Porsche e TAG Heuer stringono una partnership strategica

0
132

Porsche e la manifattura orologiera di lusso svizzera TAG Heuer anno annunciato una nuova partnership: una vera e propria alleanza che vedrà i due marchi di lusso collaborare sia all’interno del panorama delle competizioni motoristiche sia allo sviluppo di nuovi prodotti. Per celebrare l’unione di questi due brand iconici, è stato lanciato un nuovo orologio, il TAG Heuer Carrera Porsche Chronograph.

“Da decenni siamo legati al marchio TAG Heuer da una forte amicizia e sono entusiasta che ora stiamo compiendo dei passi avanti nel quadro di una partnership strategica», afferma Detlev von Platen, membro della Direzione Vendite e Marketing di Porsche AG. «Uniamo ciò che i nostri clienti amano di più di entrambi: un patrimonio autentico, eventi sportivi emozionanti, esperienze di vita uniche e la realizzazione dei propri sogni. Entrambi ci impegniamo a creare momenti unici e magici per le nostre comunità. E adesso non vediamo l’ora di farlo insieme”

“TAG Heuer e Porsche condividono la stessa storia e gli stessi valori, ma soprattutto lo stesso spirito,” aggiunge Frédéric Arnault, CEO di TAG Heuer. “Proprio come Porsche, anche noi siamo rivoluzionari, sempre alla ricerca delle massime prestazioni. Con quest’alleanza, TAG Heuer e Porsche si uniscono finalmente e
ufficialmente dopo decenni di incontri ravvicinati per dare vita a esperienze e prodotti ineguagliabili per i clienti e i sostenitori di entrambi i marchi e di ciò che rappresentano.”

Due storie, una passione
Per oltre mezzo secolo, le loro storie si sono intrecciate. Le analogie risalgono alla storia degli imprenditori di Porsche e TAG Heuer. Edouard Heuer e Ferdinand Porsche sono stati visionari e pionieri le cui creazioni hanno cambiato per sempre i rispettivi settori. Heuer ha creato il primo cronografo di manifattura e Porsche ha sviluppato il motore elettrico sul mozzo della ruota. Questi traguardi sono stati premiati da medaglie alle fiere mondiali che si sono tenute a Parigi a undici anni di distanza l’una dall’altra. Heuer l’ha vinta nel 1889, mentre Porsche ha presentato il primo veicolo elettrico Lohner-Porsche alimentato dalla sua innovazione all’Esposizione di Parigi del 1900.

I veri fondamenti della nuova partnership, tuttavia, sono i discendenti dei padri fondatori dei marchi. Il figlio di Ferdinand Porsche, Ferdinand Anton Ernst, noto anche come Ferry, si è unito all’ufficio di ingegneria automobilistica del padre nel 1931, all’età di 22 anni, e ha fondato il marchio automobilistico che porta il nome della famiglia nel 1948. Nel giro di pochi anni, il nome Porsche è stato subito associato al successo su pista in tutto il mondo, compresa una vittoria eccezionale nella Carrera Panamericana del 1954. In onore alla partecipazione di successo a questa corsa, Porsche ha deciso di chiamare il suo motore più potente dell’epoca ‘Carrera’.

Il pronipote di Edouard Heuer, Jack, ha guidato l’azienda di famiglia per decenni. Nel 1963 ha creato il primo cronografo Heuer Carrera, progettato per permettere ai piloti di leggere l’ora con un solo colpo d’occhio nel vivo dell’azione. A Jack Heuer si deve anche la creazione dell’Heuer Monaco, il primo cronografo automatico con cassa quadrata impermeabile. Il suo nome evocava il Gran Premio di Monaco e il celebre Rally di Montecarlo del Principato, che Porsche vinse per tre anni consecutivi, dal 1968 al 1970, con il suo iconico modello 911.

Steve McQueen e il logo Heuer
Proprio come la Porsche 911 aveva fatto per le automobili, con la sua cassa distintiva, il quadrante blu metallizzato, la lancetta dei secondi rossa e la corona posizionata sul lato sinistro della cassa, l’Heuer Monaco ha infranto i codici di design familiari dell’orologeria tradizionale. Per le innovazioni dell’Heuer Monaco, Jack Heuer si era già sobbarcato costi notevoli, così, per evitare una costosa campagna pubblicitaria, ha deciso di consolidare il legame tra il suo marchio e Porsche tramite un accordo di sponsorizzazione creativa con Jo Siffert, pilota di corse e concessionario Porsche della città svizzera di Friburgo. Nel 2005, alla prima del film “Jo Siffert: Live Fast – Die Young”, Jack Heuer ha ricordato i termini del loro contratto: “In cambio di CHF 25.000 –, doveva mettere il nostro logo sulla sua auto e sulla sua tuta. Inoltre, poteva acquistare i nostri orologi all’ingrosso e rivenderli ai suoi compagni di gara ottenendo un sostanziale profitto, cosa che fece con grande successo perché metà del paddock di F1 aveva al polso un orologio Heuer prima della fine della stagione 1969!” È stato grazie a questo legame che Steve McQueen ha deciso di sfoggiare il logo Heuer sulla sua tuta da corsa durante le riprese di Le Mans nel 1970, in cui guidava una Porsche 917. L’enigmatico attore americano all’epoca disse: «Guido la stessa macchina di Jo Siffert e voglio indossare la sua stessa tuta.»

Il motore TAG-Turbo prodotto da Porsche per il team McLaren
Con la vendita a TAG Group a metà degli anni ‘80, il marchio Heuer prese il nome di TAG Heuer. Insieme, i marchi hanno sviluppato e prodotto il motore TAG-Porsche che ha permesso al team McLaren di vincere tre titoli mondiali di Formula 1 consecutivi: uno con Niki Lauda nel 1984, e due con Alain Prost nel 1985 e nel 1986. Nel 1999, il loro rapporto si è ulteriormente rafforzato, con eventi come la Porsche Carrera Cup e le gare di Supercup, seguite dal Campionato del Mondo Endurance. Ma non è tutto. Nel 2019, Porsche ha creato il suo team di Formula E con TAG Heuer come partner per il titolo e il cronometraggio, segnando il punto di partenza per una collaborazione ancora più potente e di vasta portata.

Nuove partnership sportive
Al suo secondo anno, il team di Formula E TAG Heuer Porsche si batterà anche per il campionato mondiale. André Lotterer e il suo nuovo compagno di squadra, Pascal Wehrlein, saranno al volante dell’ultima vettura da corsa Porsche completamente elettrica, la 99X Electric. Porsche si è distinta a lungo negli eventi di endurance e, insieme a TAG Heuer, il suo team GT è ben preparato per il prossimo Campionato del Mondo Endurance FIA. Quest’anno cruciale includerà anche una serie di partnership in dieci edizioni della Porsche Carrera Cup.
Oltre alle corse nel mondo reale, TAG Heuer si impegna anche nelle corse virtuali supportando la Porsche TAG Heuer Esports Supercup. Naturalmente, con un così ricco patrimonio comune in pista, TAG Heuer funge anche da partner globale nei rally e negli eventi ‘classic’ di Porsche.

Inoltre, entrambi i marchi condividono una forte passione per il tennis e il golf. Porsche dimostra il suo impegno verso il mondo del tennis con il torneo Porsche Tennis Grand Prix di Stoccarda. L’evento, inaugurato nel 1978, viene organizzato dalla Casa di Zuffenhausen dal 2002 ed è stato ripetutamente definito come il torneo più prestigioso nella sua categoria. TAG Heuer sarà il partner ufficiale per il cronometraggio, l’orologio e il cronografo.
Per quanto riguarda il golf, Porsche dal 2015 è sponsor del Porsche European Open, uno dei tornei più famoso in Europa. Quest’anno, TAG Heuer sarà presente come sponsor per la prima volta.
Infine, i due marchi d’eccellenza collaboreranno per creare momenti indimenticabili per i propri clienti e appassionati attraverso le varie Porsche Experience.

Il TAG Heuer Carrera Porsche Chronograph
Carrera è un nome iconico che è stato associato a TAG Heuer e Porsche per generazioni, quindi è risultata una scelta naturale per la prima collaborazione creativa di prodotto. Omaggio all’eredità di due marchi leggendari, sia in pista che fuori pista, il nuovo cronografo offre un primo assaggio di ciò che possono realizzare insieme.

La scritta Porsche incisa è visibile sulla lunetta e il suo inconfondibile font è utilizzato anche per gli indici. I colori Porsche rosso, nero e grigio – che ricordano anche i modelli storici Heuer – sono incorporati in tutto l’orologio e la massa oscillante, ridisegnata in omaggio al celebre volante Porsche, è in evidenza attraverso il fondello in vetro zaffiro e presenta le scritte “Porsche” e “TAG Heuer” stampate

L’effetto asfalto del quadrante, creato appositamente per questo orologio, esprime perfettamente la passione per la strada, mentre i numeri arabi ricordano i numeri sul cruscotto di una lussuosa auto sportiva Porsche. L’orologio è disponibile sia in abbinamento a un morbido cinturino in pregiata pelle di vitello con cuciture innovative che riprendono gli interni di una Porsche, sia nella versione con bracciale a incastro che riflette il design aerodinamico da corsa. Il cuore pulsante di questo straordinario
segnatempo è il movimento di manifattura in-house Calibre Heuer 02, con un’impressionante riserva di carica di 80 ore.