Porsche Carrera Cup Italia, Malucelli vince gara 1 a Misano in notturna

0
360

Agonismo e spettacolo sono stati gli ingredienti di gara 1 che sabato sera con 35 Porsche 911 GT3 Cup al via ha aperto il secondo round stagionale della Carrera Cup Italia al Misano World Circuit. Illuminato dai riflettori del circuito romagnolo, a dominare la scena è stato Matteo Malucelli. L’esperto pilota forlivese del Team Malucelli – Centro Porsche Modena si è preso la rivincita dopo lo sfortunato avvio di stagione a Imola il mese scorso e nella classifica finale della notturna di Misano ha vinto davanti a Gianmarco Quaresmini (Ombra Racing – Centro Porsche Brescia) e al campione in carica Alberto Cerqui (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Milano), in realtà quarto al traguardo ma promosso terzo dopo che Diego Bertonelli (BeDriver – Centro Porsche Piacenza) è stato penalizzato di 25 secondi dalla commissione gara a seguito di un contatto con Giammarco Levorato che nei giri finali aveva fatto finire in testacoda il giovane driver padovano di Tsunami RT – Centro Porsche Parma.

Al primo successo stagionale, Malucelli ha dominato gara 1 fin dal via, quando dalla prima fila ha bruciato in partenza l’autore della pole position e pilota di casa Giorgio Amati (Ghinzani Arco Motorsport – Centri Porsche Milano) e ha sempre mantenuto il comando delle operazioni fino al traguardo, facendo pure segnare il giro più veloce in 1’37”133. Anche Quaresmini, scattato dalla quarta casella della griglia, si era guadagnato la seconda posizione superando Amati e Andrea Fontana (Bonaldi Motorsport – Centro Porsche Bergamo) nelle prime battute di gara, mentre dietro ai due battistrada la corsa è stata caratterizzata da continue bagarre. Cerqui ha ottenuto il terzo posto dopo essersi tenuto lontano da possibili contatti, mentre dopo la penalty comminata a Bertonelli al quarto posto è risalito Amati, al quinto Fontana e al sesto il 22enne sudafricano Keagan Masters. Per effetto della griglia invertita dei primi sei di gara 1, proprio il nuovo pilota di AB Racing – Centri Porsche Roma si posizionerà in pole position per la gara 2 del secondo round del monomarca di Porsche Italia, in programma domenica 5 giugno alle 12.35, sempre sulla distanza di 28 minuti + 1 giro e in diretta tv su Sky Sport Arena (canale 204 di Sky), in chiaro su Cielo (canale 26 del digitale terrestre) e in live streaming in HD sul sito ufficiale www.carreracupitalia.it.

Tornando a sabato sera, tra i migliori di giornata è da sottolineare la prova di Jorge Lorenzo. Il pluricampione della MotoGP ora pilota ufficiale del Team Q8 Hi Perform ha migliorato i propri tempi fin dalle prove libere e in gara 1 è stato autore di una convincente rimonta dal 20esimo al 12esimo posto finale. Un piazzamento particolarmente prezioso per il maiorchino, che centra l’obiettivo di conquistare i primi punti stagionali e in assoluto in Carrera Cup Italia e nell’automobilismo.
Nella Michelin Cup, primo centro 2022 di Alberto De Amicis. Il pilota di Ebimotors, poleman di categoria, era stato sopravanzato dal campione in carica Marco Cassarà al via, ma si è poi ripreso il primo posto nei minuti finali dopo un bel duello con il pilota di Raptor Engineering – Centro Porsche Catania. E poco più tardi ne ha approfittato anche Alex De Giacomi, con il pilota di Tsunami RT che ha così conquistato il secondo gradino del podio precedendo lo stesso Cassarà, terzo.
Fra numerosi sorpassi, nella Silver Cup con protagoniste le 911 GT3 Cup leggermente più datate (modello 991.II), è successo pieno per il vicecampione Davide Scannicchio. Il pilota veronese di ZRS Motorsport ha preceduto sul traguardo di Misano Max Donzelli, al primo podio 2022 con Raptor Engineering – Centro Porsche Catania e Matteo Rovida (BeDriver – Centro Porsche Piacenza).

Matteo Malucelli (vincitore gara 1): “Il mio problema nel primo round a Imola era stata la partenza. Oggi sono stato anche un po’ fortunato, sono partito bene e una volta che sono riuscito a prendere il comando ho potuto gestire la gara, che direi è stata una gara perfetta. Questa è una vittoria importante per tanti aspetti: per il nostro team, per chi aveva dei dubbi e per me stesso. Ci voleva!”.