VITA DAI BOX CON LA PEUGEOT 308 TCR – QUINTA PUNTATA LA GARA DI MISANO

0
155

 

Il quinto episodio di “Vita dai box con PEUGEOT 308 TCR” racconta il secondo impegno agonistico della vettura realizzata direttamente da Peugeot Sport. In questa occasione il teatro della sfida è il Misano World Circuit, una pista che Max Arduini aveva giù utilizzato all’inizio di questa stagione per una intensa quanto proficua sessione di test.

Anche in questa occasione “Vita dai box con PEUGEOT 308 TCR” non manca di dare visibilità e risalto ai meccanismi che regolano l’attività del team e del pilota, dai segreti della preparazione tecnica alle emozioni generate dalle tensioni che accompagnano i turni di qualifica e la gara. La protagonista, come sempre, è la nuova PEUGEOT 308 TCR, diretta discendente della 308 Gti, ora finalmente impegnata nelle prime gare contro avversari competitivi e agguerriti. Il compito di farla danzare tra curve e cordoli è affidato al 5 volte campione italiano turismo Max Arduini.

“Dopo l’ottimo esordio all’autodromo di Adria, l’operazione PEUGEOT 308 TCR prosegue con l’impegno sulla pista del Misano World Circuit, un tracciato tecnico, impegnativo, che alterna sezioni più lente, dove frenata e trazione giocano un ruolo fondamentale, ad altre molto più veloci, come il celebre Curvone che anticipa le due curve del Carro. In un torrido weekend estivo, la PEUGEOT 308 TCR partecipa ad uno degli appuntamenti organizzati dal Gruppo Peroni Race, da molti anni tra i promoter più attivi nel panorama del motorsport italiano.

In pista PEUGEOT 308 TCR dimostra di aver compiuto progressi importanti, fornendo prestazioni sempre più consistenti e convincenti, ma gli inconvenienti sono purtroppo dietro l’angolo; basta davvero un nonnulla per rendere vani anche i preparativi più accurati e far sfumare un risultato importante che pareva ormai essere stato raggiunto. Ma come è ben noto, anche questo è motorsport e in ogni caso il programma dedicato a PEUGEOT 308 TCR non si ferma qui, forte di un bilancio che fino a questo punto è da considerarsi del tutto positivo.”

 

“Forte di un look a dir poco aggressivo, PEUGEOT 308 TCR è spinta da un performante motore PureTech turbo da 1,6 litri, derivato da quello della 308 Gti stradale, e capace di erogare ben 350cv. Il cambio è sequenziale con paddle al volante. Il potente impianto frenante, con dischi da 370mm, garantisce un rendimento straordinario, mentre le ruote come da regolamento sono da 18” (in luogo dei 19” del modello stradale).

L’aerodinamica da Dtm (il campionato superturismo tedesco), e il peso contenuto in soli 1.100kg, sono la premessa ideale per fornire performance di grande livello in una disciplina molto combattuta.

Realizzata direttamente da Peugeot Sport, la divisione della Casa del Leone che si occupa dello sviluppo delle auto da competizione, la 308 TCR conta su una produzione molto limitata: sono solo 7, infatti, i telai costruiti sino ad oggi. Proprio il telaio “007” è stato destinato al mercato italiano ed è il protagonista di “Vita dai box con PEUGEOT 308 TCR”.

 

 

Il tempo dei test è finito. La fondamentale fase di preparazione in vista dell’esordio in gara è ormai terminata. PEUGEOT 308 TCR scende quindi in pista all’”International Raceway” di Adria per saggiare la bontà del lavoro svolto nei mesi precedenti, confrontandosi tra staccate e cordoli alla ricerca del miglior risultato possibile. L’autodromo di Adria è stato il teatro dell’ultimo test, e questo potrebbe rappresentare un vantaggio innegabile, ma nel weekend di gara la pista veneta è immersa in una canicola soffocante, con un tasso di umidità decisamente elevato. Nonostante queste condizioni a dir poco probanti, Max Arduini riesce a sfruttare al meglio il grande potenziale della PEUGEOT 308 TCR conquistando la prima fila, a due decimi dalla pole position.

La prima delle due gare in programma si disputa in notturna e il risultato finale è tanto soddisfacente quanto confortante, un secondo posto ottenuto dopo una prestazione convincente e non senza una coda polemica dovuta al comportamento in pista del vincitore. La mancata sanzione di questa irregolarità porta Max Arduini alla decisione di non disputare la seconda gara, ma ci saranno altre occasioni per tornare a vedere in pista la PEUGEOT 308 TCR: le prossime sfide incombono!

 

Forte di un look a dir poco aggressivo, PEUGEOT 308 TCR è spinta da una versione ultrasportiva del motore PureTech turbo da 1,6 litri, derivato da quello della 308 GTi stradale che di cavalli ne ha 263. In questa declinazione da competizione è capace di erogarne ben 350. Il cambio è sequenziale con paddle al volante. Il potente impianto frenante, con dischi da 370mm, garantisce un rendimento straordinario, mentre le ruote come da regolamento sono da 18” (in luogo dei 19” del modello stradale).

L’aerodinamica da DTM (il campionato superturismo tedesco) e il peso contenuto in soli 1.100kg sono la premessa ideale per fornire performance di grande livello in una disciplina molto combattuta.

Realizzata direttamente da PEUGEOT SPORT, la divisione della Casa del Leone che si occupa dello sviluppo delle auto da competizione, la 308 TCR conta su una produzione molto limitata: sono solo 7, infatti, i telai costruiti sino ad oggi. Proprio il telaio “007” è stato destinato al mercato italiano ed è il protagonista di “VITA DAI BOX CON PEUGEOT 308 TCR”.