidamente alle condizioni in evoluzione e costituire la base per questo. Più della metà dei 25 modelli sarà completamente elettrica. Il BMW Group raddoppierà le sue vendite di veicoli elettrificati tra il 2019 e il 2021 e prevede una ripida curva di crescita fino al 2025: le vendite globali dei nostri veicoli elettrificati dovrebbero aumentare in media di oltre il 30 percento ogni anno. In Europa, l’azienda segue anche un’ambiziosa logica di crescita: entro il 2021, i veicoli elettrificati dovrebbero costituire un quarto della nostra flotta di veicoli nuovi, raggiungendo un terzo nel 2025 e metà delle nostre vendite nel 2030.

Come pioniere della mobilità elettrica, il BMW Group è già un fornitore leader di veicoli elettrificati. Alla fine del 2019, l’azienda aveva oltre mezzo milione di veicoli completamente elettrici e ibridi plug-in sulle strade. Entro la fine del 2021, il BMW Group offrirà cinque veicoli di produzione in serie completamente elettrici. Oltre alla BMW i3 *, con oltre 160.000 unità costruite fino ad oggi, la produzione della MINI Full Electric * è stata avviata nello stabilimento di Oxford nel 2019. A questo seguirà quest’anno la BMW iX3 completamente elettrica, prodotta a Shenyang, in Cina e, nel 2021, la BMW iNEXT, fabbricata a Dingolfing e la BMW i4 dallo stabilimento di Monaco.