LE CITROËN C-ELYSÉE WTCC IN PISTA A MARRAKECH

0
857

– A più di un mese dalla manche d’apertura in Argentina, il Campionato del Mondo FIA WTCC continua in Marocco.

– Il Circuit Moulay El Hassan, nella periferia di Marrakech, rappresenta una sfida difficile per i piloti.

– I vincitori dello scorso anno, José María López e Sébastien Loeb, sono distanti di 5 punti in classifica generale.

– Con gli ottimi risultati in Argentina, anche Yvan Muller e Ma Qing Hua punteranno alla vittoria per accorciare le distanze con i compagni di squadra.

Un anno fa l’avventura di Citroën Racing in FIA WTCC iniziava proprio a Marrakech. Le Citroën C-Elysée WTCC facevano subito scalpore con una tripletta storica: primo José María López, seguito dai team mate Sébastien Loeb e Yvan Muller. In gara 2, si compiva la trasformazione di Loeb in track cyclist, con la prima vittoria nella disciplina, di poco davanti a López!

Ironia della sorte, i risultati del primo appuntamento del 2015 sono quasi identici. A Termas de Río Hondo (Argentina), il Citroën Total WTCC iniziava di nuovo la stagione con una tripletta. Di fronte ad un pubblico che era tutto dalla sua parte, Pechito López vinceva la gara, seguito da Yvan Muller e Sébastien Loeb. Ma nella seconda manche, un Loeb particolarmente ispirato si faceva largo tra gli inseguitori e riusciva a superare l’idolo locale!

Seb: «È una vittoria che non dimenticherò tanto facilmente. È la prova che il lavoro fatto in quasi due anni sta cominciando a dare i suoi frutti. Ero ottavo sulla griglia di partenza invertita. Nei primi giri ho fatto le scelte giuste e mi sono ritrovato in testa. Una gara difficile perché in auto faceva molto caldo. Pechito non era indietro di molto e ho dovuto attaccare

per mettermi al sicuro».

Nella classifica del Campionato del Mondo Piloti, José María López e Sébastien Loeb sono testa a testa, con 48 punti per l’argentino e 43 per il francese. In quarta posizione Yvan Muller, a venticinque punti dal leader, con zero punti in gara 2. A Marrakech, il quattro volte Campione del Mondo dovrà anche fare i conti con una penalità di cinque punti sulla griglia della gara 1.

Qualificato in Q3 e sul punto di vincere la gara 2 prima di slittare su una macchia d’olio non segnalata, anche Ma Qing Hua ha iniziato la stagione con una bellissima performance. Sesto in Campionato del Mondo con 16 punti, il pilota cinese ha un obiettivo: tornare sul podio, possibilmente sul gradino più alto!

UNA SFIDA DIFFICILE

Per valutare la difficoltà del Circuit Moulay El Hassan, non bisogna fermarsi al tracciato, composto essenzialmente da lunghi rettilinei intervallati da chicane. A pochi chilometri dalla Medina, l’avenue Mohammed VI e la Route de l’Ourika sono temporaneamente chiuse al traffico per formare i 4,545 km del tracciato. Il grip evolve nel corso del weekend, man mano che la gomma si deposita sul fondo. Venerdì, per le prime prove libere, i piloti dovranno gestire un fondo particolarmente scivoloso.

Sinonimi di lunghi rettilinei, le frenate lunghe rappresentano la grande difficoltà del tracciato. I piloti devono prendere i riferimenti giusti per ottimizzare i rallentamenti… senza farsi travolgere da chi li segue. Non frenare troppo presto ma neanche troppo tardi, perché il circuito non ha vie di fuga. Il minimo errore si paga salato, contro i muri di protezione in cemento e con grossi danni all’auto!

José María López: «Come spesso accade, le qualificazioni hanno un peso fondamentale nello svolgimento del weekend. La pole position si dovrebbe giocare su pochi centesimi. Le nostre auto sono identiche, quindi è difficile superare un compagno di squadra se non c’è un imprevisto. Qui, più che in qualunque altro circuito, da una buona posizione sulla griglia dipende gran parte del risultato della gara 1. Per la seconda manche, con la griglia invertita, ci sarà spazio per l’improvvisazione».

BENNANI, IDOLO LOCALE

Una sola cosa è certa in questo secondo appuntamento della stagione: per il pubblico ha già vinto Mehdi Bennani, il pilota di Casablanca che sarà al volante della Citroën C-Elysée WTCC preparata dal Sébastien Loeb Racing. Bennani aveva già convinto in Argentina, con un quinto posto in gara 2, e “a casa sua” punterà molto più in alto: un podio, o magari una vittoria.

Appuntamento a venerdì, con una prima seduta di prove libere alle ore 12. Sabato, mattinata intensa, con due sessioni alle 8:15 e alle 10:15, poi le qualificazione dalle 12:30. Domenica, le due gare si disputeranno a fine giornata, alle 16:15 e alle 17:30. Il fuso orario del Marocco è GMT+1, ovvero un’ora indietro rispetto all’Italia.