IMSA iRacing Pro Series: cinque BMW M8 GTE raggiungono la top ten in Virginia – Bruno Spengler quinto, aumenta il vantaggio nel campionato.

0
178

La quinta e penultima gara della stagione IMSA iRacing Pro Series a ‘Virginia International Raceway’ (USA) ha segnato la prima volta che i piloti BMW non sono stati in grado di convertire il grande ritmo della BMW M8 GTE virtuale in un podio. Poco prima della fine, Bruno Spengler (CAN) è sceso dal secondo al quinto posto, ma ha finito come il pilota BMW meglio piazzato in classifica aumentando il suo vantaggio nel campionato. Jesse Krohn (FIN) era stato in testa fino al penultimo giro, ma è uscito dopo che il vincitore finale Kenton Koch (USA, Ford) lo ha colpito da dietro durante la battaglia per la vittoria. Ha terminato la gara al nono posto, dietro ai compagni di squadra BMW John Edwards, Connor De Phillippi (entrambi USA) e Philipp Eng (AUT) in sesta, settima e ottava posizione.

 

Fino ai turbolenti giri di chiusura, sembrava che Spengler e Krohn si fossero assicurati posti sicuri sul podio. Erano in seconda e terza posizione, mettendo il leader Koch sotto pressione quando Spengler si è girato ed è stato costretto a schivare una vettura che era uscita dal circuito. Non molto tempo dopo, Krohn è passato al comando in una battaglia spettacolare con Koch, ma è finito ancora più indietro di Spengler dopo il contatto con il pilota Ford durante il suo contrattacco.

 

Ci sono state grandi prestazioni in rimonta di Edwards, De Phillippi e soprattutto Eng, che aveva iniziato la gara a sole tre file dal fondo della griglia. Nick Catsburg (NED), secondo nella classifica generale prima della gara, ha dovuto partire dalla penultima fila della griglia a causa di un errore in qualifica. Ha dimostrato una grande voglia di raggiungere la top ten, ma è stato anche coinvolto in un incidente e ha finito la gara al 28esimo posto dopo una sosta per le riparazioni. Il finale di stagione si svolgerà l’11 giugno.

 

Bruno Spengler (#7 BMW M8 GTE, BMW IMSA Team Red, 5o posto): “Sono stato più veloce di Koch per tutta la gara, ma tentare di sorpasso su questo circuito sarebbe stato molto rischioso. In considerazione della situazione del campionato, era un rischio che non ero disposto a correre. Tuttavia, ero sicuro di raggiungere il podio fino a quando una Ferrari non si è girata davanti a noi. Ho perso un po’ il posteriore quando ho cercato di evitarlo e Jesse mi ha toccato appena visto che era molto vicino. Questo è bastato per farmi girare e farmi finire in quinta posizione. Almeno sono riuscito a continuare e a conquistare altri punti importanti. È stato bello. Molte grazie a tutti coloro che hanno fatto in modo che la mia BMW M8 GTE fosse ancora una volta super-veloce.”