Nuova Audi A3: l’efficienza e la raffinatezza tecnica del tre cilindri 1.0 TFSI

0
442

Si amplia l’offerta di nuova Audi A3. La quarta generazione della berlina dei quattro anelli vede debuttare la motorizzazione 1.0 (30) TFSI da 110 CV, entry level delle famiglie Audi A3 Sportback e Audi A3 Sedan. Tecnologicamente raffinato, il propulsore tre cilindri turbo a iniezione diretta della benzina abbina efficienza e prestazioni. Il listino di Audi A3 Sedan accoglie anche la versione 2.0 (30) TDI da 116 CV, caratterizzata dai consumi più contenuti in gamma: percorre oltre 24 chilometri/litro nel ciclo combinato WLTP.

 

Compatto, leggero, performante e parco nei consumi: un identikit d’eccellenza per il motore 1.0 (30) TFSI da 110 CV, entry level della gamma di nuova Audi A3. Già ordinabile nelle configurazioni di carrozzeria Sportback e Sedan, la quarta generazione della berlina di Ingolstadt raggiungerà le Concessionarie italiane da fine giugno abbinando al design sportivo come non mai l’abitacolo dalla marcata digitalizzazione, l’infotainment derivato dai modelli Audi di categoria superiore e i sistemi di ausilio alla guida al top della categoria. Disponibile con tre varianti d’assetto e la trazione anteriore o – successivamente al lancio – integrale quattro, la compatta dei quattro anelli vanta un portfolio di powertrain che costituisce un unicum sul mercato potendo contare, entro la fine del 2020, su motorizzazioni TFSI, TDI, mild-hybrid, plug-in e a metano. Un primato ulteriormente sottolineato dall’entrata a listino del propulsore 1.0 (30) TFSI: nessun competitor diretto annovera in gamma un motore a 3 cilindri altrettanto raffinato tecnicamente, prestazionale ed efficiente.

 

Caratterizzato da dimensioni molto contenute e da una notevole leggerezza – pesa solo 88 kg – il 3 cilindri di 999 cc si avvale di soluzioni evolute quali il basamento in alluminio, le bielle forgiate e i pistoni in lega leggera esenti da squilibri al punto che il motore non richiede un albero di equilibratura. La testata è a dodici valvole, mentre gli alberi a camme di aspirazione e scarico sono regolabili ciascuno con un angolo di manovella di 50 e 40 gradi. Il collettore di scarico è integrato nella testata. Quest’ultima, come il basamento, è dotata di un circuito di raffreddamento dedicato. Complice il filtro antiparticolato, il tricilindrico rispetta la recente normativa antinquinamento Euro 6 d-ISC-FCM (WLTP 3.0).

 

Grazie alla sovralimentazione mediante turbocompressore e all’iniezione diretta della benzina, il 1.0 TFSI eroga 110 CV e il picco di coppia di 200 Nm è disponibile sin da 2.000 giri/min. Audi A3 Sportback 1.0 (30) TFSI scatta così da 0 a 100 km/h in 10,6 secondi raggiungendo una velocità massima di 204 km/h, mentre Audi A3 Sedan 1.0 (30) TFSI fa registrare, rispettivamente, 10,6 secondi e 210 km/h. Alle prestazioni brillanti si accompagnano consumi decisamente contenuti, dal momento che la compatta dei quattro anelli in configurazione Sportback percorre nel ciclo combinato WLTP sino a 18,5 chilometri con un litro di carburante, mentre la berlina a quattro porte sfiora i 19 chilometri/litro. Ridotte, in entrambi i casi, le emissioni di CO2 che si attestano, rispettivamente, a 123-136 e 120-133 grammi/km (106-111 e 106-108 grammi/km NEDC).

 

Al debutto del nuovo 1.0 (30) TFSI da 110 CV si affianca l’entrata a listino per Audi A3 Sedan del motore d’accesso all’offerta Diesel, vale a dire il 2.0 (30) TDI da 116 CV e 300 Nm di coppia, già disponibile per Audi A3 Sportback. Un propulsore che garantisce i consumi più contenuti in gamma, permettendo alla berlina a quattro porte di Ingolstadt di percorrere oltre 24 chilometri/litro nel ciclo combinato WLTP a fronte di emissioni di 108-121 grammi/km (92-95 grammi/km NEDC). Un risultato reso possibile dalla separazione dei circuiti di raffreddamento per monoblocco e testata, da una certosina riduzione degli attriti interni e dall’adozione di un albero motore più leggero di 2,8 kg rispetto al propulsore 2.0 TDI appannaggio della precedente generazione di Audi A3.

 

Audi A3 Sportback e Audi A3 Sedan 1.0 (30) TFSI, così come Audi A3 Sedan 2.0 (30) TDI, sono dotate di trasmissione manuale a 6 rapporti e condividono con le motorizzazioni già a listino gli allestimenti d’ingresso, Business, Business Advanced ed S line edition. Lato benzina, il 1.0 (30) TFSI 110 CV si aggiunge al 1.5 (35) TFSI 150 CV e al raffinato 1.5 (35) TFSI S tronic 150 CV MHEV 48V forte, oltre che del sistema mild-hybrid a 48 Volt, della frenata rigenerativa e della tecnologia cylinder on demand. Lato Diesel, il 2.0 (30) TDI 116 CV si affianca al performante 2.0 (35) TDI S tronic 150 CV.

 

Le nuove varianti entry level possono contare su tutte le caratteristiche distintive della quarta generazione della berlina di Ingolstadt. A partire dalla marcata digitalizzazione dell’abitacolo, dove spiccano i comandi touch – la plancia s’ispira ai modelli Audi di categoria superiore con look Black Panel e display da 10,1”, di serie sin dalla versione d’ingresso – la piattaforma d’infotainment MIB 3 e il comando vocale intelligente. Al sistema MMI, che replica in abitacolo l’intuitività degli smartphone, si affianca la strumentazione digitale: il display da 10,25″, di serie, consente di selezionare le informazioni mediante il volante multifunzione. In abbinamento al sistema di navigazione MMI plus con MMI touch – di serie dalla variante Business – sono previste funzioni di pregio quali l’assistente al percorso che segue i principi del machine learning e i servizi Audi connect. L’Audi virtual cockpit da 10,25”, abbinato al sistema MMI plus, consente la rappresentazione della mappa di navigazione in formato ampliato, mentre lo step superiore, vale a dire l’Audi virtual cockpit plus da 12,3″, a richiesta, permette di optare per differenti layout. Optando per il pacchetto Audi connect navigation & infotainment plus, il comando vocale risponde alle domande non solo sulla base delle informazioni presenti a bordo, ma anche sfruttando le conoscenze presenti nel cloud.

 

Tra le dotazioni volte a rafforzare la connettività della compatta dei quattro anelli vi sono l’Audi smartphone interface, di serie dalla versione Business, che trasferisce l’ambiente Apple Car Play o Android Auto sul display della vettura, e l’Audi phone box, a richiesta, che collega lo smartphone del Cliente all’antenna dell’auto ricaricandolo per induzione. La radio digitale DAB+ è di serie. In abitacolo spiccano l’inedito comando lungo il tunnel per la regolazione del volume, sensibile ai movimenti circolari delle dita, e le bocchette d’aerazione che costituiscono la naturale prosecuzione della palpebra della strumentazione. Grazie all’Audi pre sense front, che previene gli impatti con altri veicoli, pedoni e ciclisti, all’assistente agli ostacoli (collision avoid assist) e all’assistenza al mantenimento della corsia – dotazioni tutte di serie sin dalla versione d’ingresso – nuova Audi A3 garantisce un livello di sicurezza al vertice della categoria. A richiesta, sono disponibili ulteriori tecnologie quali l’assistenza al cambio di corsia e l’avviso di uscita.

 

Prezzi, per le versioni 1.0 (30) TFSI, da 27.950 euro per Audi A3 Sportback e da 29.250 euro per Audi A3 Sedan.

Il listino di Audi A3 Sedan 2.0 (30) TDI parte da 30.450 euro.