Manfred Bischoff e Bernd Pischetsrieder: conoscere il passato per guardare al futuro

0
108

Il cambiamento al vertice del Consiglio di vigilanza rappresenta un avvenimento particolarmente rilevante all’interno di un’azienda, per questo abbiamo incontrato Manfred Bischoff e il suo successore, Bernd Pischetsrieder, ponendogli alcune domande che hanno dato vita ad una rassegna di avvenimenti passati, gettato uno sguardo alle principali sfide future e messo in luce quanto già realizzato.

Nel sistema tedesco, le grandi aziende sono organizzate con una struttura a doppio consiglio. Un consiglio  di amministrazione (BOM-Board of Management) che dirige le operazioni quotidiane ed un Consiglio di Vigilanza (SB-Supervisory Board), incaricato delle principali decisioni e della policy strategica. L’attuale ed uscente Presidente del Supervisory Board di Daimler AG, Manfred Bischoff, è stato legato alla Stella per quasi mezzo secolo. Nei giorni scorsi, Ola Källenius, Chairman del BOM di Daimler AG, ha annunciato Bernd Pischetsrieder come successore di Bischoff, ringraziando il presidente uscente per i suoi numerosi successi: “Manfred Bischoff ha contribuito a plasmare un pezzo di storia economica tedesca e ha fatto molto per la nostra azienda. Nel suo ruolo di presidente del consiglio di sorveglianza, ha portato avanti molte decisioni importanti, tra cui quelle di porre la mobilità elettrica al centro della nostra strategia “.

Tre domande a Manfred Bischoff

 

La tua carriera in Daimler è iniziata nel 1976, cioè 45 anni fa.  Più di recente, è stato per 14 anni capo del consiglio di vigilanza.  Qual è la sua visione personale della sua azienda, dopo una tale carriera?

 

Il nome Daimler ha avuto un significato speciale per me fin da quando ero bambino, e c’è un piccolo aneddoto su questo: quando ho iniziato la scuola a Hirsau vicino a Calw, nella Foresta Nera settentrionale, tutti dovevano alzarsi e dire quello che faceva il padre. Il più piccolo della classe si alzò, gonfiò il petto e disse con orgoglio: “Il mio Papà lavora in Daimler”. Si guardò intorno nella stanza e non c’era bisogno di dire altro: era il migliore. Non mi sono mai pentito di aver rinunciato al mio progetto di post-dottorato nel 1976 per un lavoro presso l’ex Daimler-Benz AG. Prima di tutto perché ho avuto la fortuna di ricoprire l’importante ruolo di coordinatore aziendale per la collaborazione con Steyr-Daimler-Puch per la Classe G, che avrebbe visto luce tre anni dopo, nel 1979.  In tutti questi anni sono rimasto particolarmente colpito da due cose: In primo luogo, dalla grande disponibilità dei diversi gruppi a fornire supporto l’uno a l’altro, che per me è rimasta una caratteristica chiave di Daimler fino ad oggi: quando il gioco si fa duro, siamo insieme!  E poi, dal fatto che, nonostante la forte gerarchia che esisteva in Daimler all’epoca, era possibile mettersi alla prova ed in mostra attraverso competenza, buone argomentazioni e fermezza.  E tanti anni dopo, lasciato il consiglio di amministrazione di Daimler, di certo non mi aspettavo che Hilmar Kopper mi chiedesse se volevo succedergli come presidente del consiglio di sorveglianza.  Che onore!  Guardando indietro, penso che abbiamo fatto molte cose giuste e bene.  Quando abbiamo sbagliato, abbiamo riconosciuto gli errori e li abbiamo corretti il più rapidamente possibile. Che si trattasse dell’acquisizione di Fokker o quella di Chrysler, la nostra azienda è sopravvissuta a molte crisi. La nostra è una grande azienda e la Stella è sempre stata ben impressa sul mio cuore.

 

Daimler-Benz, DaimlerChrysler, Daimler e, in futuro, Mercedes-Benz e Daimler Truck: il nome dell’azienda è cambiato più volte da quando hai iniziato la tua carriera in azienda. Hai sperimentato e contribuito a plasmare numerose strategie e riallineamenti.  Quali decisioni sono state particolarmente significative in questo contesto?

 

Dopo aver trascorso così tanto tempo in questa azienda, posso dire che ci sono state molte decisioni importanti. Tutte sempre prese con l’intenzione di ottenere il meglio per l’azienda e i suoi dipendenti.  Compresa la strategia di Edzard Reuter di realizzare un gruppo tecnologico integrato che unisse i trasporti terrestri con l’industria aerospaziale e quella elettronica. Come pure la fusione con Chrysler per realizzare la World Company.  A quel tempo, questi approcci sembravano essere la strada giusta da seguire, anche se oggi, col senno del poi, con le conoscenze che abbiamo oggi, li valuteremmo in modo diverso. Tuttavia, se vuoi portare avanti un’azienda, devi anche correre dei rischi e avere il coraggio di fare qualcosa di nuovo. Molto spesso abbiamo avuto ragione. Come quando abbiamo preso la decisione di espandere la gamma per includere la 190, che ci ha portato clienti completamente nuovi e ha ringiovanito l’immagine di Mercedes-Benz nel 1983. Così come in seguito abbiamo fatto con la Classe A ed il suo concept rivoluzionario.  Abbiamo sorpreso molte persone con queste idee. Se guardiamo all’ultimo decennio, pensate al successo che ha avuto l’ambiziosa strategia di crescita di Dieter Zetsche e il suo obiettivo di diventare il più grande produttore premium al mondo. Il tutto reso anche possibile da un nuovo linguaggio di design (Sensual Purity) che è stato implementato per la prima volta nel 2013 sulla Classe S della serie W222.  Poco dopo è arrivata la decisione cruciale di puntare sull’elettrificazione e sullo sviluppo delle batterie, assieme alla globale digitalizzazione dei nostri prodotti. Con una chiara attenzione alla sostenibilità perfettamente espressa da ‘Ambition 2039’ che è diventato il nostro manifesto.  Quando vedo dove si trova oggi la nostra azienda, le decisioni che abbiamo preso di recente – siano esse di natura strategica, strutturale, personale o operativa – e la rotta che abbiamo fissato per il futuro, sono orgoglioso e felice di aver dato il mio contributo ed aver potuto svolgere la mia parte.

 

Un’ulteriore domanda su questo: perché l’attuale strategia è quella giusta – anche con riferimento al ‘Project Focus’?

 

La strategia di diventare CO₂ neutral è un imperativo per essere protagonisti sui nostri mercati principali e la digitalizzazione in auto e all’interno dell’azienda se non vogliamo essere declassati a – come si dice in Svevo – a meri ‘pressa metalli’. Riportare il nostro obiettivo principale nell’area delle autovetture al nostro DNA originale, vale a dire il lusso, ha lo stesso senso ed è la cosa giusta da fare. Perché se guardiamo agli sviluppi sui mercati mondiali, è chiaro che sempre più persone potranno e vorranno permettersi un veicolo premium. E noi abbiamo i prodotti giusti.  È anche corretto concentrarsi sui profitti e non solo sui numeri di vendita, perché questo rende l’azienda meno vulnerabile e più resistente nel lungo periodo.

 

Perché ha senso ‘Project Focus’?  Se guardi al mercato oggi, vedrai che le società indipendenti di veicoli industriali puri sono quelle di maggior successo.  Inoltre, la trasformazione del nostro settore richiede velocità e un’attenzione assoluta all’innovazione, ora più che mai.  In futuro, Mercedes-Benz e Daimler Truck potranno concentrare tutte le loro energie sullo sviluppo della propria attività con prodotti, tecnologie e strutture aziendali specifiche.  Con una chiara attenzione ai grandi veicoli industriali, da un lato, e alle auto e ai  premium vans dall’altro, vogliamo creare aziende economicamente più redditizie per il futuro. Per assicurare quindi anche una maggiore sicurezza dei livelli occupazionali.

 

 

Come dice il proverbio, ‘Non te ne vai mai completamente’.  Cosa augura per il futuro alla ‘tua azienda, soprattutto in vista delle sfide tecnologiche e globali?

 

Prima di tutto, auguro il meglio al mio successore Bernd Pischetsrieder e ho piena fiducia che sia la persona giusta per le sfide della trasformazione. Per la ‘mia’ azienda, vorrei che, sempre all’insegna dei nostri valori aziendali, si perseguano con determinazione il percorso dell’elettrificazione e della digitalizzazione e si continui ad essere rigorosi nell’attuazione dei nostri elementi costitutivi strategici. Tutti nel Gruppo devono essere consapevoli della necessità di essere veloci almeno quanto i nostri vecchi e nuovi concorrenti. Sono inoltre particolarmente preoccupato per il fatto che si riesca a mantenere il buon clima tra i rappresentanti dei dipendenti, il consiglio di amministrazione e il consiglio di sorveglianza, soprattutto in considerazione delle sfide estreme che dobbiamo affrontare. Chi ha la responsabilità dovrebbe sempre avere in mente il futuro e il successo dell’intera azienda. Solo un’azienda di successo può sopravvivere sui mercati dei capitali e offrire posti di lavoro sicuri e buoni.  E, per ultimo ma non meno importante, vorrei che il maggior numero possibile di alunni della prima elementare continuasse a dire con lo stesso profondo tono di convinzione e orgoglio del mio ex compagno di classe: “Mio Papà e mia Mamma lavorano alla Daimler!”  o, in futuro anche: “alla Mercedes” o “alla Daimler Truck”.

 

Tre domande a Bernd Pischetsrieder

 

Prima di tutto, congratulazioni per la sua elezione a nuovo presidente del consiglio di sorveglianza di Daimler AG.  Per chi non ti conosce: come ti descriveresti?  E cosa ti affascina ancora dell’industria automobilistica dopo oltre quarant’anni di attività?

 

Prima di tutto, vorrei ringraziare i miei colleghi del Consiglio di Sorveglianza per aver riposto la loro fiducia nei miei confronti. I miei ringraziamenti e sinceri apprezzamenti vanno anche al mio predecessore, Manfred Bischoff.  Manfred ha svolto un ruolo chiave nel plasmare l’azienda in modo significativo per diversi decenni e ha orchestrato alla perfezione il lavoro del Consiglio di Sorveglianza in qualità di Presidente negli ultimi 14 anni.  È un onore seguire le sue orme.

 

Per tornare alla domanda iniziale: per essere brevi, mi presenterei come un ‘Bavarese cosmopolita’, un ‘ingegnere con mente, cuore e anima’ e un ‘appassionato di auto con un enorme interesse per il progresso tecnico delle automobili’.  Come per Manfred, il tema delle automobili è stato parte della mia vita sin dalla tenera età: mio prozio è stato Alec Issigonis, l’inventore della Mini.  Questo non è stato l’unico motivo per cui mi era chiaro che volevo studiare ingegneria meccanica. Ho sempre voluto dare forma alle cose e impostare la rotta per il futuro. Questo mi ha portato prima in BMW, poi in VW, in entrambi i casi col ruolo di CEO. E sono attualmente membro del consiglio di sorveglianza di Daimler AG dal 2014. In tutta onestà, non ho mai nemmeno pensato di cambiare il settore: l’industria automobilistica è sempre stata e, ora più che mai, è un motore di progresso e innovazione.  Pertanto non perderà mai nulla del suo fascino per me. L’elettrificazione e la digitalizzazione, in particolare, offrono oggi un numero incredibile di nuove opportunità che dobbiamo cogliere.  Ed è proprio per questo che mi sta a cuore aiutare a guidare la nostra azienda verso il futuro.  Non riesco a immaginare un compito più eccitante!

 

Cosa significa questa reinvenzione dell’automobile, come spesso si sente dire, per le priorità di programma del Consiglio di Sorveglianza nei prossimi anni?

 

L’automobile ha continuato a svilupparsi continuamente nel corso degli anni, ma ora deve affrontare la sua più grande trasformazione in 135 anni.  Le sfide principali sono la decarbonizzazione e la digitalizzazione.  Ora abbiamo due opzioni: affrontare queste sfide con scetticismo e rimpiangere i proverbiali ‘bei vecchi tempi’ – o abbracciarli con coraggio, gioia e determinazione.  Personalmente sostengo quest’ultimo approccio.  E il terreno è stato ben preparato: insieme al Consiglio di Amministrazione, il Consiglio di Sorveglianza sotto la guida di Manfred Bischoff ha lanciato molte iniziative, soprattutto per quanto riguarda la digitalizzazione e l’elettrificazione: dall’offensiva elettrica e quella del software a importanti partnership strategiche.  Continueremo a portare avanti tutto questo e affronteremo attivamente le opportunità che si presentano per noi.

 

Naturalmente, il Consiglio di Sorveglianza è chiamato a incoraggiare oltre che a chiedere la trasformazione dall’alto.  In questi periodi di grandi cambiamenti, tuttavia, il capo di un Consiglio di Sorveglianza deve essere anche un mediatore e un facilitatore.  Ciò che intendo con questo è che la trasformazione avrà successo solo se dipendenti, datori di lavoro e azionisti marceranno tutti nella stessa direzione.  È particolarmente importante per me portare la forza lavoro con me in questo viaggio. Sono necessari investimenti non solo in tecnologie, ma anche in competenze.  I rappresentanti dei lavoratori sono d’accordo su questo. Abbiamo tutti gli occhi puntati su una cosa: un futuro di successo e indipendente per questa grande azienda.  L’implementazione del ‘Project Focus’ è un fattore molto importante in questo senso perché consentirà alle singole aziende di investire in modo ancora più mirato, darà loro grande libertà imprenditoriale e permetterà loro di giocare con i propri punti di forza.  Ecco perché sostengo il progetto con tutto il cuore.

 

Molti dipendenti lavorano per Daimler o Mercedes perché amano le auto.  Ti descrivi come un ‘appassionato di auto’.  Cosa dici a quei colleghi che sono anche scettici sull’automobile del futuro e sul loro futuro posto di lavoro in azienda?

 

Chi mi conosce sa che ho decisamente un debole per le auto di interesse storico. Ma l’uno non esclude l’altro.  Al contrario, è solo con la consapevolezza della tradizione dell’automobile e del suo significato sociale che possiamo plasmare con successo il suo futuro.  Dopotutto, l’auto è sempre stata lo specchio della società ed è cambiata insieme a essa e alle esigenze delle persone.  Oggi, il percorso punta chiaramente nella direzione della neutralità della CO2 e della connettività digitale.  Ciò che resta è il desiderio di mobilità individuale.

 

In Daimler abbiamo coraggiosamente intrapreso questo cambio di corsia. Per coloro che sono ancora scettici, dico per esperienza personale: un’auto elettrica può essere divertente tanto quanto un V8 e migliore per il clima e l’ambiente. In una bella domenica, è anche possibile lasciarsi andare al fascino di un’automobile del passato; nella vita di tutti i giorni, tuttavia, sono molto felice di avere i tanti aiutanti digitali che rendono la guida in una Mercedes di oggi molto più comoda e sicura. Sono abbastanza sicuro che tra 25 anni al più tardi, il motore a combustione sarà, al massimo, qualcosa per collezionisti e per nostalgici. In Mercedes non ci soffermiamo mai sul qui e ora, ma siamo pionieri, come le generazioni prima di noi in questa azienda.  In Daimler e Mercedes-Benz abbiamo i presupposti ideali per rimanere al vertice in futuro.  Abbiamo tradizione ed esperienza, spinta all’innovazione e capacità ingegneristiche, una gestione che agisce con lungimiranza e, soprattutto: dipendenti dedicati, alcuni dei quali hanno portato la stella nei loro cuori per decenni.  Chiunque lavori in Daimler, Daimler Truck o Mercedes-Benz ha tutte le ragioni per guardare avanti con fiducia!

 

Manfred Bischoff è nato a Calw nel 1942. Dopo aver completato gli studi e il dottorato, è entrato in Daimler-Benz AG nel 1976 come coordinatore del progetto per la collaborazione con Steyr-Daimler-Puch, in particolare per il fuoristrada G.  Nel 1981 ha assunto la responsabilità di investimenti, fusioni e acquisizioni nel dipartimento Finanza e nel 1985 è diventato capo dipartimento. Nel 1988, il Dr. Bischoff è entrato a far parte della direzione di Mercedes-Benz do Brasil come CFO e nel 1989 è stato poi nominato nel Consiglio di amministrazione di Deutsche Aerospace (in seguito DaimlerChrysler Aerospace AG) come CFO.  Nel 1995 è diventato presidente del consiglio di amministrazione di Daimler-Benz Aerospace (in seguito DaimlerChrysler Aerospace AG) e membro del consiglio di amministrazione di Daimler-Benz AG. Dopo la formazione di EADS nel 2000, il dott. Bischoff ha assunto la carica di presidente di EADS.  Si è ritirato dal consiglio di amministrazione di DaimlerChrysler AG il 15 dicembre 2003. Il 12 aprile 2006, Bischoff è stato eletto nel Consiglio di Sorveglianza di DaimlerChrysler AG e il 4 aprile 2007 è stato eletto Presidente dal Consiglio di Sorveglianza.

 

Bernd Pischetsrieder è nato a Monaco nel 1948. Si è laureato in ingegneria meccanica presso l’Università Tecnica di Monaco nel 1973. Nel 1973 è entrato a far parte del dipartimento di ingegneria di produzione di BMW AG.  La sua carriera lo ha portato in Sud Africa come direttore tecnico dal 1982 al 1985. Nel 1989 è stato nominato membro del consiglio di amministrazione di BMW AG, e in seguito ne è diventato presidente nel 1993. Nel 2000 Pischetsrieder è entrato a far parte di Volkswagen AG come membro del consiglio di amministrazione ed è stato presidente del consiglio di amministrazione di VW AG dal 2002 al 2006. Dopo la sua attività come membro del consiglio di amministrazione, il dott.  consulente del consiglio di amministrazione di VW AG dal 2007 al 2012. Pischetsrieder è un ex presidente del consiglio di sorveglianza della compagnia di riassicurazione Munich a Monaco di Baviera ed è membro del consiglio di sorveglianza di Daimler AG come rappresentante degli azionisti dal 2014.