LeasePlan Car Cost Index 2019: in Italia e nei Paesi Bassi il più alto costo per chi guida un’auto in proprietà

0
165

LeasePlan ha appena pubblicato il suo Car Cost Index annuale, contenente le ultime analisi che mostrano come, in relazione al PIL, i conducenti in Italia e nei Paesi Bassi sostengono il costo di proprietà più elevato; su una media mensile del TCO (Total Cost of Ownership) di Euro 617, in Italia guidare un veicolo costa € 715 al mese.

Il Car Cost Index di LeasePlan è un’analisi approfondita relativa al costo della guida di un veicolo di piccole-medie dimensioni (segmento B&C) in 18 paesi europei. Esso prende in considerazione tutti i diversi costi che l’automobilista deve sostenere in ciascun paese, incluso il carburante, il deprezzamento, le imposte, l’assicurazione e la manutenzione.

Tex Gunning, CEO di LeasePlan, ha affermato:

“Il nostro Car Cost Index mostra che i veicoli elettrici stanno diventando sempre più economici, in particolare nel Nord Europa, dove gli incentivi governativi esercitano un impatto positivo sul settore. Benché il fatto che la differenza si stia riducendo anche in altri paesi rappresenti di per sé una buona notizia, vi è ancora molto lavoro da fare per garantire a tutti la possibilità di guidare un veicolo elettrico. Abbiamo inoltre riscontrato una preoccupante tendenza da parte dei decisori in ambito politico a eliminare gli incentivi ai veicoli elettrici, il che limiterebbe significativamente la lotta contro il cambiamento climatico e contro la scarsa qualità dell’aria che respiriamo nelle nostre città e metropoli. I governi in tutta Europa devono farsi avanti e impegnarsi ad assumere incentivi ecologici di lungo temine, nonché progetti relativi alle infrastrutture di ricarica capaci di rendere i veicoli elettrici la scelta più logica per tutti i conducenti”.

Alberto Viano, Amministratore Delegato di LeasePlan Italia, commenta:

“Dalla ricerca di quest’anno emerge che i veicoli elettrici sono sempre più competitivi in termini di costo in tutta Europa: rispetto ai risultati del 2018, osserviamo una netta diminuzione delle differenze di costo tra i veicoli elettrici e i veicoli alimentati a benzina/diesel negli altri mercati europei. L’Italia purtroppo si posiziona al terz’ultimo posto con un costo di € 974 per le alimentazioni elettriche, più elevato rispetto alla media di € 854 dei paesi analizzati. Questo testimonia la necessità di continuare a lavorare con le istituzioni e gli operatori del settore, per rendere la guida elettrica sostenibile una scelta più semplice per tutti i nostri clienti”.

Ecco alcuni dei risultati chiave del 2019

  • Il costo medio relativo alla guida di un veicolo varia in misura consistente nei diversi paesi d’Europa, da €440 al mese in Grecia a €830 al mese in Norvegia. La media europea è di €617.

  • Secondo i dati ponderati in base al PIL, i conducenti nei Paesi Bassi e in Italia sostengono il costo di proprietà più elevato per tutti i tipi di alimentazione, mentre i conducenti in Grecia e nel Regno Unito sostengono il costo più basso.

 

  • Per i veicoli alimentati da motore a combustione interna, il deprezzamento (36%) rappresenta la parte maggiore dei costi totali, seguito dalle imposte (20%), dal carburante (18%), dall’assicurazione (13%), dalla manutenzione (9%) e dagli interessi (5%).

 

  • Per i conducenti di auto elettriche, il deprezzamento rappresenta una percentuale maggiore (52%), tuttavia si verifica un risparmio di costi grazie all’utilizzo dell’elettricità come carburante. I veicoli elettrici sono inoltre soggetti a imposte e costi di manutenzione decisamente inferiori, in tutta Europa.

  • Guidare un veicolo elettrico è più competitivo in termini di costo rispetto alla guida di un veicolo alimentato da motore a combustione interna(prendendo in considerazione la media tra diesel e benzina) in Norvegia (stesso prezzo) e nei Paesi Bassi (1% più costoso). Nel Regno Unito e in Danimarca, la competitività in termini di costo è quasi raggiunta.

  • I Paesi Bassi sono il luogo in cui è più costoso guidare veicoli a diesel (€937/mese).Nei Paesi Bassi, la tassa di immatricolazione (BPM) per i veicoli a diesel può giungere fino al 35% del valore di investimento netto del veicolo. Per contro, la Romania è il luogo in cui è più conveniente guidare un veicolo a diesel(€407/mese).

  • La Norvegia è il luogo in cui è più costoso guidare un veicolo a benzina (€851/mese). Si tratta di un importo significativamente più costoso della media europea, che si assesta a €594 al mese. La Grecia è il luogo in cui è più conveniente guidare un veicolo a benzina (€445/mese).

 

 

 

 

Note per gli editori

 

 

  • I 18 paesi inclusi nel Car Cost Index sono: Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Spagna, Svezia e Svizzera.

 

  • Tutti i costi sono ponderati per i primi tre anni di proprietà e ipotizzano un totale di 20.000 km di guida all’anno.

 

  • A causa dei cambiamenti sopravvenuti nei modelli di veicoli inclusi nell’analisi e ai progressi tecnologici generali (compresa la presenza di batterie più potenti ed efficienti in termini energetici in diversi veicoli elettrici) un confronto omogeneo con il Car Cost Index dello scorso anno non è sempre possibile.

 

  • LeasePlan si è impegnata a raggiungere emissioni zero netto nella sua flotta totale entro il 2030. LeasePlan è inoltre partner fondatore dell’iniziativa EV100 di The Climate Group, lanciata in occasione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel settembre 2017.

 

  • Costo totale di proprietà mensile, per paese e tipo di carburante (ordinato in base al prezzo dei veicoli elettrici):