FORMULA E: MAHINDRA CERCA L’IMPRESA NELL’EPILOGO BERLINESE

0
383

Come in un’avvincente spy-story con protagonista Michael Caine, l’epilogo del Campionato Mondiale FIA Formula E 2021 si avrà solo in occasione dell’ultimo appuntamento stagionale a Berlino: due le gare in programma, sabato 14 e domenica 15 agosto. Infatti sia la Classifica Costruttori che quella Piloti, vedono matematicamente ancora in lizza molti protagonisti, tra i quali Mahindra e Alex Lynn, vincitori dell’ultimo E-Prix di Londra. Con 96 punti ancora da assegnare ben dieci marche hanno ancora la possibilità matematica di aggiudicarsi il titolo iridato!  Un finale così incerto, non poteva che avere luogo in una cornice particolare: quello dello  storico aeroporto di Templehof a Berlino, non più operativo e trasformato in un parco. Alla fine della II Guerra Mondiale fu teatro del famoso ponte aereo per rifornire Berlino Ovest, rimasta isolata dal resto del mondo per quasi un anno. Dal 25 giugno 1948 al 12 maggio 1949, l’Unione Sovietica bloccò gli accessi ai settori occupati dai militari americani, inglesi e francesi, tagliando tutti i collegamenti stradali e ferroviari che attraversavano la parte di Germania posta sotto il proprio controllo. Il 12 maggio l’URSS tolse il blocco, ma i rifornimenti via aerea continuarono ugualmente fino a settembre.

Nel 2015 in quella che una volta era l’area di stazionamento degli aerei, venne ricavato un circuito dove si corse la prima edizione dell’E-Prix di Berlino. Lo scorso anno invece, la situazione di emergenza dovuta alla pandemia, fece disputare in questo impianto ben sei gare in nove giorni. Proprio in quella occasione Alex Lynn debuttò con Mahindra ottenendo i primi punti, e ora – ad un anno di distanza – si presenta al via per provare a ripetere il successo londinese. E’ sesto nella graduatoria Piloti, è ha ancora le sue chances di vittoria assoluta.

Per fare un bel balzo in avanti anche nella Classifica Costruttori, servirà anche il supporto di Alexander Sims, davvero sfortunato quest’anno, costretto spesso al ritiro a causa di tamponamenti causati dagli avversari. Dopo aver ottenuto il secondo posto a Roma, non ha più potuto ripetersi.

La configurazione del tracciato che sarà usata questo week-end è lunga 2.355 metri e prevede 10 curve, quindi è un percorso veloce con diverse possibilità di sorpasso. La gara di domenica si svolgerà in senso antiorario , nel senso di marcia contrario rispetto a quella del sabato. In Germania negli anni passati Mahindra ha ottenuto una vittoria, tre podi, una pole-position e un giro veloce e c’è la volontà di poter arricchire il proprio albo d’oro e concludere positivamente la stagione.