MASERATI E UNIMORE: FIRMATO OGGI L’ACCORDO QUADRO PER ATTIVITA’ DI RICERCA E DIDATTICA

0
731


Affidato al Rettore Unimore prof. Angelo O. Andrisano ed all’ing. Harald Wester, CEO Maserati e CTO Fiat Chrysler Automobiles, il compito di porre il suggello in calce all’accordo quadro per attività di ricerca e didattica che la prestigiosa casa automobilistica modenese e l’ateneo emiliano hanno firmato nella giornata di lunedì 23 marzo.

La firma del protocollo, che giunge in contemporanea con il 25° anniversario della istituzione della Facoltà di Ingegneria di Modena, oggi Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” – DIEF, rende duratura (6 anni la validità dell’accordo) e strategica una collaborazione consolidata negli anni e che ha interessato varie aree dell’organizzazione Maserati e vari settori scientifici del DIEF, in particolare: la progettazione e costruzione macchine (Laboratorio MilleChili); macchine a fluido (Laboratorio Rosso); misure elettriche ed elettroniche e topografia e cartografia (Laboratorio sensoristica a bordo); disegno e metodi dell’ingegneria; metallurgia; scienza e tecnologia dei materiali (Laboratorio MilleChili Materiali).

Per il futuro c’è l’impegno delle parti a sviluppare attività che riguardano le aree: innovazione, impostazione, personale, body, motore e trasmissione, elettronica/informatica sensoristica e stile.

La realizzazione dell’accordo è demandata ad intese esecutive su definiti progetti di ricerca, affidati a responsabili scientifici.

Un Comitato Direttivo, composto paritariamente da 8 componenti (4 del DIEF e 4 della Maserati), avrà il compito della supervisione didattica e scientifica.

Da parte di Maserati c’è l’impegno a mettere a disposizione del DIEF i finanziamenti che saranno definiti in seno al Comitato Direttivo.

“Questo accordo – sottolinea il Direttore del DIEF prof. Alessandro Capra – muove sostanzialmente nella direzione dell’intesa definita con Ferrari ed avvia una partnership che sarà certamente stimolo alla ricerca scientifico-tecnologica, dando nuove motivazioni ai nostri giovani ricercatori. L’ampiezza dello spettro di aree su cui si vuole far procedere l’accordo dimostra la varietà e qualità delle competenze che il DIEF può oggi mettere in campo per il sostegno ai processi di innovazione delle imprese. Credo che questo, insieme al gran numero di ingegneri che forniamo al territorio ogni anno, sia il contributo che l’Ingegneria modenese può dare per il rilancio della nostra realtà produttiva e dell’occupazione”.

“E’ motivo di orgoglio per il nostro Ateneo – ha affermato il Rettore Unimore Angelo O. Andrisano – poter avviare una collaborazione con un’impresa che ha una tradizione tanto importante. La soddisfazione maggiore deriva dal fatto che possiamo confrontarci con esperienze di uffici di ricerca e sviluppo di grande spessore, che arricchiranno il bagaglio scientifico-tecnologico e culturale dei nostri giovani. Posso, infine, assicurare che siamo ben lieti di svolgere sulle tematiche che concorderemo, di volta in volta, attività formative e di aggiornamento per i tecnici ed il personale Maserati, fornendo l’apporto scientifico-tecnologico dei nostri docenti e ricercatori, contribuendo a tenere alto il prestigio di questa casa automobilistica, amata ed apprezzata ovunque a Modena e nel mondo”.

“Per Maserati – ha concluso l’Ing. Harald Wester, CEO della casa del Tridente – la collaborazione col Dipartimento di Ingegneria di Modena rappresenta un impegno non solo fortemente voluto ma anche dall’altissimo valore etico e professionale. I giovani hanno una mente aperta, innovativa per definizione, veloce, con un collante fatto da disciplina e conoscenza, che questo Ateneo è da sempre in grado di trasmettere ai futuri Ingegneri. Sono certo che tali valori, uniti al prezioso capitale umano e tecnico dei reparti Maserati di Ricerca&Sviluppo, porteranno ad importanti risultati”.