RALLY DEL MAROCCO :LA PEUGEOT 3008 DKR, PRONTA ALL’AZIONE!

0
805
  • La nuova PEUGEOT 3008 DKR è pronta per la sua prima uscita in gara. Con il supporto Total, Red Bull, BFGoodrich e Sparco, e affidata all’equipaggio costituito da Carlos SAINZ e Lucas CRUZ, la 3008 DKR parteciperà al Rally del Marocco dal 2 al 7 ottobre prossimi.
  •   Il Rally del Marocco, in genere considerato una ‘’prova generale’’ per la Dakar, costituisce una tappa importante per Peugeot nello sviluppo della sua nuova “belva” da competizione, la PEUGEOT 3008 DKR, che beneficia delle importanti evoluzioni adottate sulla sua sorella minore, la 2008 DKR vincitrice della Dakar e del Silk Way Rally 2016.
  •   Quest’estate, i quattro piloti del Dream Team Peugeot si sono impegnati nello sviluppo della PEUGEOT 3008 DKR partecipando a due sessioni di test e percorrendo oltre 5 000 chilometri in Spagna e in Marocco, con l’obiettivo di sperimentare le novità tecniche in condizioni reali (caldo, sabbia e dune) e di trovare le regolazioni adatte ad ogni equipaggio.

    Dalle sessioni di test… alla corsa

    Erfoud, in Marocco, e la Spagna sono stati scelti come sede dei test di Peugeot Sport per la stagione 2016. I territori di questi luoghi riuniscono tutte le caratteristiche della Dakar (clima, varietà dei terreni…) con condizioni propizie allo sviluppo delle vetture da rally-raid. Le due sessioni di test della PEUGEOT 3008 DKR che si sono svolte in questi posti hanno confermato gli sforzi compiuti dagli ingegneri di Peugeot durante tutto l’anno, sebbene nulla possa sostituire l’utilizzo in condizioni reali di gara come avverrà per la prima volta qui in Marocco.

    Il lavoro di sviluppo della PEUGEOT 3008 DKR si è concentrato su numerosi parametri tecnici : modifiche degli ammortizzatori e della geometria delle sospensioni per un migliore comportamento della vettura sulle piste accidentate del rally-raid; miglioramento della coppia per avere migliori riprese ai bassi regimi, soprattutto sulle dune; nuova carrozzeria per migliorare l’aerodinamica della vettura; impianto di climatizzazione nell’abitacolo, per permettere al “Dream Team’’ di realizzare le massime prestazioni, anche con il grande caldo.

Il Dream Team ne parla …

” Abbiamo lavorato su alcuni dettagli importanti per costruire la nostra nuova vettura della Dakar, la PEUGEOT 3008 DKR, basandoci sulle nostre esperienze in gara in questa stagione. In particolare abbiamo migliorato tutto quello che riguarda la maneggevolezza dell’auto, la facilità di utilizzo del motore e delle sospensioni; questi parametri ottimizzati possono fare la differenza”, spiega Carlos SAINZ (con il suo copilota Lucas CRUZ). “Certo, non sono cambiamenti profondi, come è avvenuto l’anno scorso, quando siamo partiti per la Dakar 2016 con una vettura completamente ripensata rispetto a quella del 2015. Abbiamo fatto delle sessioni di prove in Spagna e in Marocco con la nuova vettura ed il Rally del Marocco è importante perché ci permetterà di convalidare il lavoro di sviluppo per arrivare alla Dakar nelle migliori condizioni possibili. La pianificazione si annuncia serrata sino alla fine dell’anno”.

Cyril DESPRES (e il suo copilota David CASTERA) – che ha al suo attivo cinque vittorie alla Dakar sulle due ruote – parteciperà al Rally del Marocco sulla PEUGEOT 2008 DKR per la prima volta della sua fresca carriera nella categoria auto. Ha ottenuto la sua prima vittoria in auto al Silk Way Rally quest’estate (Mosca – Pechino, una corsa faticosa).

“Non svelerò tutti i segreti della nostra nuova vettura, ma gli ingegneri hanno fatto un lavoro formidabile nell’ombra, dal nostro ritorno dal Sud America in gennaio. Abbiamo sentito subito nelle prove gli effetti positivi dei miglioramenti apportati alle sospensioni, che permettono una maggiore stabilità della vettura, e di tutto il lavoro effettuato per ottenere una maggiore affidabilità per quanto riguarda il motore. La Dakar è la corsa più difficile del mondo e il percorso diventa sempre più impegnativo ogni anno. Occorre avere una vettura all’altezza e fare progressi per presentarsi ogni volta meglio preparati. Questo vale per la meccanica e anche per gli uomini; per questo, dopo il Marocco mi dedicherò alla preparazione fisica. Non vedo l’ora di partecipare a questa corsa in Marocco, in cui ho vinto in moto: è un bellissimo rally, che affronterò per la prima volta in auto, con la fiducia acquisita vincendo il Silk Way Rally quest’estate.”

Stéphane Peterhansel – il pilota più titolato della storia della Dakar – ha partecipato al processo di sviluppo della PEUGEOT 3008 DKR con il suo copilota Jean Paul COTTRET. “È stata per me una grande felicità la conquista della dodicesima vittoria alla Dakar quest’anno, con un marchio francese prestigioso come Peugeot. L’obiettivo per il 2017 sarà ovviamente cercare di ripetere l’exploit, anche se la concorrenza più aspra verrà forse dall’interno del team, visti i progressi compiuti in questa stagione dai miei colleghi del Team Peugeot Total. Sono fiducioso negli orientamenti tecnici che sono stati presi con la nuova vettura e sono molto soddisfatto dello svolgimento del programma di test di Peugeot. Seguirò con grande interesse la corsa di Carlos e di Cyril al Rally del Marocco.”

Uno dei piloti di punta della Dakar nel 2016 è stato Sébastien Loeb (e il suo copilota Daniel ELENA), nove volte Campione del Mondo Rally, che ha ottenuto il maggior numero di vittore di tappa nella prima settimana di corsa. Loeb ha continuato il suo apprendistato nel rally-raid in tutta la stagione e ha portato avanti il programma Peugeot Hansen nel campionato del mondo di Rallycross. Il suo talento e la sua esperienza di pilota di altissimo livello hanno accelerato lo sviluppo della nuova PEUGEOT 3008 DKR.

“Ho ancora molto da imparare nel Rally-raid e i chilometri percorsi al Silk Way Rally sono stati ovviamente molto positivi in vista della prossima Dakar. Se si aggiungono le sessioni di test effettuate tutto l’anno, comincio davvero ad apprezzare questa disciplina e mi sento a mio agio. È un modo diverso di gestire una corsa, sulla lunga distanza, che non conoscevo ancora. Con Daniel dobbiamo fare progressi sulla sabbia e sulle dune e ci concentriamo molto su questo tipo di terreno nella nostra preparazione.”

 

Rally del Marocco – Percorso della corsa

Il Rally del Marocco si compone di cinque tappe fra Agadir ed Erfoud, per un totale di circa 1885 chilometri. Le verifiche tecniche e amministrative si svolgeranno il 1° settembre e il Prologo del 2 ottobre definirà l’ordine di partenza della prima tappa.
tappa 1 – 3 ottobre: 240 chilometri, lungo la costa.

tappa 2 – 4 ottobre: tappa maratona di 554 chilometri che porterà i concorrenti verso un bivacco chiuso, dall’oceano verso le dune.
tappa 3 – 5 ottobre: 390 chilometri sulla “Strada Orientale”.
tappa 4 – 6 ottobre: circuito di 376 chilometri a Erfoud.

tappa 5 – 7 ottobre: ‘ERG Chebbi Final’, gli ultimi 275 chilometri di corsa.
Maggiori informazioni sul Rally del Marocco sul sito ufficiale NPO