Groupe PSA – Parola d’ordine: ottimizzare il dispositivo industriale in Europa

0
296

PSA vuole adattare le capacità produttive dei motori del Gruppo perché i modelli Opel/Vauxhall saranno fabbricati progressivamente sulle sue piattaforme. Ecco come…

1) Preparazione dei siti produttivi alle evoluzioni del mix di motori termici e alla spinta verso l’elettrificazione 2) Localizzazione della produzione di cambi automatici in Francia, per soddisfare le aspettative dei clienti

Per accelerare il suo sviluppo e migliorare la sua competitività in Europa, il Gruppo ha deciso di: – Rendere più agile il suo dispositivo industriale producendo i componenti quanto più vicino possibile ai siti di produzione dei veicoli – Adattare la sua produzione alle aspettative dei clienti, tenendo conto delle evoluzioni tecnologiche ed energetiche.

A partire da questi elementi, il Gruppo ha deciso di introdurre 3 evoluzioni:

L’aumento della produzione di motori benzina 3 cilindri Turbo PureTech. Eletto 3 volte di seguito «motore dell’anno» della sua categoria – vicino ai siti di produzione dei suoi veicoli. Oltre a raddoppiare la capacità produttiva in Francia, rispetto al 2016, già in atto nei siti di Douvrin e Trémery, i motori benzina PureTech saranno prodotti anche a Tychy (Polonia) e Szentgotthárd (Ungheria), a partire dal 2019.

– L’aumento, a partire dal 2019 della produzione di cambi, con la fabbricazione su licenza di un cambio automatico a Valenciennes (Francia), grazie al partenariato strategico con AISIN, che raggiungerà il suo pieno potenziale entro il 2020. Finora, questa componente era importata dal Giappone e dalla Cina. Il Gruppo investirà anche per produrre un maggior numero di cambi meccanici «ML» a Metz (Francia) e «MB6» ad Aspern (Austria), segnatamente per equipaggiare i suoi veicoli alto di gamma e i veicoli commerciali e soddisfare le crescenti esigenze legate alla produzione dei veicoli Opel/Vauxhall.

– La preparazione dello stabilimento di Trémery (Francia) allaproduzione di motori elettrici in Francia, a partire dal 2019, prima di imprimere un’accelerazione dal 2021, grazie alla joint-venture con Nidec. Questa produzione servirà all’aumento delle versioni elettriche perché il 100% della gamma di veicoli del Gruppo presenterà un’offerta elettrica entro il 2025.

Queste scelte produttive si faranno nel rispetto degli impegni dell’accordo Nuovo Slancio per la Crescita firmato nel luglio del 2016 da 5 organizzazioni sindacali su 6. Lo schema industriale tiene conto anche di quanto è stato presentato alle parti sociali nell’ambito del piano di performance PACE! di Opel/Vauxhall.

Yann Vincent, Direttore Industriale e Supply Chain di Groupe PSA, ha dichiarato: “Ciò che farà la differenza, sarà la nostra agilità per preparare la nostra organizzazione industriale a produrre componenti che tengano conto delle esigenze dei clienti e delle evoluzioni energetiche, creando così le condizioni di un futuro sostenibile grazie al miglioramento della nostra performance. Gli 11 stabilimenti meccanici e di prodotti grezzi di Groupe PSA in Europa, ubicati in Francia, Germania, Austria, Ungheria e Polonia, sono impazienti di offrire la migliore qualità e performance ai nostri clienti nella produzione di ogni componente”.