Singha e Ferrari: insieme fino al 2017

0
677

Si è svolto a Bangkok, in Tailandia l’annuale conferenza stampa organizzata da Singha Corporation, per presentare ai media locali la stagione sportiva 2015 del Ferrari Challenge e delle attività sportive GT che dal 2013 la vedono protagonista al fianco di Ferrari e al team di AF Corse nel Campionato del Mondo FIA Endurance (WEC) come partner e sponsor ufficiale proprio di queste attività.

Nel corso della stessa conferenza, a cui hanno partecipato in rappresentanza della Ferrari i due piloti campioni del mondo GT, “Gimmi” Bruni e Toni Vilander, insieme a James Calado, il Vice President di Singha Corporation, Voravud Bhirombhakdi, ha annunciato l’intenzione di voler estendere per i prossimi tre anni l’accordo di sponsorizzazione con la Casa del Cavallino per il campionato Ferrari Challenge e le Competizioni GT. Il logo di Singha, il marchio numero uno tra i produttori di birra in Tailandia, continuerà così ad essere presente su tutte le 458 Italia GTE, la vettura in uso nei campionati GT, e su tutte le 458 Challenge EVO, in uso nel monomarca più prestigioso del mondo, targato Ferrari.
Anche Antonello Coletta, Direttore Attività Sportive GT e Corse Clienti Ferrari, intervento alla conferenza con un video messaggio, ha voluto ringraziare Voravud Bhirombhakdi e tutto il management di Singha per il loro grande sostegno dimostrato in questi anni e ha poi proseguito sottolineando l’importanza strategica di questo rinnovo di sponsorizzazione, che continuerà a legare per i prossimi anni queste due grandi realtà aziendali, Ferrari e Singha, che affondano le loro radici nella storia e nella tradizione. “Questa – ha aggiunto Antonello Coletta – sarà un partnership che guarderà sempre al futuro”.

La conferenza stampa si è poi conclusa con l’unveil della 458 Italia GTE, protagonista indiscussa della passata stagione sportiva GT, che tornerà a gareggiare nel Campionato del Mondo FIA Endurance. Il 12 aprile in Inghilterra è prevista infatti la prima gara con la Sei Ore di Silverstone.