“Alfa Romeo Stelvio Cup”: quando l’emozione non finisce mai

0
392

Parata di Alfa Romeo nella “Stelvio CUP”, l’emozionante kermesse dedicata ai clienti di vetture Alfa Romeo che, partiti da oltre 2.270 metri di altitudine sono arrivata nella bellissima Monte Carlo, perla della Costa Azzurra.

Composta da più di 70 esemplari tra Stelvio, Giulia e 4C, la speciale carovana è partita da Bormio, in Valtellina, per affrontare l’esaltante strada statale 38 che, snodandosi per più di 20 chilometri e con oltre 75 tornanti, raggiunge il Passo dello Stelvio. È stato quindi l’occasione perfetta per apprezzare quegli elementi che hanno reso Alfa Romeo uno dei brand più desiderabili: design distintamente italiano, motore prestazionale, perfetta distribuzione dei pesi, soluzioni tecniche uniche e miglior rapporto peso/potenza della categoria.

Dal Passo dello Stelvio l’affascinante colonna Alfa Romeo ha raggiunto prima Milano – qui nel lontano 1910 ebbe inizio la storia del marchio italiano – e poi, nel tardo pomeriggio, l’esclusiva Monte Carlo, in Costa Azzurra, dove residenti e turisti sono stati completamente rapiti dalla bellezza e potenza di Stelvio Quadrifoglio e Giulia Quadrifoglio. Contrassegnate dal leggendario simbolo ed equipaggiate con il propulsore 2.9 V6 Biturbo a benzina da 510 CV, le due “creazioni meccaniche” esprimono l’eccellenza stilistica 100% Made in Italy e assicurano il massimo livello in termini di prestazioni, efficienza e sicurezza.

Si è così conclusa la seconda edizione di “Stelvio CUP”, un viaggio entusiasmante, durante il quale la passione e le avventure di tutti gli alfisti presenti sono state condivise e ascoltate: storie di persone da generazioni legate al marchio, e di quelle che da poco se ne sono perdutamente innamorate. Si perché pochi brand al mondo sono capaci di evocare, fin dal primo sguardo, le prestazioni, la tecnologia e il piacere di guida pronti a sprigionarsi avviando il motore.