I SEGRETI HIGH-TECH DEL NUOVO LOGO DI PEUGEOT 308

0
562

Un nuovo scudo con la testa del Leone: il nuovo emblema presente nella griglia di Nuova PEUGEOT 308 è il risultato della convergenza tra le ultime tecnologie e l’ispirazione dei designer del Marchio. Non solo caratterizza l’aspetto dell’ultimo modello presentato da PEUGEOT, ma nasconde anche il radar che fornisce informazioni ai processori del suo arsenale di aiuti alla guida. Il segreto? Lo stemma PEUGEOT presenta, nella parte posteriore, un sottile strato di indio: un raro metallo superconduttore che non interferisce con le onde radar, ha un aspetto cromato e un’elevata resistenza alla corrosione.

 

Nuova PEUGEOT 308 è il primo veicolo della gamma a sfoggiare lo stemma della testa del Leone, presentato nel febbraio 2021, in una calandra interamente dedicata ad esso. La presenza di questo emblema di nuova generazione è enfatizzata dal disegno e dal motivo della griglia del radiatore, caratterizzata da una miriade di elementi cromati che convergono verso il suo centro. L’insieme calandra-logo definisce un nuovo volto della vettura, affermando la personalità e il carattere della 308 e, in generale, esprime la strategia di evoluzione della gamma PEUGEOT. 

La targa è spostata nella parte inferiore del paraurti anteriore per ottimizzare l’espressività del frontale e il radar degli aiuti alla guida scompare dietro lo stemma, per non alterare l’estetica della calandra.

 

LA PROGETTAZIONE DELL’EMBLEMA DI NUOVA 308

Su Nuova 308, il nuovo emblema PEUGEOT esiste in due versioni, identiche nell’aspetto ma tecnicamente diverse. Una si trova sulle versioni Active Pack e l’altra, innovativa, è specifica degli allestimenti dotati del radar degli aiuti alla guida.

Infatti, per permettere agli aiuti alla guida di funzionare perfettamente, le onde emesse dal radar non devono essere disturbate. La progettazione del logo ubicato davanti al radar è stata quindi interamente ripensata dagli ingegneri di PEUGEOT, tenendo conto di due vincoli:

  • Lo spessore della superficie deve essere costante.
  • I componenti non devono contenere particelle metalliche.

Il nuovo scudo è fabbricato in più fasi:

  • Produzione di un pannello frontale liscio di spessore costante in policarbonato iniettato.
  • Produzione di un pannello posteriore in indio. Questa lega rara viene utilizzata specificamente per la versione dello stemma dedicata ai modelli dotati di radar, perché è l’unico materiale che soddisfa le esigenze tecniche e visive: ha un aspetto naturalmente cromato e possiede proprietà che non interferiscono con le onde del radar.
  • Operazione di raschiamento al laser: per far apparire il leone del nuovo logo PEUGEOT, la superficie dell’indio è raschiata al laser per rivelare il leone attraverso il policarbonato.
  • Vernice nera: viene applicata sul retro dello stemma e costituisce lo sfondo del logo.
  • Applicazione di una vernice protettiva sulla superficie frontale: per proteggere dagli elementi esterni (urti, sole, sbalzi di temperatura…), viene applicata una vernice protettiva sulla superficie frontale dello stemma.
  • Fissaggio: L’emblema viene poi incollato su un elemento tecnico di fissaggio, il tutto viene fissato e avvitato sulla calandra.

Questo processo di produzione è una novità assoluta per il marchio PEUGEOT.

 

QUALI AIUTI ALLA GUIDA SONO DISSIMULATI DIETRO QUESTO NUOVO EMBLEMA?

Il radar, protetto dal nuovo emblema PEUGEOT, dà accesso ai sistemi di aiuto alla guida di ultima generazione:

  • Adaptive Cruise Control con funzione Stop&Go – abbinato al cambio automatico EAT8 – con adeguamento automatico della distanza dal veicolo che precede.
  • Adaptive Cruise Control con funzione 30 km/h – abbinato al cambio manuale – con adeguamento automatico della distanza dal veicolo che precede.
  • Active Safety Brake, la frenata automatica di emergenza che rileva i pedoni e i ciclisti, di giorno e di notte, da 7 a 140 km/h) e avvisa il conducente in caso di rischio collisione.

Nel 2022, questo radar sarà utilizzato anche per il nuovo pack Drive Assist 2.0 che rappresenta un ulteriore passo avanti verso la guida semi-autonoma. È costituito dall’ Adaptive Cruise Control con funzione Stop&Go (nelle versioni con il cambio automatico EAT8) e dal Lane Keeping Assist, l’aiuto al mantenimento della vettura in carreggiata, ma questa nuova versione del Drive Assist aggiunge 2 nuove funzioni disponibili sulle corsie con carreggiate separate:

  • Semi-automatic Lane Change (Cambio di carreggiata semiautomatico): propone al conducente di superare il veicolo che precede e poi di rientrare nella sua corsia, a partire da 70 km/h fino a 180 km/h.
  • Anticipated speed recommendation (Adattamento consigliato della velocità): il sistema suggerisce al conducente di adattare la sua velocità (accelerazione o decelerazione) in base ai cartelli stradali con i limiti di velocità.