Sono Volvo i modelli ibridi plug-in di maggiore successo in Italia nel settore del noleggio a lungo termine delle auto ibride a ricarica

0
198

Con 1.600 unità vendute e il 22% di quota, davanti a tutti gli altri costruttori, è Volvo a conquistare in Italia la leadership nel mercato del noleggio a lungo termine delle auto ibride a ricarica in ambito Flotte aziendali nel trimestre gennaio-marzo 2021. A dirlo sono i dati rilevati da UNRAE da fonte Motorizzazione/ACI. Un risultato che conferma il gradimento del pubblico rispetto al prodotto Volvo in Italia e che ribadisce, una volta di più e su un fronte impegnativo e competitivo come quello dei clienti business, la bontà della strategia di Volvo improntata all’elettrificazione.

 

A conferma del proprio ruolo di best seller, XC40 è il modello che ha fornito i risultati più sostanziali, con il 72% del totale venduto dato da versioni plug-in hybrid. Seguono i modelli V90 con il 33% di  plug-in hybrid sul totale venduto, XC60 (28%), XC90 (27%) e V60 (15%).

La preferenza accordata ai modelli ibridi a ricarica di Volvo dimostra come, oltre alla Sicurezza, anche elementi come l’efficienza energetica, la tecnologia avanzata e la personalizzazione dei servizi sono oggi criteri di scelta prioritari per le esigenze di una moderna azienda.

 

In tal senso, al di là del prodotto, a favorire l’ottimo risultato è stata anche l’azione diretta svolta da Volvo Car Italia, attraverso la propria organizzazione, a supporto delle società di noleggio e dei Fleet Manager nei loro processi decisionali. Con tale approccio partecipativo Volvo si prefigge di aiutare le Aziende a svolgere un’analisi fattiva della situazione al fine di identificare le soluzioni più appropriate in termini di prodotto e non solo. Volvo Car Italia assiste i clienti business anche per quanto riguarda l’eventuale installazione di strutture di ricarica o di wall-box domestiche per i singoli utilizzatori.

 

 “Siamo particolarmente soddisfatti di quanto stiamo ottenendo nel mondo del noleggio a lungo termine delle auto plug-in hybrid per le aziende,” ha commentato Michele Crisci, Presidente Volvo Car Italia. “I clienti business sono per noi di importanza decisiva in quanto sono, nella maggior parte dei casi, quelli maggiormente sensibili all’innovazione tecnologica e all’efficienza energetica, che sono le cifre essenziali della nostra strategia legata all’elettrificazione. Il favore che ci arriva da questo fronte così speciale del mercato è la riprova del fatto che i nostri prodotti e la nostra attenzione al cliente rispondono alle aspettative più elevate. E allargando la prospettiva, una volta di più si vede come anche in Italia la transizione verso l’elettrificazione sia già una realtà di fatto.”

 

Per confermare e auspicabilmente rafforzare la posizione di leadership conquistata nel mondo Flotte, Volvo Car Italia punterà per il 2021 su programmi a forte personalizzazione che comprenderanno anche un’attività di coaching per facilitare un utilizzo corretto e fruttuoso di una vettura plug-in che consenta il pieno sfruttamento dei vantaggi offerti dalla tecnologia ibrida a ricarica in termini di efficienza nei consumi e quindi di ridotto impatto ambientale.

 

Il 2021 vedrà inoltre Volvo Car Italia proporre al mondo del noleggio a lungo termine anche XC40 P8 Recharge, la variante full electric del modello di maggior successo di Volvo, nonché prodotto strategico per gli anni a venire.

 

Volvo ha tracciato e annunciato in maniera precisa la propria road map verso una mobilità sostenibile elettrificata attraverso due tappe fondamentali: arrivare nel 2025 a realizzare il 50% delle proprie vendite globali con veicoli full electric, con la restante metà data da modelli plug-in hybrid; puntare alla totalità delle vendite costituita da veicoli full electric alla volta del 2030. L’obiettivo finale di Volvo Cars è quello di risultare Azienda a impatto neutro sul clima per il 2040.

 

Modelli Volvo Plug-in Hybrid, crescita esponenziale

I modelli elettrificati hanno giocato un ruolo determinante anche negli ottimi risultati ottenuti da Volvo nel 2020 e nell’inizio del 2021, a dispetto delle incertezze generate dai ripetuti lockdown dovuti alla crisi pandemica. Le varianti ibride plug-in e full electric hanno infatti costituito oltre il 40% del totale delle vendite consuntivate lo scorso anno, un dato in clamorosa crescita rispetto al 2019, allorché la quota delle motorizzazioni plug-in hybrid era stata pari il 7,5%.

In virtù di tale crescita la filiale nazionale di Volvo ha ottenuto lo scorso anno la migliore performance da 25 anni a questa parte in termini di quota di mercato, attestandosi all’1,3%, con un ottimo risultato registrato nei segmenti serviti (premium), che hanno visto Volvo crescere e passare dal 10,4% del 2019 al 12,4% del 2020.

Ricordiamo che Volvo offre versioni plug-in hybrid in tutte le linee della gamma.