Citroen C3 WRC: gran finale (con molta sfortuna) nel Rally di Corsica

0
496
10 MEEKE Kris (GBR), NAGLE Paul (IRL), CITROEN C3 WRC, CITROEN TOTAL ABU DHABI WRT action during the 2018 WRC World Rally Car Championship, Tour de Corse rally from April 5 to 8 at Bastia and Ajaccio, France - Photo Thomas Fenêtre / DPPI

Il grande spettacolo offerto da Loeb e Meeke nel tiratissimo show finale del Rally di Corsica, viene interrotto solamente dalla sfortuna. Le C3 WRC velocissime e la C3 R5 decima assoluta con l’equipaggio Bonato-Bolloud. L’appuntamento è fissato per i prossimi 27, 28, 29 aprile, in Argentina

Evidenti progressi per una macchina ora molto competitiva. Manca un po’ di fortuna, che sarebbe meritata. Kris Meeke rientra in regime Rally 2 per disputare l’ultima Tappa del Rally. L’uscita di strada che ha vanificato il podio della Citroen C3 WRC è dovuta a un errore del Navigatore, che ha “saltato” una nota. Una sola tra le migliaia del Tour de Corse. Una sola senza appello. È lo stesso Meeke che sdrammatizza, confermando la totale fiducia nel suo Navigatore, Paul Nagle: “Ho sbagliato sempre io, non vedo quindi perché non possa succedere una volta anche a Paul! Peccato solo per la Gara e per il Team, privato del risultato meritato che stavamo ottenendo e che avevamo costruito con una certa prudenza, soprattutto nella prima parte del Rally”.

Capitolo chiuso, si riparte per la giornata conclusiva, la micidiale Vero-Sarcolla-Carcopino di 55 chilometri prima del Power Stage Penitencier de Coti-Chiavari, sedici chilometri “live” per 15 punti da dividere tra i primi cinque.

Il ritorno in Gara di Meeke è segnato dal secondo posto ottenuto nella “Longa”, un buon ritmo e un occhio di riguardo all’usura delle gomme. E lo stesso vale per la Prova di Sébastien Loeb, che insieme a Daniel Elena ottiene il quinto tempo senza rischiare, affidandosi alla scoperta di una PS interminabile, ritmata e molto divertente.

Show finale sul Power Stage. Meeke meglio di Loeb per due terzi della Speciale, anzi, meglio di tutti. Una piccola incertezza nel finale e le parti si invertono, Loeb chiude con un gran secondo tempo per un Rally fantastico, con molti acuti e un solo “basso” iniziale, peraltro cruciale. Meeke è terzo nel Power Stage, stesso tempo del vincitore del Rally, Sébastien Ogier, e recupera il nono posto finale. Punti che potrebbero essere molto importanti ora che la C3 WRC è decisamente competitiva e continua a crescere. Molto, e nuovo, potenziale è confluito nella nuova gestione di Piere Budar, c’è da credere che una volta ottimizzato nelle sue variabili ci si possa trovare davanti a una vera e propria svolta.

Anche Yoann Bonato è “rientrato” in Gara con la debuttante C3 R5. Come era prevedibile gli Organizzatori hanno restituito all’equipaggio della Citroen #40 il tempo perso per il falso allarme lanciato dal sistema di sicurezza GPS della Corsa. Bonato e Boulloud riprendono dal secondo posto. Impossibile viste le circostanze, andare a prendere il leader, Kopecky, e fuori discussione essere ripresi dal terzo, Andolfi. La condizione ideale per tirare i remi in barca e dare al debutto della C3 R5 il battesimo prezioso del primo podio. Macchina “indovinata” dicono al Parco Assistenza. Macchina “ragionata”, rispondono dagli studi di Citroen Racing.

Assoluta Finale.

  1. Ogier 3:26:52.7;
  2. Tänak +36.1;
  3. Neuville +1:07.5;
  4. Sordo +2:02.6;
  5. Evans +2:06.1;
  6. Lappi +2:33.5;
  7. Mikkelsen +2:43.4;
  8. Kopecky + 10:34.8 (1st WRC2);
  9. MEEKE +10:40.5;
  10. BONATO + 12:26.0 (2nd WRC2);
  11. LOEB +20:58.0