FERNANDO ALONSO E MARC COMA COMPLETANO LA LORO PRIMA GARA ALLA LICHTENBURG 400

0
527

Dopo un’incoraggiante gara di qualificazione che ha visto il team spagnolo partire al terzo posto, il Toyota Hilux di Alonso e Coma si è ribaltato nella prima giornata al 27esimo km e i due piloti hanno dovuto fermarsi per rimuovere il parabrezza prima di poter continuare la gara. Nonostante le difficoltà, Alonso e Coma hanno continuato fino alla fine della gara di 190 chilometri e hanno registrato tempi di gara competitivi per tutto il resto della prima tappa indossando occhiali da motocross per proteggersi dalla polvere.

ll secondo giorno di gara, dopo aver riparato il parabrezza, Alonso e Coma sono ripartirti, registrando anche tempi competitivi, fino a quando un uccello non si è scontrato con il Toyota Hilux, spaccando di nuovo il parabrezza. Il team ha concluso la gara, ma visto il ritardo ulteriormente accumulato è stato classificato al 16° posto.

La Lichtenburg 400 è stata vinta da Giniel de Villiers e dal navigatore Dennis Murphy mentre i compagni di squadra del TOYOTA GAZOO Racing Sudafrica Henk e il navigatore Brett Cummings sono arrivati ​​secondi.

La prossima sfida per Alonso e Coma sarà il Rally di Marocco, che si svolgerà vicino alla città di Fes, in Marocco, dal 3 al 9 ottobre.

Il percorso dell’edizione 2019 del Rally del Marocco presenterà un layout a quadrifoglio con cinque tappe competitive che iniziano e finiscono tutte vicino a Fes. I concorrenti percorreranno una distanza totale di 2.500 chilometri, di cui 1.868 chilometri saranno segnati da tappe speciali, caratterizzate da una miscela di tracce di ghiaia ruvida, attraversamenti di dune di sabbia e navigazione complicata.

 

Fernando Alonso: “Ogni volta che andiamo in macchina impariamo qualcosa e acquisiamo sempre più familiarità con l’Hilux. Sfortunatamente, oggi è stato un po ‘un incubo per noi. Al mattino, ci siamo girati un po’ e abbiamo rotto il parabrezza che ha influenzato la nostra visibilità e abbiamo dovuto quindi rimuoverlo.

Abbiamo guidato il resto della tappa con gli occhiali, nella polvere dietro tutte le macchine. Per il secondo giro gli organizzatori ci hanno permesso di iniziare davanti, per avere una visione chiara. Dopo pochi chilometri, abbiamo colpito un uccello e il parabrezza si è rotto di nuovo. Quindi abbiamo guidato quasi 200 chilometri con una mano sul parabrezza e l’altra sul volante. Non è stato il giorno migliore per noi, ma è bello testare queste cose prima di arrivare a gare più importanti. “

Marc Coma: “Oggi è stata una giornata piuttosto dura per noi dopo una giornata buona come quella di ieri. Abbiamo iniziato la gara senza problemi, ma ad un certo punto l’Hilux si è ribaltato, ma nonostante questo siamo riusciti a finire il circuito. Abbiamo iniziato la seconda parte della gara con un nuovo parabrezza ma dopo pochi chilometri, abbiamo colpito un uccello e si è rotto nuovamente il parabrezza. Il vento e la polvere hanno iniziato a entrare all’interno della vettura, rendendo molto difficile guidare fino alla fine. Non è stato davvero facile tenere il parabrezza in posizione durante la navigazione. Con Alonso, abbiamo gestito la situazione insieme e siamo arrivati ​​alla fine della gara. Nonostante tutte le difficoltà di oggi, siamo comunque riusciti a portare a casa molti chilometri preziosi. “