L’antenato di Opel Corsa-e: Buon Trentesimo Compleanno Kadett Impuls I

0
128
vollelektrischer Opel Impuls I (1990)

Autonomia fino a 337 chilometri calcolata secondo la procedura di test WLTP .

Da zero a 100 km/h in 8,1 secondi. Una batteria da 50 kWh che si ricarica rapidamente fino all’80% della capacità in 30 minuti. Opel Corsa-e è adatta all’uso quotidiano senza limiti: è l’auto elettrica per tutti.

Opel Kadett Impuls I, antenata di Opel Corsa-e, era una vettura elettrica progettata per uno scopo specifico. Il Marchio tedesco aveva creato il prototipo 30 anni fa, come citycar a prova di futuro. L’idea era di scoprire come un’auto elettrica progettata con dei componenti elettrici allora disponibili potesse adattarsi al traffico cittadino in quei tempi. A una condizione: conservare il più possibile lo spazio interno e il bagagliaio, nonché il carico utile del modello di produzione standard.

Opel ha sviluppato Kadett Impuls I in collaborazione con la compagnia energetica RWE e il produttore di batterie SAFT, oggi partner dell’azienda nella produzione congiunta pianificata di celle per batterie nello stabilimento Kaiserslautern. Un motore elettrico a 100 V CC alimentava le ruote anteriori. Le batterie al nichel-cadmio fornivano l’energia. Al fine di ottimizzare la distribuzione del peso, le batterie erano inserite nel vano motore e sotto il

1 I dati sul consumo di carburante e sulle emissioni di CO2 sono stati determinati secondo la metodologia della procedura di prova WLTP (R (CE) n. 715/2007, R (UE) n. 2017/1151).bagagliaio. Pesavano in totale 310 kg, contenevano 14,3 kWh di energia e avevano un volume di 170 litri.

La potenza massima erogata di 16 kW (22 CV) era stata scelta appositamente per la guida in città. L’accelerazione da zero a 50 km/h richiedeva 10,0 secondi. La velocità massima della vettura del peso di 1.000 kg era di 100 km/h. Pendenze fino al 25% non erano un problema per la e-Kadett. Il sistema di frenata recuperava parzialmente l’energia cinetica generata in decelerazione e l’immagazzinava come elettricità nella batteria.

Le batterie richiedevano una ricarica per circa cinque ore dopo aver percorso una distanza di 80 km. Nessun compromesso sul comfort. Il carico utile era di 350 kg (490 per la produzione Kadett) e la capacità del bagagliaio era di 330 litri (390 sulla macchina di produzione).

Lunga tradizione come pionieri di veicoli elettrici: Opel Kadett B Stir-Lec 1 e Opel Elektro GT

Per Opel, la Kadett Impuls I è stato un altro contributo alla questione sulla politica della mobilità in corso in quel momento. Modelli precedenti includevano la Kadett B Stir-Lec I e la Opel Elektro GT.

Quattordici batterie al piombo acido alimentavano il prototipo Stir-Lec del 1968. Un motore a combustione Stirling montato sul retro generava l’elettricità che manteneva le batterie costantemente cariche, un precursore del principio “range extender” che sarebbe poi entrato in produzione con Opel Ampera.

Solo tre anni dopo, la Opel Elektro GT batteva sei record mondiali per veicoli elettrici con una velocità massima di 188 km/h, guidata da Georg von Opel, nipote del fondatore dell’azienda. Alimentata da due motori elettrici accoppiati che producevano 88 kW (120 CV), con una batteria al nichel-cadmio, l’e-GT aveva una autonomia modesta di 44 km a una velocità costante di 100 km/h – a quei tempi, il più grande handicap della mobilità elettrica.