La sesta tappa dell’ACI Rally Italia Talent arriva in Abruzzo

0
235

Dopo un fine settimana di riposo, Rally Italia Talent torna ad animare i weekend del motorsport italiano. Venerdì 21 e sabato 22 febbraio farà base sul Circuito Internazionale d’Abruzzo di Ortona (CH). Qui tutti gli aspiranti piloti e navigatori del Centro Italia si alterneranno a bordo di SWIFT SPORT, Auto Ufficiale dell’edizione 2020, e cercheranno di convincere gli esaminatori di meritare il passaggio alle fase successive della manifestazione. In questo modo i concorrenti più talentuosi potranno provare a guadagnarsi la partecipazione gratuita a gare valide per i Campionati o i Trofei titolati ACI Sport, messa in palio per i vincitori finali di ciascuna delle categorie previste dal regolamento.

Piloti e automobilisti consapevoli

Suzuki è orgogliosa di essere scelta da ACI Sport come partner in Rally Italia Talent, cui la Casa di Hamamatsu riconosce una duplice valenza positiva. Da una parte l’iniziativa diffonde una sana passione per i motori e cerca di fare emergere possibili futuri campioni, dall’altra Rally Italia Talent si fa promotore dell’educazione alla sicurezza stradale presso un pubblico vasto e trasversale. Questo impegno è valso a Rally Italia Talent il supporto e il patrocinio della FIA – Action for Road Safety. I concorrenti di Rally Italia Talent possono sedersi su SWIFT SPORT accanto a grandi campioni del rallismo internazionale e ricevere da loro preziosi consigli, utili a rendere la guida più consapevole ed efficace, in gara come sulle strade di tutti i giorni.

#rallypertutti

Questo lavoro di formazione e di sensibilizzazione risulta molto importante soprattutto per i più giovani, ai quali, il format creato nel 2014 da Renzo Magnani dedica da sempre un’attenzione particolare. Fedele al motto #rallypertutti, Rally Italia Talent accetta le candidature più varie, anche da parte di chi non ha mai conseguito una licenza sportiva e neppure la patente: tutto ciò che serve è aver compiuto almeno 16 anni (i minorenni devono presentare una liberatoria dei genitori). Attraverso l’iniziativa Rally Italia Talent Ability, quest’anno sono poi ammesse gratuitamente anche le persone diversamente abili, che possono utilizzare nelle prove di destrezza una SWIFT a cambio robotizzato con comandi speciali, studiati ad hoc per chi è colpito da paraplegia agli arti inferiori. In questo modo Aci Sport e Suzuki, in collaborazione con il Gruppo HAP e l’azienda Handytech, abbattono le barriere sociali e favoriscono l’integrazione dei meno fortunati anche nel mondo delle corse.

Iscrizioni ancora aperte, oltre quota 10.000

Proprio questa formula aperta e il sistema di selezione che permette a tutti di confrontarsi ad armi pari durante avvincenti giornate in pista fanno sì che il successo di Rally Italia Talent cresca anno dopo anno. In questa settima edizione si è battuto ogni precedente primato, con le candidature che hanno ormai superato di slancio quota 10.000. Nonostante numeri da sold out, l’Organizzazione ha deciso di lasciare ancora aperte le iscrizioni ai tre ultimi appuntamenti della fase preliminare, che si terranno all’Autodromo del Levante (Bari – 29 febbraio e 1 marzo), sul Circuito Internazionale di Busca (Cuneo – 6, 7 e 8 marzo) e all’Autodromo di Pergusa (Enna – 13, 14 e 15 marzo). Chi volesse mettersi alla prova per conquistarsi un sedile su una delle auto del Team di Rally Italia Talent non deve dunque fare altro che collegarsi al sito rallyitaliatalent.it e seguire le istruzioni per la registrazione.

In pista con SWIFT SPORT HYBRID

SWIFT SPORT è stata scelta come Auto Ufficiale di Rally Italia Talent perché con rapporti peso/potenza e peso/coppia ai vertici della categoria delle hot hatch è la vettura ideale per esaltare il talento degli aspiranti piloti. Ora la sua sportività entra in una nuova dimensione con l’arrivo sul mercato di SWIFT SPORT HYBRID. Questa versione ibrida monta un inedito motore turbobenzina 1.4 BoosterJet da 129 cv abbinato al dispositivo ISG, che fa da alternatore, motorino d’avviamento e motore elettrico da 13,6 cv.

La tecnologia HYBRID garantisce un temperamento sportivo, con un aumento sistematico della coppia nella parte bassa della curva di erogazione. Il motore elettrico ha una prima funzione di integrazione della coppia e risponde in tempo reale a ogni intervento sul pedale dell’acceleratore, eliminando i ritardi di risposta tipici dei motori termici. Con la funzione di boost di coppia l’ISG irrobustisce inoltre il tiro a basso numero di giri, rendendo ogni spunto più vivace e lineare fino a quando il turbo non fornisce la massima spinta.

SWIFT SPORT HYBRID vanta una coppia massima di ben 235 Nm costante tra i 2.000 e i 3.000 giri, ovvero nella fascia di utilizzo più importante nella guida su strada, nel traffico così come nei percorsi ricchi di curve. Oltre questo regime il BoosterJet K14D sa poi prodursi in allunghi veementi, che permettono a SWIFT SPORT HYBRID di regalare emozioni intense anche ai piloti più esigenti.

Il sistema ibrido utilizzato su SWIFT SPORT HYBRID garantisce praticità ed efficacia. Non richiede ricariche o interventi esterni, pesa nel complesso solo 45 kg ed è alimentato da compatte batterie agli ioni di litio sistemate sotto il sedile del passeggero, che immagazzinano l’energia recuperata durante i rallentamenti. Con i suoi interventi automatici e puntuali, che lo portano anche a mantenere la rotazione al minimo dell’unità termica in fase di decelerazione quando il pedale della frizione è premuto, senza che sia iniettato carburante, l’ISG consente di ridurre il consumo combinato nel ciclo NEDC a soli 4,7 l/100 km e di far registrare emissioni di CO2 di soli 106 g/km, nel rispetto dei limiti di omologazione Euro 6d.

Grazie alle promozioni in corso, fino al 30 giugno Suzuki SWIFT SPORT HYBRID può essere ordinata al prezzo di 20.850 Euro (IVA inclusa, IPT, PFU e vernice metallizzata esclusi) con una dotazione ricca e completa sotto ogni punto di vista. L’equipaggiamento standard include tra le altre cose evoluti dispositivi di guida autonoma di livello 2 come i sistemi “guardaspalle”, “vaipure”, “occhioallimite”, “attentofrena”, “guidadritto” e “restasveglio”, che assistono il pilota proprio come farebbe un esperto navigatore.