Citroen SpaceTourer: un particolare test in Toscana

0
1148

La Citroen SapceTourer è stata la protagonista di un particolare test, con una road map improntata verso una delle località balneari italiane più cool di sempre. In compagnia della vettura francese abbiamo abbandonato la caotica Milano, per dirigerci a Forte dei Marmi. Il tragitto è stato decisamente confortevole e per niente affaticante. Il tutto, in compagnia di un buon motore… Se “trattato” nei giusti modi, il BlueHDi da 180 CV garantisce infatti una buona vivacità, senza influire sui consumi. A esso si affianca (nel modello da noi provato) il nuovo cambio automatico EAT6 con S&S

 

Arrivati a destinazione (Forte dei Marmi) si nota subito la bellezza paesaggio, caratterizzato da una forte presenza di verde, soprattutto pinete e qualche macchia superstite di leccio, antica pianta tipica di questa zona. Infatti, sebbene i parchi pubblici non siano molti, la città è abbellita da viali alberati e ville con grandi giardini. La spiaggia, invece, è interamente composta da sabbia finissima di color oro. In un posto così incantevole, non mancano certo tappe obbligatorie per assaporare prelibatezze culinarie…

 

Nella prestigiosa Via Carducci, esiste da oltre 30 anni un luogo di riferimento per appassionati gourmet –da Lorenzo- dove, nel tempo una trattoria si è poi trasformata in un raffinato ristorante, conquistando sin dai primi anni riconoscimenti e crescendo gradualmente nei voti della critica, del pubblico e delle più prestigiose guide gastronomiche sin dal 1982. In alternativa, potete fermarvi al Bistrot ristorante. L’ambiente è di un “chic che non impegna”, ideale per passare una serata all’insegna del buon gusto, in una delle sue eleganti sale dal design vagamente ispirato allo stile coloniale o nel fresco dehors estivo, accompagnati da della buona musica jazz.

 

Detto questo, è già tempo di ripartire alla volta di altre affascinanti località toscane, come Colonnata, dove potrete gustarvi il miglior lardo in circolazione. Nei nostri trasferimenti, oltre ad essere “cullati” dal confort (come riportato nelle righe sopra) abbiamo apprezzato i vari sistemi d’assistenza alla guida (d’ultima generazione) e l’interfaccia uomo-macchina.

 

Si tratta di dispositivi destinati a garantire un’elevata sicurezza, come, ad esempio, Avviso di superamento involontario della linea di carreggiata, Sorveglianza dell’angolo morto, Lettura dei cartelli dei limiti di velocità, Coffee Break Alert, Allarme Attenzione Conducente, Allarme Rischio Collisione. A questi si affiancano gli equipaggiamenti che facilitano la vita quotidiana: Citroen Connect Nav, funzione Mirror Screen, Head-up Display, Top Rear Vision, Grip Control.

Insomma, SpaceTourer è la risposta migliore di mobilità a un mondo in continuo movimento, dove il modo di vivere e di agire evolve rapidamente, e dove è sempre più frequente condividere con altre persone non solo i viaggi nel tempo libero, ma anche quelli di tipo professionale.

 

Nel frattempo siamo arrivati a Lucca. Famosa per i suoi monumenti storici e per l’intatta cinta muraia cinquecentesca, è una notevole città d’arte d’Italia. Ufficialmente di origini romane, ma su probabili insediamenti anteriori, Lucca mantenne la sua autonomia come Stato indipendente per molti secoli, fino a poco prima dell’Unità d’Italia. Su di lei ci sarebbe molto da dire, ma il tempo a disposizione è agli sgoccioli. Insieme al piacevole (sotto tutti i punti di vista) Spacetourer è ora di tornare a Milano…

 

Prima di chiudere è doveroso ricordare che la SpaceTourer è disponibile nelle configurazioni da cinque, sette o otto posti in tre differenti “taglie” di lunghezza: XS di 4,60 metri con passo corto; M di 4,95 metri e XL di 5,30 metri, entrambe con passo lungo. I quattro allestimenti si suddividono in due categorie, una dedicata all’impiego quotidiano (Feel e Shine) e una particolarmente adatta per un utilizzo professionale del mezzo (Business e Business Lounge). I prezzi, invece, partono da 29.900 euro.

16s49 cl-16010001 cl-16010005 cl-16010010 cl-16010041