Piccolo e grande: il sedile Opel giusto per tutti

0
147
Gross Gerau, 03.05.2018, Reportage Sitzentwicklung mit Chefplaner Stefan Koop , Foto: Vollformat Fotografie Dziemballa Heimann UG, Schäfergasse 5, 65428 R`heim, Fon 0177-5626350, Bankverbindung Kreissparkasse Gross Gerau BLZ. 50852553 , KTO. 16003352. Alle Honorare zzgl. 7% MwSt. Steuer NR: 02137830174

Stefan Koob è a capo del Center of Competence Seat Development presso Groupe PSA a Rüsselsheim. L’ingegnere spiega come il suo team riesca a soddisfare le esigenze più diverse.

In qualità di Centro di Competenza, siamo responsabili dello sviluppo dei sedili di tutto Groupe PSA. Ecco perché è assolutamente importante per me conoscere ora ciò che i clienti di un marchio del gruppo apprezzano particolarmente rispetto agli altri. Per me, non si tratta di girare i sedili PSA sottosopra. La domanda da porsi è: come progettare un sedile in modo che l’acquirente di una nuova auto di una certa marca possa esclamare immediatamente “questo è il mio sedile”.

Una configurazione più sportiva è caratteristica di Opel: i nostri clienti lo sanno e se lo aspettano. E, naturalmente, questo vale anche per il sedile. Nonostante tutta la sua sportività, tuttavia, il sedile deve essere comunque comodo e trasmettere una sensazione di sicurezza. Ecco perché il supporto laterale gioca un ruolo importante in questo contesto. Gli amanti di altri marchi del gruppo, invece, preferiscono qualcosa di completamente diverso: la maggior parte di questi clienti desidera un sedile morbido che su potersi accomodare, come su un divano.

Come conciliare tutto questo nella progettazione del sedile? Per creare un tipico sedile Opel, ci affidiamo alla nostra struttura collaudata del sedile, ovvero il telaio che forma il sedile. Con i componenti che adattiamo alla struttura, come schiume e coprisedili, modelliamo il sedile in modo che sia adatto a una Opel. Può sembrare strano, ma il perfetto adattamento del profilo del sedile al guidatore non è solo fondamentale per il feedback dei piloti da corsa.

 

Alla struttura del sedile aggiungiamo schiume PUR (poliuretano). Possiamo usarlo per modellare la seduta nel modo che preferiamo, sia per gli amanti della poltrona che per coloro a cui piace un po’ più accogliente. Per i sedili sportivi della nuova Opel Corsa, ad esempio, abbiamo utilizzato una schiuma relativamente dura che dà la sensazione di essere veramente “trattenuto” nel sedile.

Nessun progresso nello sviluppo senza di noi

Lo sviluppo del sedile in questo modo richiede circa tre anni. Il sedile è uno dei componenti più costosi in un’auto. L’efficienza è quindi la chiave su cui puntare. In termini semplici, questo significa:

• Sviluppare una nuova struttura del sedile per ogni modello non ha senso: troppo costoso.

• La nostra soluzione: moduli. Possiamo usarli su più modelli o persino per diversi marchi. È una soluzione che paga e abbiamo sempre puntato sulla qualità più elevata.

Ma come funziona esattamente la progettazione del sedile? Ovviamente siamo presenti fin dall’inizio, così come i designer e gli esperti di marketing. Il design fornisce la linea visiva, il marketing mostra la strategia di vendita e noi sviluppatori di sedili controlliamo i parametri tecnici e anche i requisiti legali. Ovviamente teniamo sempre d’occhio anche i costi. Sono tanti gli aspetti da considerare.

“Lasciamo che i nostri specialisti del comfort, uomini e donne con esperienza nella sensazione di seduta, testino i nostri sedili il prima possibile”.

Testato…. e approvato

Una volta realizzati i primi progetti, inizia la fase dei test. Lasciamo che gli specialisti del comfort testino i sedili il prima possibile. Si tratta di uomini e donne, veri esperti di sedute che accompagnano l’intero processo di sviluppo. Si preoccupano solo del comfort.


Dopotutto, sia larghi che stretti devono avere poi abbastanza spazio una volta montati nei nostri veicoli. Grazie al loro talento ed esperienza, i nostri esperti percepiscono con precisione quando qualcosa non va e ci inviano una serie di segnalazioni da cui capiamo se e in che punto il sedile è scomodo. Poi sta a noi valutare il tutto ed eliminare le criticità. A proposito di punti critici: quando progettiamo un nuovo sedile, anche il feedback dei clienti delle generazioni precedenti o di altri progetti di veicoli confluisce nel nostro lavoro.

Elaboriamo in seguito molti elenchi e tabelle, la tipica sensazione familiare dei sedili Opel da sola non è ancora sufficiente. Dopotutto, il sedile deve soddisfare i requisiti legali di sicurezza. Se, ad esempio, gli airbag laterali si attivano, il tessuto o il rivestimento si deve comportare di conseguenza. Esistono anche i test Euro NCAP, che vanno oltre i requisiti legali. Perché altri sistemi, come i pretensionatori delle cinture di sicurezza, possono fornire protezione solo se il passeggero è trattenuto bene e nella giusta posizione sul sedile. Naturalmente anche il sedile non deve deformarsi in caso di incidente.

Un lavoro duro e una grande sfida, perché in futuro ci saranno sicuramente ancora più modi per migliorare i nostri sedili di quanti ce ne siano oggi. Dopotutto, e giustamente, le richieste dei clienti continuano a crescere. Ci stiamo espandendo anche in tutto il mondo. Sarà importante soddisfare i requisiti di un sedile sia per i clienti asiatici che per quelli americani. Come si può vedere, lo studio e lo sviluppo di un sedile è più eccitante che mai.