BENTLEY PASSA AI COMBUSTIBILI RINNOVABILI PER UNA LOGISTICA IN-HOUSE PIÚ SOSTENIBILE NEI SUOI STABILIMENTI A CREWE

0
172

Bentley Motors ha confermato oggi un ulteriore passo avanti nel suo viaggio per diventare il primo produttore automobilistico di lusso più sostenibile, annunciando che l’azienda gestirà la propria logistica interna con combustibili derivati da fonti rinnovabili al 100%. Ciò segue l’installazione di impianti di rifornimento di olio vegetale idrotrattato (HVO) presso il suo sito a Crewe.

Questo evidenzia quanto i fattori ambientali siano al centro della progettazione della catena di approvvigionamento attuale e futura, fondamentale per la visione di Bentley, quale leader nella produzione sostenibile. In seguito a questo ultimo ed ennesimo step ecologico, tutta la logistica interna di Bentley si fregia di potersi muovere con combustibili verdi o elettricità.

Un serbatoio e una pompa HVO “Green D +” da 34.000 litri può ora rifornire i dieci camion destinati alla logistica interna che trasferiscono quotidianamente parti tra il sito Bentley di Crewe e il deposito di stoccaggio a Winsford, oltre a 20 piccoli veicoli di sicurezza dei siti e furgoni per le consegne. Inoltre, gli oltre 250 carrelli elevatori e i motori di traino utilizzati all’interno della fabbrica vengono già caricati con elettricità verde generata in parte dai 30.000 pannelli solari di Bentley.

Il carburante HVO è un biocarburante premium di seconda generazione ottenuto da fonti rinnovabili e sostenibili come grassi di scarto, verdure e olii. Rispetto al carburante convenzionale diesel, ridurrà le emissioni di CO2 dallo scarico dei veicoli di oltre l’86%, riducendo allo stesso tempo il protossido di azoto fino al 30% e il particolato fino dell’80%. “Green D +” può essere utilizzato nei veicoli esistenti di Bentley senza ulteriori modifiche, manutenzione o modifiche, rendendolo un metodo rapido ed efficace per ridurre le emissioni dalla flotta esistente e allo stesso tempo, migliorare la qualità dell’aria nell’area del sito produttivo.

Bentley stima che i suoi movimenti di veicoli locali utilizzeranno ora circa 10.000 litri di biocarburante al mese. Con le emissioni di CO2 ridotte di oltre l’86%, su un totale di quasi 300.000 miglia percorse ogni anno dai veicoli interni, oltre 250.000 miglia sono ora effettivamente “senza emissioni”.

“All’inizio di questo mese abbiamo definito la nostra strategia Beyond100 con un chiaro obiettivo di diventare a impatto zero entro il 2030 – aprendo la strada al settore del lusso – e sfidando noi stessi a diventare pionieri della sostenibilità per la globalità delle nostre attività. Stiamo ora progettando e implementando una roadmap strategica che mira a fornire un impatto positivo attraverso la nostra filosofia di evitare, ridurre e compensare le emissioni dal nostro sito e adottare un approccio di economia circolare. Il passaggio dalla nostra logistica interna a combustibili rinnovabili al 100%, derivati da prodotti di scarto, è un ottimo esempio pratico di questo approccio.

“Siamo i primi ad installare nuovi impianti di rifornimento HVO di queste dimensioni in un sito di produzione automobilistico, questi si integrano perfettamente nella nostra strategia che già vede presente una nuova generazione di pannelli solari fotovoltaici che assicurano un approvvigionamento di energia elettricità verde. È anche un ottimo esempio di un progetto agile e di una soluzione “immediata” che siamo stati in grado di mettere in funzione e gestire attraverso la nostra flotta e infrastruttura esistenti in meno di sei mesi.

“Guardando al futuro, ci aspettiamo che il progetto ci fornisca informazioni e approfondimenti che potremo applicare nel prossimo futuro alla nostra più ampia logistica in entrata e in uscita per ridurre ulteriormente il nostro impatto sull’ambiente”.